Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA
DOSSIER GIAPPONE

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

IRAN. RELATRICE ONU DENUNCIA VIOLENZE SU DONNE

6 febbraio 2005: In una conferenza stampa a chiusura di una visita durata una settimana, la Erturk ha invitato le autorita' di Teheran ad approvare la Convenzione sull'eliminazione di ogni forma di discriminazione contro le donne, gia' votata dal precedente Parlamento riformista ma poi bloccata dal Consiglio dei Guardiani, organo conservatore non eletto.
Inoltre la rappresentante delle Nazioni Unite ha chiesto che venga messa mano a una serie di riforme giudiziarie che eliminino quelle che ha definito le ''leggi discriminatorie''.
Sono queste leggi, secondo la Erturk, unite a un ''malfunzionamento della giustizia'', che fanno si' che ''donne che cercano di vedere punita la violenza subita, vengano esse stesse condannate dalla legge e dalla societa', al posto dei colpevoli''.
La rappresentante dell'Onu, che durante la sua permanenza in Iran ha incontrato autorità, attiviste per i diritti umani e detenute, ha parlato di ''violenze psicologiche, fisiche e sessuali nelle famiglie'', dove tra l'altro per una donna e' molto difficile iniziare una causa di divorzio, e ancor più ottenere la custodia dei figli, anche quando il marito abbia compiuto abusi su di lei.
Secondo la Erturk, esiste poi una violenza ''della comunita''', per cui, ad esempio, risulta difficile a una donna vittima di uno stupro portare in giudizio il colpevole.
Infine, ci sono i casi che riguardano lo Stato. A questo proposito l'inviata dell'Onu ha denunciato ''arresti arbitrari'' per ''opinioni politiche'', maltrattamenti e mancato accesso alla difesa legale, anche durante gli interrogatori.
La Erturk ha anche sottolineato il fatto che, sebbene le esecuzioni delle sentenze di lapidazione (previste tra l'altro dalla legge islamica per gli adulteri) siano state sospese da due anni per decreto della magistratura, questi verdetti continuino ad essere emessi. A questo proposito, ha auspicato che il Parlamento vari una legge che abolisca questo supplizio, cosi' come le condanne a morte di minorenni. Un progetto di legge riguardante quest'ultimo aspetto e' attualmente all'esame del Parlamento.
La rappresentante dell'Onu ha sottolineato anche ''gli sviluppi positivi nella societa' iraniana'', come il fatto che piu' della meta' degli studenti ammessi alle Universita' ogni anno siano appunto donne. Ma ha altresì espresso l'auspicio che vengano create ''opportunita' di lavoro'' adeguate, che permettano di rafforzare la presenza delle donne anche a livelli di responsabilità.   (Fonti: Ansa, 06/02/2005)

Altre news:
NEW MEXICO. LA CAMERA APPROVA ABOLIZIONE DELLA PENA CAPITALE
GRECIA. INAUGURATA “I CONDANNATI A MORTE” DI OLIVIERO TOSCANI
IRAN. PADRE E FIGLIO SEDICENNE RISCHIANO L’ESECUZIONE
YEMEN. CONFERMATA CONDANNA CAPITALE PER ATTENTATO USS COLE
UNIONE EUROPEA. PER UNA UE PROTAGONISTA ALLA COMMISSIONE DIRITTI UMANI
AUTORITA’ PALESTINESE. CONDANNE A MORTE AL VAGLIO DEL MUFTI’
KENIA. CONDANNATI A MORTE CHIEDONO LA GRAZIA
FILIPPINE. LA ARROYO SOSPENDE 14 ESECUZIONI
BANGLADESH. TRE CONDANNE CAPITALI PER OMICIDIO
SPAGNA. IL PRESIDENTE DEL SENATO VUOLE UN RILANCIO DELLA MORATORIA ALL’ONU
IRAQ. VERSO ADESIONE A CORTE PENALE INTERNAZIONALE
IRAN. ALMENO 23 ESECUZIONI E 42 CONDANNE CAPITALI DA INIZIO ANNO
SRI LANKA. CORTE SUPREMA ANNULLA CONDANNA CAPITALE
IRAN. CONDANNATA A MORTE PER OMICIDIO
AUTORITA’ PALESTINESE. GRUPPO PALESTINESE, ABU MAZEN COME ARAFAT
NIGERIA. TRE CONDANNE A MORTE PER OMICIDIO
COREA DEL SUD. PROGETTO ABOLIZIONISTA IN COMMISSIONE PARLAMENTO
UNA CONDANNA A MORTE IN BANGLADESH
AUTORITA’ PALESTINESE. ABU MAZEN ORDINA L’ESECUZIONE DI TRE “COLLABORAZIONISTI”
BANGLADESH. DUE CONDANNE A MORTE PER STUPRO
REPUBBLICA DEMOCRATICA CONGO. 21 MILITARI CONDANNATI A MORTE
REGNO UNITO. VA IN SCENA A LONDRA “LORILEI – RIFLESSIONI SU UNA PERDITA”
GIORDANIA. RIPROCESSATO DOPO CONDANNA CAPITALE IN ABSENTIA
INDIA. CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER TRIPLICE OMICIDIO
ARABIA SAUDITA. GIUSTIZIATO PER STUPRO
TAGIKISTAN. ERGASTOLO COME ALTERNATIVA ALLA PENA CAPITALE
DICHIARAZIONE DEL RAPPRESENTATE RUSSO ALL'UE SULLA PENA DI MORTE
BARBADOS. ALTA CORTE SOSPENDE ESECUZIONE
ZAMBIA. CONDANNATI A MORTE DUE MILITARI PER RAPINA A MANO ARMATA
ZAMBIA. TRE CONDANNE A MORTE PER OMICIDIO E RAPINA

1 2 [Succ >>]
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  CORTE DI STRASBURGO. NESSUNO TOCCHI CAINO, STORICA SENTENZA DELLA CEDU SUL CASO VIOLA vs ITALIA  
  APPELLO DI NESSUNO TOCCHI CAINO PER NASRIN SOTOUDEH  
  NESSUNO TOCCHI CAINO INVITA ALL’EVENTO IN RICORDO DI ENZO MAZZARELLA ‘NASCONDI LA PIETRA CHE CAINO NON LA TROVI’  
  IRAN. NESSUNO TOCCHI CAINO, RIDUZIONE DELLE ESECUZIONI PER DROGA MA I NUMERI RESTANO PREOCCUPANTI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits