Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA
DOSSIER GIAPPONE

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

IRAN. SONO 114 I MINORENNI IN ATTESA DI ESECUZIONE

17 giugno 2008: sono 177 i minori di 18 anni condannati a morte in Iran negli ultimi dieci anni, denuncia la “Campagna Internazionale per i Diritti Umani in Iran”, organizzazione con base a New York e Vienna.
Di questi 177, i giustiziati sono 34, altri 114 restano in attesa di esecuzione, mentre i restanti 29 sono stati graziati.
Tuttavia – aggiunge l’Organizzazione - considerata la “mancanza di trasparenza” nel sistema giudiziario iraniano, alcuni di quei 114 potrebbero essere già stati giustiziati.
Dalla lista pubblicata dalla Campagna, relativa ai 114 attualmente nel braccio della morte, risulta che il più giovane è un dodicenne condannato a morte nel 2005 per un reato non specificato.
La scorsa settimana, il portavoce della magistratura iraniana, Alireza Jamshidi, ha dichiarato che nel paese “non ci sono esecuzioni di persone con meno di 18 anni”.
Tuttavia Jamshidi ha fatto una distinzione tra le condanne a morte e la norma islamica della "qisas", o legge del taglione in caso di omicidio, che invece – ha dichiarato il portavoce stesso – viene applicata dalla magistratura.
Per la "qisas" relativa ai minori di 18 anni, “l’approccio principale da parte dei magistrati … è basato sulla pace e sul compromesso”, ha detto Jamshidi.
In base alla legge islamica, si cerca infatti di raggiungere un accordo con i familiari dell’ucciso, che possono richiedere un compenso in denaro (detto “prezzo del sangue”), graziando l’autore dell’omicidio o permettere che l’esecuzione della pena abbia luogo.
La “Campagna Internazionale per i Diritti Umani in Iran” precisa che la lista è stata compilata dall’attivista iraniano per i diritti Emad Baghi, che sta scontando un anno di carcere nel suo paese per aver firmato articoli critici nei confronti delle autorità.
Baghi, raggiunto dall’Associated Press nell’ospedale carcerario in cui viene curato per problemi cardiaci, ha detto di aver compilato la lista sulla base di “rapporti pubblicati in Iran” dal 1998 al 2008.
Dall’inizio del corrente anno, sono due le persone giustiziate per crimini commessi a meno di 18 anni: Javad Shojai, impiccato il 26 febbraio, e Mohammad Hassanzadeh, il 10 giugno.
Hassanzadeh, nato nel 1992, è stato condannato a morte all’età di 15 anni ed è stato impiccato nella città di Sanandaj quando ancora non aveva raggiunto i 18 anni, mentre Shojai è stato giustiziato per un crimine commesso all’età di 16 anni.
Le autorità iraniane sono responsabili di più di due-terzi delle esecuzioni di minori praticate nel mondo negli ultimi tre anni, denuncia la Campagna. (Fonti: AP, 17/06/2008)

Altre news:
ONU. CRITICHE AL SISTEMA GIUDIZIARIO USA
IRAN. CONDANNATO A MORTE PER SPIONAGGIO IN FAVORE DI ISRAELE
INDIA. ‘GIUDICI NON USINO CLEMENZA NEI CASI PIU’ GRAVI’
CINA. CORTE SUPREMA, ANNULLATE 15% CONDANNE CAPITALI ESAMINATE
CINA. SEI ESECUZIONI PER DROGA
USA. CORTE SUPREMA, NO A PENA DI MORTE PER STUPRO DI MINORI
GHANA. GOVERNO NON INTERESSATO AD ABOLIZIONE
INDONESIA. DUE NIGERIANI FUCILATI PER TRAFFICO DI EROINA
DROGA. RADICALI E ASSOCIAZIONI, ESISTE PENA DI MORTE PER DETENZIONE
CINA. TRE ESECUZIONI PER DROGA
INDONESIA. NUOVA PROCEDURA DI NOTIFICA DELLE ESECUZIONI
KUWAIT. CONFERMATA CONDANNA CAPITALE PER MEMBRO FAMIGLIA REALE
MALESIA. CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI EROINA
REGNO UNITO. MUJAHEDEEN IRANIANI RIMOSSI DALLA LISTA NERA
PAKISTAN. VERSO LA COMMUTAZIONE DI SETTEMILA CONDANNE CAPITALI
ARABIA SAUDITA. DECAPITATO PER OMICIDIO A RIAD
BIELORUSSIA. CONDANNATO ALLA FUCILAZIONE PER OMICIDIO E STUPRO DI BAMBINO
VIETNAM. POSSIBILE RIDUZIONE DEI REATI CAPITALI
MESSICO. CORTE INTERNAZIONALE FERMI ESECUZIONE MESSICANI NEGLI USA
PAKISTAN. CONDANNATO A MORTE PER BLASFEMIA
SPAGNA. ZAPATERO, GUIDERO’ INIZIATIVA ALL’ONU CONTRO PENA CAPITALE
GIAPPONE. TRE IMPICCAGIONI PER OMICIDIO
PAKISTAN. HUMAN RIGHTS WATCH CHIEDE MORATORIA SUBITO
IRAN. ESECUZIONE A ZAHEDAN
IRAN. IMPICCATO IN PRIGIONE A CHABAHAR
VIETNAM. CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO POLIZIOTTO
BURUNDI. QUATTRO EX POLIZIOTTI RILASCIATI DAL BRACCIO DELLA MORTE
USA. DIPARTIMENTO GIUSTIZIA, I PROCESSI DELLE COMMISSIONI MILITARI ANDRANNO AVANTI
GUANTANAMO. ‘SI’ AI RICORSI DEI DETENUTI NEI TRIBUNALI ORDINARI
IRAN. OTTO IMPICCAGIONI NEL CARCERE DI EVIN

1 2 [Succ >>]
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  CORTE DI STRASBURGO. NESSUNO TOCCHI CAINO, STORICA SENTENZA DELLA CEDU SUL CASO VIOLA vs ITALIA  
  APPELLO DI NESSUNO TOCCHI CAINO PER NASRIN SOTOUDEH  
  NESSUNO TOCCHI CAINO INVITA ALL’EVENTO IN RICORDO DI ENZO MAZZARELLA ‘NASCONDI LA PIETRA CHE CAINO NON LA TROVI’  
  IRAN. NESSUNO TOCCHI CAINO, RIDUZIONE DELLE ESECUZIONI PER DROGA MA I NUMERI RESTANO PREOCCUPANTI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits