Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA
DOSSIER GIAPPONE

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

NAZIONI UNITE. PRESIDENTE CONSIGLIO DI SICUREZZA RALLENTA SU IPOTESI MORATORIA

3 gennaio 2007: Vitalij Churkin, ambasciatore russo al Palazzo di Vetro, presidente di turno del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, è parso tirare il freno sulla proposta di riaprire il dibattito in Assemblea Generale sulla sospensione di tutte le condanne a morte nel mondo. Nel corso di una conferenza stampa di presentazione del calendario dei lavori del Consiglio per il mese di gennaio, Churkin ha evitato di chiarire se la questione della moratoria sulla pena di morte, in termini generali, e quella dell'esecuzione dell'ex presidente iracheno Saddam Hussein, in particolare, verranno portate all'attenzione del Consiglio di Sicurezza nelle prossime settimane. "Per il momento - ha detto ai reporter - non ci sono state richieste in tal senso".
Il diplomatico di Mosca ha ricordato come il nodo della moratoria sia "stato sollevato ieri dall'Italia nel corso dell'incontro con l'ambasciatore Marcello Spatatora ma solo brevemente e senza che si entrasse nello specifico". Ai reporter che gli chiedevano di esprimere un parere sull'iniziativa ha detto: "Non ne penso nulla". Churkin ha ricordato la posizione della Russia sulla pena di morte, prevista dall'ordinamento giuridico ma la cui applicazione è sospesa dal giorno dell'ingresso nel Consiglio d'Europa.
Nel colloquio di Spatafora con Churkin non c'è inoltre stata una richiesta al Consiglio di occuparsi della questione della moratoria. Il Consiglio tuttavia potrebbe dire la sua. L'organo esecutivo dell'Onu "si occupa di questioni che riguardano la garanzia della pace e della sicurezza internazionale - ha spiegato un portavoce della Segreteria Generale - ma spetta ai Paesi che ne fanno parte stabilire se la pena di morte debba o no essere inclusa in questo ambito. La presidenza di turno russa potrebbe decidere di discutere la questione qualora ritenesse che la pena di morte o la sua applicazione possano mettere a rischio in qualche misura la pace e la sicurezza". L'occasione potrebbe essere data dall'impiccagione del rais di Baghdad, che rischia di provocare una nuova escalation di violenze rendendo ancora drammatica la situazione della sicurezza nel Paese. (Fonte: Apcom, 03/01/2007)

Altre news:
MORATORIA. L’INTERNAZIONALE SOCIALISTA SOSTIENE L’INIZIATIVA ITALIANA
TEXAS. PRIMA ESECUZIONE DELL’ANNO
IRAQ. TALABANI CHIEDE AL GOVERNO DI RINVIARE ESECUZIONI DI BARZAN E AL-BANDAR
PAKISTAN. PRIMA ESECUZIONE DEL 2007
CINA. QUATTRO GIUSTIZIATI PER TRAFFICO DI EROINA
MORATORIA. DAVIS A D’ALEMA, SOSTENIAMO VOSTRA INIZIATIVA
MORATORIA. BONINO, INIZIATIVA GOVERNO ITALIANO DEVE ANDARE AVANTI
REGNO UNITO. BROWN, ESECUZIONE SADDAM COMPLETAMENTE INACCETTABILE
GIAPPONE. NEL 2006 RECORD DI CONDANNE A MORTE
ITALIA. D’ELIA, PICCOLA MORATORIA IN IRAQ
IRAQ/NAZIONE UNITE. SOSPENSIONE ESECUZIONI CHIESTA DA SEGRETARIO GENERALE ONU
ITALIA. D'ALEMA A RADICALI, ALLARGARE CONSENSO MORATORIA
ROMA. COLOSSEO ILLUMINATO A SOSTEGNO DI MORATORIA ONU DELLE ESECUZIONI
GRECIA. APPOGGIA PROPOSTA ITALIANA PER MORATORIA
UNIONE EUROPEA. PRESIDENZA TEDESCA: L'UE SI OPPONE ALLA PENA DI MORTE IN OGNI CIRCOSTANZA
PENA DI MORTE. MORATORIA ALL'ONU, SUBITO!
NTC. ZAMPARUTTI AD AMNESTY INTERNATIONAL: SOSTENGA LA LOTTA DI PANNELLA PER LA MORATORIA ONU
ITALIA. RICOVERATO MARCO PANNELLA, CONDIZIONI DI SALUTE CRITICHE
PENA DI MORTE. D’ELIA, IL CONSENSO EUROPEO NON PUÒ ESSERE ALIBI PER NON FARE NULLA
IRAQ. RINVIATE ESECUZIONI DI AL BANDAR E AL TIKRITI
PENA MORTE: UE; COMMISSIONE, SEMPRE SOLLEVATO TEMA CON USA
IRAQ. PROBABILE ESECUZIONE DI BARZAN E BANDAR
PENA MORTE. FRANCIA SOSTIENE INIZIATIVA ITALIANA ALL'ONU
ITALIA. AMBASCIATORE FULCI, OGGI CONDIZIONI PROPIZIE PER MORATORIA. NON IMPORTA AVERE CONSENSO TOTALE UE, MA DI QUELLI CHE CONTANO
ITALIA. PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA: BEL BIGLIETTO DA VISITA MORATORIA PENA MORTE
UNIONE EUROPEA. VICEPRESIDENTE DELLA COMMISSIONE: MOZIONE IN AUTUNNO
ONU. BAN KI-MOON CORREGGE POSIZIONE SU PENA DI MORTE
ITALIA. LA LINEA DEL MINISTERO DEGLI ESTERI PER LA MORATORIA ONU
PENA DI MORTE: PANNELLA, FELICE MA SE SMETTO SCIOPERO SI ARRIVA AL 2023
PENA DI MORTE: DIRIGENTI RADICALI CHIEDONO IMPEGNO FORMALE

[<< Prec] 1 2 3 4 [Succ >>]
2019
gennaio
febbraio
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  IRAN. NESSUNO TOCCHI CAINO, RIDUZIONE DELLE ESECUZIONI PER DROGA MA I NUMERI RESTANO PREOCCUPANTI  
  DIRITTI UMANI: MANIFESTAZIONE PARTITO RADICALE DAVANTI AMBASCIATA IRANIANA 14 FEBBRAIO ORE 15  
  BIELORUSSIA: DUE DETENUTI FUCILATI PER OMICIDIO  
  STRASBURGO: NESSUNO TOCCHI CAINO, BENE CONDANNA DELL’ITALIA PER 41-BIS A PROVENZANO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits