Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

OPINIONI. IL PREMIO A KAGAME. RICONOSCERE IL CONFLITTO

4 settembre 2007: Ho letto anch’io con stupore in diversi quotidiani riguardo il premio “Abolizionista 2007” proposto dall’associazione “Nessuno tocchi Caino” che il governo italiano, nella persona di Romano Prodi, ha recentemente dato al Presidente del Rwanda Paul Kagame. E’ conseguita una prevedibile alzata di scudi di molte organizzazioni non governative e riviste missionarie. In primis Nigrizia.

Sono volate parole grosse come “negazionista” o “complice” da parte della curatrice del Rapporto 2007 di “Nessuno tocchi Caino” nonché “tesoriera” del partito Radicale verso i Comboniani che, attraverso il loro sito internet, rispondono puntualmente accusando l’ “assenza” e la “non conoscenza” dei fatti da parte della curatrice del rapporto.  Ne è nato un conflitto mediatico sull’onda lunga del conflitto storico che vede contrapposte  sia le due etnie che abitano il piccolo paese africano che le potenze francofone ed anglofone che rispettivamente le sostengono in un’infinita “guerra fredda”.

La divisione etnica sembrava esistere ancor prima il colonialismo belga che l’accentuò colpevolmente e vide due tragici scontri in due diversi e recenti momenti storici: nel 1994 con il genocidio di circa un milione di rwandesi di etnia tutsi ed hutu moderati e negli immediati anni seguenti con le diverse invasioni nella Repubblica Democratica del Congo da parte delle attuali forze armate rwandesi capeggiate dallo stesso Kagame.  La “guerra mondiale africana” del Congo costò la vita a milioni di civili.

La questione non è affatto semplice. Quando si toccano i Grandi Laghi scoppiano le emozioni del conflitto tra coloro che sostengono le tesi degli uni e coloro che difendono le antitesi degli altri. Trattasi, al pari degli altri genocidi del ‘900: armeni, ebrei, cambogiani, bosniaci di Srebrenica di questioni ancora scottanti e complicate che hanno diviso e dividono il mondo intero. Nessuno può negare, a parte qualche squilibrato, l’Olocausto degli ebrei nei campi di sterminio ma parimenti e consequenzialmente non sono ignorabili  le violazioni dei diritti del popolo palestinese da parte di coloro che sono storicamente ed ancor oggi “minacciati” perché a loro volta “non riconosciuti”. La Turchia non riconosce il genocidio degli armeni  mentre la Serbia non riconosce le responsabilità dei superlatitanti Mladic e Kardzic che vivono liberi e protetti nei Balcani.

La rielaborazione del conflitto avviene solo nel lunghissimo periodo. E’ quasi impossibile e forse ingiusto richiedere il perdono a coloro che hanno recentemente perso i propri cari a colpi di machete o armi automatiche. Quest’ultime, guarda caso, provengono anche dai nostri civili paesi.

Per coloro che hanno profondamente sofferto,  il secolo scorso coincide con  l’altro ieri. Ma uno sforzo, da parte di coloro che abitano altrove, è necessario altrimenti non ne usciamo ed, anzi, rischiamo di procrastinare il conflitto all’infinito senza immaginare nuove e non violente evoluzioni.

Il difficile esercizio al quale dobbiamo sottoporci sta quindi nel riconoscere nell’efferato nemico tre piccolissime particolarità positive che potrebbero facilitare un futuro dialogo. Per esempio in Paul Kagame si potrebbe riconoscere di aver abolito l’attestazione di appartenenza etnica nella carta d’identità ruandese; formalmente non esistono più hutu e tutsi ma solo rwandesi. Oppure di aver portato una percentuale di donne in parlamento superiore alle maggiori democrazie europee ed infine abolito, per l’appunto, la pena di morte.

Parimenti nei Grandi Laghi, e quindi anche in Burundi, si potrebbe riconoscere all’etnia maggioritaria di aver recentemente e non facilmente scelto la difficile via “politica” anziché militare nonostante le umiliazioni di decenni di servitù e nonostante l’incapacità della Comunità Internazionale di leggere tutta la storia, dagli anni ’60 ad oggi, e non solo i fatti del ‘94; di aver riconosciuto nei tribunali popolari Gacaca parte delle proprie colpe del genocidio del ’94 e comunque avuto il coraggio di rientrare in Patria accettando condizioni di vita affatto facili.

L’esercizio potrebbe sembrare superficiale soprattutto a coloro che hanno vissuto la “banalità del male” ma è un timido tentativo proposto alle due importanti organizzazioni della società civile italiana: Nigrizia e “Nessuno tocchi Caino” di “abbassare i toni” cercando una via che ci porti oltre la dicotomia del conflitto etnico.

Sono conscio che il premio a Paul Kagame è solo una foto di un lungo film. Il governo del Rwanda sa destreggiarsi abilmente con i media e non è nuovo a queste dichiarazioni che sicuramente catturano l’attenzione internazionale e quindi, conseguentemente, gli aiuti per costruire un Rwanda ad immagine e somiglianza dell’occidente. Anche la pellicola “Hotel Rwanda” racconta solo il primo tempo dei fatti accaduti omettendo il secondo tempo e quindi il successivo regolamento di conti di chi ha vinto la guerra ma ha anche formalmente bloccato il genocidio nell’incuria vergognosa della Comunità Internazionale che ha colpevolmente e paurosamente indebolito l’ONU.

Ma se vogliamo realmente intravedere un percorso di riconciliazione prima tra noi e poi tra le comunità rwandesi con le quali cooperiamo possiamo partire da questa foto e quindi da questa precisa volontà politica di abolire la pena di morte.  Una volontà che potrebbe aiutare il governo italiano nella sua battaglia per la moratoria della pena di morte presso l’ONU aiutandoci tutti ad intravedere un futuro non solo per questa regione ma per altri territori che ancor oggi rispondono legalmente all’odio con l’odio.


Fabio Pipinato

Direttore di Unimondo. Presente in Rwanda durante il genocidio del 1994. Scritto apparso sul giornale l’Adige il 4 settembre 2007

Altre news:
TEXAS. ESECUZIONE N° 24 DELL’ANNO
IRAN. 21 IMPICCAGIONI IN UN GIORNO
IRAQ. ONU CRITICA CONTINUE ESECUZIONI
IRAQ. CONFERMATA PENA DI MORTE PER ‘ALI IL CHIMICO’
PENA DI MORTE. BONINO, BUROCRAZIA UE RISCHIA DI FAR FALLIRE MORATORIA
UN PREMIO AL FUTURO DEL RUANDA
CINA. CORTE SUPREMA: DIMINUISCONO CONDANNE A MORTE
INIZIATIVA NONVIOLENTA PER LA MORATORIA ONU DELLE ESECUZIONI CAPITALI

[<< Prec] 1 2 3
2023
gennaio
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits