Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
La situazione nel mondo al 30 giugno 2014
Esecuzioni nel 2013
Sintesi del Rapporto 2014 di Nessuno tocchi Caino
Prefazione al Rapporto 2014 di Boni Yayi, Presidente della Repubblica del Benin
Introduzione al Rapporto 2014 di Elisabetta Zamparutti
Storia di Ben Crair, Editorialista del
Esegesi di Padre Guido Bertagna
Premio L'Abolizionista dell'Anno 2014
MOZIONE GENERALE DEL V° CONGRESSO DI NTC
Messaggio di Napolitano al V° Congresso di NtC
Saluto del Ministro della Giustizia Cancellieri
Messaggio del Presidente della Regione Veneto Luca Zaia
Relazione di Sergio D'Elia al V° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al V° Congresso di NtC
Relazione di Sergio Segio al V° Congresso di NtC
Relazione di Maria Antonietta Farina Coscioni al V° Congresso di NtC
Intervento di F. Mambro al V° Congresso di NtC
Traccia della Relazione di Davide Galliani al V° Congresso di NtC
Intervento di Carmelo Musumeci al V° Congresso di NtC
Intervento di F. Radicioni al V° Congresso di NtC
Prefazione al Rapporto 2013 di Umberto Veronesi
Dedica a Martin O’Malley Governatore del Maryland
La situazione nel mondo ad oggi
ANALISI E OBIETTIVI DI NESSUNO TOCCHI CAINO
Intervento di Padre Bertagna al V° Congresso di NtC
Rapporto 2013 di Nessuno tocchi Caino
Testimonianza per l’abolizione della pena capitale, di Martin O’Malley, Governatore del Maryland
ESECUZIONI 2012
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RISOLUZIONE ONU 2012
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014
Le sedi

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE


I video
RISOLUZIONE ONU 2010
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Dossier Iraq 2003

VIDEO MISSIONE IN CIAD

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
Gli obiettivi

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

Appello dei PREMI NOBEL
Abbiamo fatto
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

Adesioni Comuni, Province, Regioni

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA
Organi Dirigenti

DEDUCIBILITA' FISCALE

RISOLUZIONE ONU 2008
RISOLUZIONE ONU 2007

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
DOSSIER LIBIA
DOSSIER IRAN
DOSSIER GIAPPONE
DOSSIER USA 2011

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Scarica l'appello per la moratoria

COREA DEL NORD: REATI MINORI PUNITI CON ESECUZIONE

25 novembre 2009: una serie di reati comuni minori sono puniti in Corea del Nord con l’esecuzione capitale, in base ad alcuni Allegati del “Codice Penale della Repubblica Democratica del Popolo di Corea”, trapelati all’esterno del Paese.
Per esempio, per la contraffazione di moneta il codice stabilisce più di 10 anni di rieducazione mediante il lavoro, o la rieducazione a tempo indeterminato per i casi gravi, tuttavia uno degli articoli contenuti negli allegati stabilisce che “In circostanze estreme, il colpevole può essere giustiziato”.
Sebbene questi articoli siano stati adottati dalla Corea del Nord nel 2007, non sono stati resi noti all’esterno del Paese.
Dei 23 articoli contenuti nelle “Clausole Aggiuntive del Codice Penale”, sono 17 quelli che prevedono l’esecuzione capitale per “casi molto gravi” di diversi reati comuni, mentre il solo Codice Penale stabilisce l’esecuzione per quattro soli reati di tradimento.
Il Comitato esecutivo dell’Assemblea Suprema del Popolo ha adottato gli articoli aggiuntivi il 19 dicembre 2007, con l’Ordinanza No. 2483.
L’art. 1 stabilisce che l’esecuzione è ammessa nel caso di distruzione volontaria o attacco contro complessi militari”. Il base al codice penale, in questo caso è appropriata solo una condanna a più di 10 anni di rieducazione tramite lavori forzati o lavori forzati a tempo indeterminato, in circostanze particolarmente gravi.
Altri crimini che in base agli articoli aggiuntivi portano all’esecuzione includono: saccheggio, furto, distruzione o danneggiamento di beni nazionali, frode di valuta, diffamazione intenzionale, sequestro, stupro, furto di beni privati, traffico di metalli, traffico di beni naturali, narcotraffico e tangenti per traffici sessuali.
L’art. 23 prevede l’esecuzione o la condanna alla rieducazione mediante lavoro a tempo indeterminato nel caso un individuo commetta un certo numero di gravi reati senza riconoscere la propria colpa o mostrare segni di ravvedimento.  
Nella metà degli anni ’90 vennero praticate esecuzioni pubbliche extra-giudiziarie di persone riconosciute colpevoli di reati come furto di mucche o cibo, crimini che si verificavano in tutti i settori della società nord-coreana. Dopo l’adozione dell’art. 23, la condanna a morte è stata comminata all’interno di processi giudiziari.
Come chiarisce sempre l’art. 23, il codice penale non riguarda specifici atti criminali, tuttavia rende possibile l’esecuzione “in circostanze gravi” o per “persone incorreggibili”.
In questo caso, le condanne capitali possono applicarsi in teoria a tutti i reati, in violazione grave dei principi giuridici stabiliti, sebbene queste violazioni non siano nuove nella pratica legale della Corea del Nord.
Il Professor Park Jung Won, della Kookmin University di Seoul, spiega che “queste aggiunte consentono la possibilità di punire attraverso la legge non solo reati relativi al tradimento ma anche reati comuni, attraverso esecuzioni e confisca di beni”.
“Queste aggiunte costituiscono anche lo strumento mediante cui le autorità della Corea del Nord reagiscono alle critiche provenienti dall’esterno relative alle esecuzioni non consentite nell’ambito di processi”.
Un fuoriuscito che ha assistito ad un’esecuzione pubblica alla metà degli anni 2000, ha spiegato la situazione al Daily NK: “Nella contea di Kim Jung Suk, provincia di Yangkang, sono stato presente all’esecuzione pubblica di una donna, alla quale io stesso ho letto il verdetto. A questo caso è applicabile l’Allegato 49. La donna è stata giustiziata per il furto di materiale elettrico”.
La legislazione è stata usata per un certo numero di anni, poi nel 2007 è stata rivista.
La stessa fonte ha aggiunto: “Per quel che so, durante il periodo di carestia noto come ‘March of Tribulation’, a metà degli anni ’90, le autorità hanno definito gli Allegati per affrontare le emergenze”. (Fonti: DailyNK.com, 25/11/2009)

Altre news:
BIELORUSSIA: CAMPAGNA D’INFORMAZIONE SU PENA CAPITALE
GAZA: PENA DI MORTE PER GLI SPACCIATORI
IRAN: RISCHIA ESECUZIONE PER CRIMINE COMMESSO A 15 ANNI
IRAN: PRIGIONIERO POLITICO CONDANNATO A MORTE
BOTSWANA: CONDANNATI ALLA FORCA PER OMICIDIO
IRAN: AFGHANO IMPICCATO PER DROGA
MALESIA: DUE NEPALESI CONDANNATI A MORTE PER TRAFFICO EROINA
FIRENZE: ASSISE INTERNAZIONALE CONTRO LA PENA DI MORTE
TURCHIA: ATEA IRANIANA RISCHIA PENA DI MORTE SE RIMPATRIATA
IRAN: IMPICCATO IN CARCERE PER STUPRO
KENTUCKY (USA): ESECUZIONI SOSPESE PER IRREGOLARITÀ AMINISTRATIVE
CINA: DUE ESECUZIONI PER LATTE CONTAMINATO
LIBIA: VERSO NUOVO CODICE PENALE
IRAQ: CONDANNATA A MORTE PER DUPLICE OMICIDIO
IRAQ: PRESIDENTE TALABANI CHIEDE A TEHERAN STOP ESECUZIONE CURDI
SUDAN: SEI MINORENNI CONDANNATI A MORTE
KIRGHIZISTAN: GIOVANI CONTRARI A RIPRISTINO PENA CAPITALE
ROMA: MARTEDI' 24 NOVEMBRE SIT-IN PER IL POPOLO KURDO
TANZANIA: COMMUTATE 75 CONDANNE CAPITALI
ARABIA SAUDITA: GIUSTIZIATO PER OMICIDIO DELLA SORELLA
IRAN: TRE IMPICCATI SU PUBBLICA PIAZZA PER STUPRO
KENTUCKY (USA): DETENUTO MUORE IN ATTESA DI ESECUZIONE
RUSSIA: MORATORIA PROSEGUE ANCHE DOPO 1/1/2010
IRAN. GIUSTIZIATO PER STUPRO E RAPINA
GIORDANIA: CONDANNATO A MORTE PER DUPLICE OMICIDIO E STUPRO
IRAQ: RISCHIO ESECUZIONE PER 126 DONNE
SOMALIA: ADULTERA LAPIDATA IN PIAZZA, AL SUO COMPAGNO CENTO FRUSTATE
IRAN: TRE IMPICCATI PER DROGA AD ISFAHAN
ZAMBIA: CONDANNE ALL’IMPICCAGIONE PER RAPINA MANO ARMATA
ARABIA SAUDITA: DECAPITATO PER STUPRO

1 2 3 [Succ >>]
2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
ARIZONA (USA): CONDANNATO MUORE DOPO DUE ORE DI AGONIA
  ESECUZIONE IN ARIZONA, NESSUNO TOCCHI CAINO: SBARAZZARSI UNA VOLTA PER TUTTE DEL SISTEMA ARCAICO DELLA PENA DI MORTE  
  GHANA: TOGOLESE CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO  
  EMIRATI ARABI: DUE CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN POLIZIOTTO  
  CINA: GIAPPONESE GIUSTIZIATO PER TRAFFICO DI DROGA  
  SOMALIA: FUCILATI QUATTRO MILIZIANI AL-SHABAB  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
credits