Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA
DOSSIER GIAPPONE

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Iyad Allawi, primo ministro iracheno
Iyad Allawi, primo ministro iracheno
IRAQ. VERSO ADESIONE A CORTE PENALE INTERNAZIONALE

21 febbraio 2005: il primo ministro iracheno Iyad Allawi ha annunciato l’intenzione di aderire allo Statuto di Roma istitutivo della Corte Penale Internazionale, rende noto il Comitato Non c'è Pace Senza Giustizia (No Peace Without Justice). Allawi ha manifestato l’intenzione in occasione dell’annuncio dei risultati elettorali emersi dopo le prime elezioni democratiche del post Saddam.
La Corte Penale Internazionale esclude il ricorso alla pena di morte.
“Già nel gennaio del 2003 – è scritto nel comunicato di NPWJ - durante la conferenza organizzata da Non c'è Pace Senza Giustizia a San'a, in Yemen, per promuovere la ratifica dello Statuto di Roma, la delegazione irachena aveva manifestato il proprio interesse nei confronti della Corte Penale Internazionale.
Essendoci battuti non solo per l’istituzione della Corte, ma anche per la promozione di riforme democratiche nel mondo arabo e ovunque, siamo compiaciuti del fatto che ai 97 Paesi membri dello Statuto di Roma se ne aggiunga un altro e di tale rilevanza. Questo potrebbe rappresentare un notevole passo in avanti in una regione, quella araba, dove al momento solo il Gibuti e la Giordania hanno ratificato lo Statuto della Corte.
Inoltre è significativo che un paese che vive una situazione di instabilità voglia comunque aderire ad un'istituzione che promuove i più alti standard di giustizia internazionale, e di particolare importanza sono le parole pronunciate dal primo ministro che definisce le disposizioni dello Statuto “rappresentare valori comuni a tutta l’umanità”.
Pur se il regime di Saddam, e i sistematici crimini contro l’umanità di cui si è macchiato, non potranno essere giudicati dalla Corte dell’Aja per il principio di non retroattività, è sicuramente importante che un paese che si sta poco a poco e con molte difficoltà ricostruendo dia fiducia ad una istituzione a carattere universale.
Da parte nostra continueremo a fare quanto possibile affinché la magistratura irachena riceva una formazione il più possibile adeguata alle regole del diritto penale internazionale sul genocidio, crimini di guerra e crimini contro l'umanità definiti dallo Statuto di Roma su cui si baseranno i tribunali iracheni.
Auspichiamo, infine, che gli stati membri della coalizione in Iraq che da anni si battono per l'affermazione della giurisdizione della CPI si adoperino per favorire una rapida adozione dello statuto di Roma in Iraq”. (Fonti: Non C’è Pace Senza Giustizia, 21/02/05;)

Altre news:
NEW MEXICO. LA CAMERA APPROVA ABOLIZIONE DELLA PENA CAPITALE
GRECIA. INAUGURATA “I CONDANNATI A MORTE” DI OLIVIERO TOSCANI
IRAN. PADRE E FIGLIO SEDICENNE RISCHIANO L’ESECUZIONE
YEMEN. CONFERMATA CONDANNA CAPITALE PER ATTENTATO USS COLE
UNIONE EUROPEA. PER UNA UE PROTAGONISTA ALLA COMMISSIONE DIRITTI UMANI
AUTORITA’ PALESTINESE. CONDANNE A MORTE AL VAGLIO DEL MUFTI’
KENIA. CONDANNATI A MORTE CHIEDONO LA GRAZIA
FILIPPINE. LA ARROYO SOSPENDE 14 ESECUZIONI
BANGLADESH. TRE CONDANNE CAPITALI PER OMICIDIO
SPAGNA. IL PRESIDENTE DEL SENATO VUOLE UN RILANCIO DELLA MORATORIA ALL’ONU
SRI LANKA. CORTE SUPREMA ANNULLA CONDANNA CAPITALE
IRAN. ALMENO 23 ESECUZIONI E 42 CONDANNE CAPITALI DA INIZIO ANNO
IRAN. CONDANNATA A MORTE PER OMICIDIO
NIGERIA. TRE CONDANNE A MORTE PER OMICIDIO
AUTORITA’ PALESTINESE. GRUPPO PALESTINESE, ABU MAZEN COME ARAFAT
COREA DEL SUD. PROGETTO ABOLIZIONISTA IN COMMISSIONE PARLAMENTO
AUTORITA’ PALESTINESE. ABU MAZEN ORDINA L’ESECUZIONE DI TRE “COLLABORAZIONISTI”
REPUBBLICA DEMOCRATICA CONGO. 21 MILITARI CONDANNATI A MORTE
BANGLADESH. DUE CONDANNE A MORTE PER STUPRO
UNA CONDANNA A MORTE IN BANGLADESH
INDIA. CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER TRIPLICE OMICIDIO
GIORDANIA. RIPROCESSATO DOPO CONDANNA CAPITALE IN ABSENTIA
REGNO UNITO. VA IN SCENA A LONDRA “LORILEI – RIFLESSIONI SU UNA PERDITA”
ARABIA SAUDITA. GIUSTIZIATO PER STUPRO
TAGIKISTAN. ERGASTOLO COME ALTERNATIVA ALLA PENA CAPITALE
ZAMBIA. TRE CONDANNE A MORTE PER OMICIDIO E RAPINA
DICHIARAZIONE DEL RAPPRESENTATE RUSSO ALL'UE SULLA PENA DI MORTE
BARBADOS. ALTA CORTE SOSPENDE ESECUZIONE
ZAMBIA. CONDANNATI A MORTE DUE MILITARI PER RAPINA A MANO ARMATA
IRAN. RELATRICE ONU DENUNCIA VIOLENZE SU DONNE

1 2 [Succ >>]
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  CORTE DI STRASBURGO. NESSUNO TOCCHI CAINO, STORICA SENTENZA DELLA CEDU SUL CASO VIOLA vs ITALIA  
  APPELLO DI NESSUNO TOCCHI CAINO PER NASRIN SOTOUDEH  
  NESSUNO TOCCHI CAINO INVITA ALL’EVENTO IN RICORDO DI ENZO MAZZARELLA ‘NASCONDI LA PIETRA CHE CAINO NON LA TROVI’  
  IRAN. NESSUNO TOCCHI CAINO, RIDUZIONE DELLE ESECUZIONI PER DROGA MA I NUMERI RESTANO PREOCCUPANTI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits