Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA
DOSSIER GIAPPONE

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

FLORIDA (USA). GOVERNATORE JEB BUSH SOSPENDE LE ESECUZIONI

15 dicembre 2006: il governatore della Florida, Jeb Bush, ha sospeso tutte le esecuzioni in attesa che si chiariscano le circostanze degli errori che hanno segnato la morte di Angel Diaz. Diaz, giustiziato il 13 (vedi) ha impiegato 34 minuti a morire, quasi il triplo del tempo che e' stato necessario in Florida nelle due precedenti esecuzioni di quest’anno. Diaz, secondo i testimoni che hanno assistito all'esecuzione, dopo l'iniezione e' stato colto da tremiti, mostrando smorfie al volto, come se soffrisse. Dopo una ventina di minuti, gli e' stata somministrata una seconda dose di sostanze letali che era pronta proprio per il timore che l'organismo di Diaz, per una patologia al fegato, si rivelasse troppo lento a metabolizzare il veleno. “Qualcosa e' ovviamente andato storto in modo grave”, ha detto Neal Dupree, che assisteva Diaz sul piano legale. “Sembrava provare un gran dolore, ha boccheggiato per 11 minuti”. Una portavoce dell'amministrazione carceraria, Gretl Plessinger, ha riconosciuto che la durata della procedura e' stata insolita, ma non ha saputo precisare se si tratti della più lunga nella storia delle esecuzioni in Florida. Il Dipartimento delle prigioni, all'indomani della vicenda, aveva attribuito il lungo decesso al fatto che una patologia al fegato avrebbe reso più difficile all'organismo di Diaz assimilare i veleni. Ma l'autopsia ha fatto emergere che il fegato era in condizioni normali, nonostante in passato il detenuto avesse avuto un'epatite. Secondo il dottor William Hamilton, che ha eseguito l’autopsia, l'esecuzione nella notte tra mercoledì e giovedì e' stata segnata da errori: gli aghi avrebbero perforato le vene di Diaz e le sostanze letali si sarebbero così disperse nei tessuti. E' stata necessaria una seconda iniezione per uccidere il detenuto, che secondo alcuni testimoni oculari avrebbe dato segnali di sofferenza mentre era privo di sensi. Il responsabile dell' amministrazione penitenziaria, James McDonough, ha sostenuto che il personale del carcere di Starke, dove e' stata eseguita la procedura, non ha notato alcun rigonfiamento nelle braccia di Diaz, una circostanza che avrebbe segnalato la presenza di un problema. Secondo il medico legale, però, l'autopsia ha permesso di individuare vistose infiammazioni di oltre venti centimetri sia sul braccio destro che su quello sinistro, bruciature che dimostrano la fuoriuscita dei liquidi dalla vena. “Lo stato della Florida sta uccidendo un innocente - ha detto, in spagnolo, quando era già disteso sul lettino - la pena di morte e' una forma di vendetta, ma anche un atto di vigliaccheria da parte di essere umani”. Martin McClain, un avvocato che assiste oltre 100 detenuti nel braccio della morte, ha chiesto l'apertura di un'indagine su ciò che e' accaduto nella camera della morte del carcere della Florida. A suo dire, se fosse provato che Diaz ha sofferto prima di morire si tratterebbe di una prova che l'iniezione e' da considerare un metodo “crudele e inusuale”, quindi vietato dalla Costituzione. Diaz, ex membro di una gang portoricana, ha rivendicato la sua innocenza fino all’ultimo. Fino all' ultimo i suoi difensori avevano cercato di ottenere un rinvio sulla base degli interrogativi sulla legalita’ del metodo più diffuso negli Stati Uniti. Nei mesi scorsi proprio un caso della Florida era arrivato fino alla Corte Suprema e i giudici di Washington avevano aperto la strada alla possibilità per i detenuti di presentare ricorsi, anche in extremis, contro l'uso del cocktail di veleni per ucciderli. Il governatore Bush ha spiegato che non firmerà più un' ordine di esecuzione e ha dato disposizione di attendere le conclusioni degli studi di una commissione speciale sulle iniezioni - che dovrebbe riferire entro il primo marzo - prima di giustiziare qualcuno. La Florida in realtà al momento non ha in programma alcuna esecuzione per i primi mesi del 2007 e Bush lascerà l'incarico a gennaio. Il suo successore, Charlie Crist, si e' però detto a sua volta turbato dal caso Diaz e potrebbe mantenere in vigore la moratoria di fatto. Con l'esecuzione in Florida, l'ultima in programma negli Usa quest'anno, il totale delle condanne alla pena capitale eseguite nel 2006 ha raggiunto quota 53, il numero piu' basso da 10 anni, con un calo del 46% rispetto all'anno record 1999. Il braccio della morte e' diminuito per il quinto anno consecutivo: sono ora 3.366 le persone che aspettano l'esecuzione nelle prigioni americane, rispetto alle 3.415 dello scorso anno. (Fonti: Associated Press, Los Angeles Times, The Guardian, The (London) Times, 15/12/2006)

Altre news:
DICHIARAZIONE DI MARCO PANNELLA
IRAQ. GIUSTIZIATO SADDAM HUSSEIN
REGNO UNITO. ‘NO’ A PENA DI MORTE, MA SADDAM HA PAGATO PER SUOI CRIMINI
PRODI, SU SADDAM NON HO PENSATO A INIZIATIVA INTERNAZIONALE
SADDAM: D'ELIA (RNP), NON SUFFICIENTI PRESE DI POSIZIONE DI PRODI E D'ALEMA
SADDAM. PER LONDRA, PARIGI E BERLINO DECISIONE SU ESECUZIONE SPETTA A IRACHENI
SADDAM, CON IL MIO SACRIFICIO FINIRO' TRA I MARTIRI
PANNELLA: VIVA SADDAM, SADDAM VIVA
FRANCIA. PRESTO CANCELLAZIONE PENA MORTE DALLA COSTITUZIONE
NESSUNO TOCCHI CAINO SU CONFERMA CONDANNA A MORTE EX RAIS
OLIVIERO TOSCANI SU CONDANNA A MORTE DI SADDAM HUSSEIN
MARCO PANNELLA INIZIA SCIOPERO DELLA SETE E DELLA FAME PER SADDAM HUSSEIN
GIAPPONE. QUATTRO ESECUZIONI
CROAZIA. MOSTRA DI OLIVIERO TOSCANI SU DIRITTI UMANI A CUBA
NTC. INSODDISFACENTE DICHIARAZIONE UE
UE. PRESENTATA A NEW YORK DICHIARAZIONE SU PENA DI MORTE
IRAN. NOVE IMPICCATI IN TRE GIORNI
COMMISSIONE UE. DALLA LIBIA VERDETTO INACCETTABILE
NTC. VICENDA INFERMIERE BULGARE, NO AL RICATTO
LIBIA. BONINO, DEPLORO CONDANNE A MORTE INFERMIERE BULGARE E MEDICO PALESTINESE
MARYLAND (USA). STOP ALL’INIEZIONE LETALE
IRAQ. GIUSTIZIATI IN TREDICI PER TERRORISMO
LIBIA. CONDANNA A MORTE PER INFERMIERE BULGARE E MEDICO PALESTINESE
IRAN. TRE ESECUZIONI NEL KHUZESTAN
KENYA. LA VITTIMA: CONDANNA A MORTE MIEI AGGRESSORI PUNIZIONE TROPPO SEVERA
ARABIA SAUDITA. PAKISTANO GIUSTIZIATO PER SPACCIO DI DROGA
INIEZIONE LETALE. D'ELIA, NON ESISTE METODO UMANO PER UCCIDERE
INVITO. PER UN 2007 DI LOTTE E CONQUISTE UMANE E CIVILI
CALIFORNIA (USA). INIEZIONE LETALE INCOSTITUZIONALE
RADICALI. LANCIO DELLA CAMPAGNA ISCRIZIONI 2007

1 2 [Succ >>]
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  CORTE DI STRASBURGO. NESSUNO TOCCHI CAINO, STORICA SENTENZA DELLA CEDU SUL CASO VIOLA vs ITALIA  
  APPELLO DI NESSUNO TOCCHI CAINO PER NASRIN SOTOUDEH  
  NESSUNO TOCCHI CAINO INVITA ALL’EVENTO IN RICORDO DI ENZO MAZZARELLA ‘NASCONDI LA PIETRA CHE CAINO NON LA TROVI’  
  IRAN. NESSUNO TOCCHI CAINO, RIDUZIONE DELLE ESECUZIONI PER DROGA MA I NUMERI RESTANO PREOCCUPANTI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits