Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA
DOSSIER GIAPPONE

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Karim Zimach
Karim Zimach
MAROCCO. CONDANNATO A MORTE PER OMICIDI DIPLOMATICO ITALIANO E MOGLIE

20 febbraio 2007: un giovane marocchino di 25 anni, Karim Zimach, è stato condannato a morte dalla corte d'assise di Sale', città vicina alla capitale del marocco Rabat, per gli omicidi del diplomatico italiano dell’Unione europea Alessandro Missir di Lusignano e di sua moglie, la belga Ariane Lagazze de Locht.
Zimach avrebbe confessato gli omicidi, avvenuti il 19 settembre 2006 a Rabat, nell’abitazione delle vittime. Poche settimane dopo il suo arrivo in Marocco da Bruxelles, Lusignano fu ucciso a coltellate, insieme alla moglie, nella loro villa del quartiere residenziale di Hay Riad. I quattro figli della coppia erano presenti in casa nel momento del duplice omicidio, e il piu' grande vide Zimach e scambio' con lui qualche frase, tanto che, riconoscendolo, ha aiutato gli investigatori.
La polizia marocchina - escludendo immediatamente la pista del delitto a sfondo politico o terroristico di matrice jihadista - aveva puntato quasi subito sull'ipotesi che a compiere il duplice omicidio fosse stato qualcuno che si era introdotto nella villa con l'intento di commettere un furto.
L'assassino aveva infatti portato via vari oggetti appartenenti al diplomatico italiano, fra i quali un televisore, un telefono cellulare e anche l'automobile di Lusignano. Automobile sulla quale fu sorpreso e arrestato Zimach, poco piu' di 24 ore dopo gli omicidi. Interrogato dalla polizia, il giovane avrebbe confessato quasi subito di essere il responsabile delle uccisioni, sostenendo di essere stato sorpreso mentre stata compiendo il furto. Zimach, per giustificare il suo comportamento violento, avrebbe aggiunto di avere agito sotto l'influsso di droga, colpendo con un coltello ripetutamente il diplomatico e la moglie, prima di fuggire.
Dopo l' arresto, Zimach  è stato accusato di omicidio volontario premeditato, furto aggravato e possesso e consumo di sostanze stupefacenti.
Il difensore di Zimach, Mohamed Hilal, aveva chiesto alla corte la concessione delle circostanze attenuanti, motivando la sua richiesta con il fatto che il giovane assassino aveva agito sotto l' effetto della droga e contestando l'aggravante della premeditazione, sostenendo che era impossibile da dimostrare. Ma la corte ha accolto la richiesta della Procura, che aveva chiesto la pena di morte.
Nel processo si era costituita parte civile anche l' Unione europea che ha chiesto e ottenuto un risarcimento simbolico di un dirham, la moneta marocchina. (Fonte: Ansa, 20/02/2007)

Altre news:
IRAN. ESECUZIONE NELLA PROVINCIA DI ARDEBIL
BANGLADESH. TRE CONDANNE A MORTE PER OMICIDIO
CINA. CORTE SUPREMA ORDINERA’ RIPETIZIONE PROCESSI CAPITALI
MORATORIA. PRODI, NOI CAPOFILA IN BATTAGLIA DI CIVILTA'
TEXAS (USA). GIUSTIZIATO DOPO 24 ANNI NEL BRACCIO DELLA MORTE
IRAN. IMPICCATO IN PUBBLICO PER STUPRO
ZIMBABWE. DUE FRATELLI CONDANNATI ALL’IMPICCAGIONE
MONTANA (USA). SENATO APPROVA ABOLIZIONE DELLA PENA CAPITALE
MORATORIA. AL-KALIFA (ONU), LAVORERO’ PER CONSENSO SU INIZIATIVA ITALIANA
ZAMBIA. LA PENA CAPITALE RESTERA’ NEI CODICI
ARABIA SAUDITA. NIGERIANO DECAPITATO PER TRAFFICO DI COCAINA
UGANDA. MUSEVENI, 'CREDO FORTEMENTE NELLA PENA CAPITALE'
ETIOPIA. CONFERMATE CINQUE CONDANNE CAPITALI PER TERRORISMO
FORZE ARMATE USA. EVITA PENA DI MORTE MA NON 100 ANNI DI CARCERE
TEXAS. GIUSTIZIATO PER DUPLICE OMICIDIO
ARABIA SAUDITA. RIAD CRITICATA PER ESECUZIONI ED ESPOSIZIONE CORPI DECAPITATI
MARYLAND. GOVERNATORE FAVOREVOLE ALL’ABOLIZIONE DELLA PENA DI MORTE
ARABIA SAUDITA. TRIBUNALE ORDINA ESPOSIZIONE CORPI DECAPITATI
MORATORIA. D'ALEMA, LAVORIAMO PER VOTARE PRESTO ALL'ONU
IRAQ. 235 CONDANNATI A MORTE NEL 2006
GIAPPONE. RAGGIUNGE QUOTA 100 NUMERO PRIGIONIERI IN ATTESA DI ESECUZIONE
FRANCIA. DIVIETO PENA DI MORTE ISCRITTO IN COSTITUZIONE
ARABIA SAUDITA. QUATTRO DECAPITATI PER RAPINA A MANO ARMATA
IRAN. GIUSTIZIATO CINQUE GIORNI DOPO IL CRIMINE
ARABIA SAUDITA. NIGERIANO DECAPITATO PER TRAFFICO DI DROGA
PAKISTAN. GIUSTIZIATO 16 ANNI DOPO L’OMICIDIO
IRAN. CORTE SUPREMA CONFERMA CONDANNA A MORTE DI DELARA
EAU. IRANIANO CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI HASHISH
ARABIA SAUDITA. CITTADINO SAUDITA GIUSTIZIATO PER OMICIDIO
CINA. CONDANNATO A MORTE PER TRUFFA

1 2 3 [Succ >>]
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  CORTE DI STRASBURGO. NESSUNO TOCCHI CAINO, STORICA SENTENZA DELLA CEDU SUL CASO VIOLA vs ITALIA  
  APPELLO DI NESSUNO TOCCHI CAINO PER NASRIN SOTOUDEH  
  NESSUNO TOCCHI CAINO INVITA ALL’EVENTO IN RICORDO DI ENZO MAZZARELLA ‘NASCONDI LA PIETRA CHE CAINO NON LA TROVI’  
  IRAN. NESSUNO TOCCHI CAINO, RIDUZIONE DELLE ESECUZIONI PER DROGA MA I NUMERI RESTANO PREOCCUPANTI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits