Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA
DOSSIER GIAPPONE

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

SOMALIA: LAPIDATA PER ADULTERIO DA MILIZIANI ISLAMICI

27 ottobre 2008: miliziani somali fedeli alle deposte Corti islamiche hanno lapidato in pubblico una ragazza accusata di adulterio, nella città meridionale di Kismayo.
Lo riportano testimoni oculari, secondo cui la 23enne Aisha Ibrahim Dhuhulow è stata condotta a bordo di un furgone in una delle principali piazze cittadine, e lì messa a morte.
“E’ stata la stessa nostra sorella Aisha a chiedere alla corte islamica di Kismayo di essere punita per il crimine commesso”, ha detto ai migliaia di presenti il leader dei miliziani locali, Sheikh Hayakallah.
“Gli è stato chiesto diverse volte di riflettere sulla sua confessione, ma la stessa ragazza ha insistito per essere punita in base alla sharia”.
“Annunciamo agli abitanti di Kismayo che stanno per assistere ad una punizione che in questa regione viene applicata raramente, e che per la prima volta viene eseguita nella città”, ha aggiunto Sheikh Hayakallah.
I miliziani hanno vietato la presenza di telecamere, mentre a giornalisti di radio e carta stampata è stato concesso di assistere all’esecuzione.
In base alle testimonianze, poco prima di essere interrata fino al collo e lapidata, la giovane si è messa a urlare tentando di divincolarsi, mentre i miliziani la immobilizzavano legandole mani e piedi.
A quel punto un familiare le è corso incontro, tentando di aiutarla, ma gli integralisti di guardia hanno aperto il fuoco per fermarlo, uccidendo un bambino.
Secondo i familiari, Asha non ha ricevuto un processo coranico equo: “L'Islam - ha ricordato uno di loro - non permette che una donna venga messa a morte per adulterio se non sono presentati pubblicamente l'uomo con cui ha avuto rapporti sessuali e quattro testimoni del fatto”.
I giudici islamici si sono limitati a replicare che puniranno in maniera adeguata la guardia responsabile della morte del bambino.
È la prima lapidazione di cui si abbia notizia in Somalia dalla fine del 2006, da quando cioè le truppe del governo transitorio di Mogadiscio hanno sconfitto le Corti islamiche con il determinante appoggio militare dell'Etiopia.
I ribelli hanno però intrapreso una guerriglia difficile da contrastare, e lo scorso agosto hanno riconquistato Kismayo, imponendo leggi ispirate alla più severa concezione dell'Islam. (Fonti: Agence France Presse, Corriere.it, 28/10/2008)

Altre news:
TANZANIA: SONO 286 I PRIGIONIERI DEL BRACCIO DELLA MORTE
ARABIA SAUDITA: DECAPITATO PER STUPRO A RIAD
SOMALIA: LA RAGAZZA LAPIDATA AVEVA 13 ANNI
INDIA: MINISTRO DIFESA COMMUTA CONDANNA A MORTE DI SOLDATO
BOTSWANA: GOVERNO NON INTENDE CAMBIARE POSIZIONE SU PENA DI MORTE
PECHINO: EX GIUDICE CONDANNATO A MORTE PER CORRUZIONE
UZBEKISTAN: SI’ DELLA CAMERA BASSA A SECONDO PROTOCOLLO
IRAN: MINORENNE IMPICCATO PER OMICIDIO
GIAPPONE: AMNESTY, GOVERNO SORDO A CRITICHE ONU
GIAPPONE: ALTRE DUE IMPICCAGIONI
IRAQ: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER UCCISIONE SOLDATI USA
TEXAS (USA): TREDICESIMA ESECUZIONE NELLO STATO DA INIZIO ANNO
IRAN: DUE IMPICCATI PER TRAFFICO DI DROGA
GEORGIA (USA): ANCORA UNA SOSPENSIONE PER TROY DAVIS
SUDAN: OMICIDIO GIORNALISTA, CONDANNE A MORTE CONFERMATE
COREA DEL NORD: CONTINUANO LE ESECUZIONI PUBBLICHE
TEATRO: “INTROSPEZIONE DEL BOIA-MASTRO TITTA, STORIA DI UN ASSASSINO AUTORIZZATO”
CINA. VICESINDACO CONDANNATO A MORTE PER TANGENTI NEL JIANGSU
PENA DI MORTE. NESSUNO TOCCHI CAINO, IRAN SECONDO PAESE NEL MONDO PER ESECUZIONI CAPITALI
ARABIA SAUDITA. GIUSTIZIATO PER L’OMICIDIO DELLA MOGLIE
INDONESIA. CORTE COSTITUZIONALE, GLI ATTENTATORI DI BALI SARANNO FUCILATI
AFGHANISTAN: BLASFEMIA, CONDANNA A MORTE GIORNALISTA MUTATA IN 20 ANNI DI CARCERE
ARABIA SAUDITA. DUE DECAPITAZIONI PER OMICIDIO
IRAN. IMPICCATO IN PUBBLICO NELLA PROVINCIA DI GILAN
IRAN. QUATTRO ESECUZIONI PER TRAFFICO DI EROINA
PENNSYLVANIA (USA): STATO RICORRE CONTRO ANNULLAMENTO PENA DI MORTE MUMIA
YEMEN: SPIONAGGIO, UNA CONDANNA A MORTE E UN’ASSOLUZIONE
PECHINO. EX VICESINDACO CONDANNATO A MORTE PER TANGENTI
IRAN. MINORI, PROIBITE ESECUZIONI PER REATI DI DROGA
UGANDA. DUE CONDANNATE ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO

1 2 3 [Succ >>]
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  CORTE DI STRASBURGO. NESSUNO TOCCHI CAINO, STORICA SENTENZA DELLA CEDU SUL CASO VIOLA vs ITALIA  
  APPELLO DI NESSUNO TOCCHI CAINO PER NASRIN SOTOUDEH  
  NESSUNO TOCCHI CAINO INVITA ALL’EVENTO IN RICORDO DI ENZO MAZZARELLA ‘NASCONDI LA PIETRA CHE CAINO NON LA TROVI’  
  IRAN. NESSUNO TOCCHI CAINO, RIDUZIONE DELLE ESECUZIONI PER DROGA MA I NUMERI RESTANO PREOCCUPANTI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits