Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA
DOSSIER GIAPPONE

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Charles Taylor
Charles Taylor
EX PRESIDENTE LIBERIA CHARLES TAYLOR CONDANNATO A 50 ANNI

30 maggio 2012: l'ex presidente liberiano Charles Taylor è stato condannato all’Aja a 50 anni di carcere per aver armato e sostenuto i ribelli in Sierra Leone in cambio di "diamanti insanguinati", una sentenza che gli attivisti sperano invierà un chiaro messaggio ai despoti in tutto il mondo, che dovranno cioè rendere conto del loro sostegno alle atrocità. Taylor, che indossava un abito blu e cravatta dorata, era scuro in volto e silenzioso quando il Presidente del Tribunale Richard Lussick di Samoa ha emesso quella che probabilmente equivarrà a una condanna all’ergastolo per l’ex presidente 64enne. Lussick ha detto che il ruolo di Taylor come capo di stato al tempo dei suoi crimini lo ha collocato in una "categoria a parte" quando i giudici hanno stabilito la sentenza - una delle più lunghe mai emesse dal Tribunale Speciale per la Sierra Leone o da altri tribunali internazionali. Taylor ha fornito armi, munizioni e altro ai ribelli in Sierra Leone in cambio di arricchimento personale, sotto forma di diamanti estratti con il lavoro di schiavi e per acquisire maggiore peso politico nella instabile regione dell’Africa Occidentale. La reazione di Taylor in tribunale è stata in netto contrasto con la gioia dei sopravvissuti che si sono riuniti nella capitale della Sierra Leone, Freetown, per assistere in diretta al verdetto. "Questo mi rende la persona più felice sulla terra", ha dichiarato Alimami Kanu, che aveva 11 anni quando i ribelli appoggiati da Taylor gli tagliarono la mano destra. Era uno delle migliaia di civili mutilati durante la decennale guerra civile in Sierra Leone, che si concluse nel 2002 dopo aver causato circa 50.000 morti. Attivisti per i diritti umani ed esperti di diritto internazionale hanno accolto la dura condanna come un avvertimento per i criminali di guerra. "La sentenza di oggi non solo riflette la gravità dei crimini di Taylor, ma invia un chiaro messaggio secondo cui le persone che contribuiscono e favoreggiano crimini di guerra non possono più agire impunemente", ha dichiarato Patrick Alley, direttore di Global Witness, una ong che attua campagne di prevenzione dei conflitti legati allo sfruttamento di risorse naturali come diamanti e legname. La sentenza è giunta un mese dopo che Taylor è diventato il primo ex capo di stato dalla Seconda Guerra mondiale ad essere riconosciuto colpevole da un tribunale internazionale. I giudici lo hanno riconosciuto colpevole di 11 imputazioni di crimini di guerra e crimini contro l'umanità, tra cui omicidio, stupro, tortura e uso di bambini soldato. "Le vite di molti più civili innocenti in Sierra Leone sono state perse o andate in rovina come diretta conseguenza delle sue azioni", ha detto Lussick. L'accusa, che aveva chiesto una condanna a 80 anni di detenzione, ha dichiarato che sta prendendo in considerazione la richiesta d’appello. "A nostro avviso è importante che i responsabili di comportamenti criminali su larga scala non ricevano nessuno sconto," ha detto la procuratrice capo del tribunale Onu, Brenda Hollis. Per Hollis la condanna di Taylor potrà costituire una conclusione per le vittime di uno dei conflitti più feroci dell'Africa. "La condanna che è stata inflitta oggi non restituisce arti amputati. Non riporta in vita quelli che sono stati uccisi", ha detto. "Non rimargina le ferite di coloro che sono stati vittime di violenza sessuale e non rimuove le permanenti cicatrici emotive, psicologiche e fisiche di chi è stato ridotto in schiavitù o reclutato come bambino soldato."
Taylor sconterà la sua pena in un carcere britannico.
I suoi avvocati, tuttavia, hanno detto che presenteranno appello e che probabilmente Taylor sarà rinchiuso per mesi in una prigione a L'Aia, nei Paesi Bassi. Il principale avvocato di Taylor, Courtenay Griffiths, ha criticato la corte per aver stabilito la sentenza senza prendere in considerazione la sua decisione di dimettersi dopo l’incriminazione nel 2003. Griffiths ha detto che si tratta di un messaggio sbagliato considerate le continue atrocità che sarebbero commesse dalle forze del presidente siriano Bashar Assad. "Quale lezione si invia al presidente Assad?" ha chiesto Griffiths. "Forse la lezione è: se sei un leader in carica e la comunità internazionale vuole sbarazzarsi di te, o vieni ucciso, come il colonnello Gheddafi, o cerchi di resistere fino in fondo. Non sono così sicuro che questo debba essere il segnale inviato dalla corte in questo particolare momento storico". Per Griffiths gli africani dovrebbero usare la condanna di Taylor come punto di partenza per fare campagna per ottenere giustizia per se stessi. "La giustizia non è qualcosa che gli africani devono importare dall'estero, dall'uomo bianco, da una forza civilizzatrice", ha detto. I suoi commenti sembravano essere rivolti non solo al processo di Taylor, ma anche al tribunale permanente della Corte Penale Internazionale, che è in funzione da 10 anni e finora ha avviato processi solo in Africa, inclusi Sudan, Congo, Libia e Costa d'Avorio. Nel corso di una udienza all'inizio di questo mese, Taylor ha espresso "profondo cordoglio" per le sofferenze patite dalle vittime di atrocità in Sierra Leone, ma ha insistito di aver agito per aiutare a stabilizzare la regione occidentale africana, affermando di non aver mai consapevolmente contribuito alla commissione di reati. I giudici hanno respinto tale argomento, dicendo che mentre lui si atteggiava a uomo di pace, di nascosto soffiava sul fuoco del conflitto armando i ribelli. Taylor si dimise fuggendo in esilio in Nigeria dopo essere stato incriminato dal tribunale nel 2003. E 'stato arrestato e inviato nei Paesi Bassi nel 2006. Mentre il tribunale per la Sierra Leone si trova nella capitale di quel paese, Freetown, il processo di Taylor è stato invece organizzato a Leidschendam, un sobborgo de L'Aia, per paura che, tenendolo in Africa Occidentale, si potrebbe destabilizzare la regione. Mark Ellis, direttore esecutivo del gruppo legale International Bar Association, ha detto che il verdetto dovrebbe nel tempo fungere da deterrente. "Finora la storia recente di questi tribunali non suggerisce ancora che questi costituiscano un deterrente. Ma esiste la speranza che alla fine lo saranno", ha detto. (Fonti: AP, 30/06/2012)

Altre news:
IRAN: NOVE IMPICCAGIONI IN RISPOSTA ALLA UE
MALESIA: INDIANO CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
INDIA: IL PRESIDENTE COMMUTA LA CONDANNA A MORTE DI ALTRI 3 DETENUTI
INDIA: CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO E STUPRO
EMIRATI ARABI: CONFERMATA CONDANNA A MORTE PER OMICIDIO
NIGERIA: TRE CONDANNE ALL’IMPICCAGIONE PER RAPINA
KUWAIT: UNA CONFERMA E UNA COMMUTAZIONE
RD CONGO: DUE UFFICIALI DISERTORI CONDANNATI A MORTE
MALESIA: COMMUTATE CONDANNE DI TRE FILIPPINI
EMIRATI ARABI UNITI: CAMERIERA CONDANNATA ALLA FUCILAZIONE PER OMICIDIO
USA: ‘GRAVI INCONVENIENTI’ NELLE ESECUZIONI
IRAN: DUE IMPICCAGIONI IN PUBBLICO
KUWAIT: TRE COMMUTAZIONI IN ERGASTOLO
MALESIA: CONDANNATA ALL’IMPICCAGIONE PER TRAFFICO COCAINA
VIETNAM: ESECUZIONI SOSPESE PER CARENZA FARMACO LETALE
PAKISTAN: RELIGIOSI CONDANNANO A MORTE SEI PERSONE
INDIA: TRE CONDANNE ALL’IMPICCAGIONE NEL BIHAR
CINA: SUDCOREANO CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
CALIFORNIA (USA): AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA NON CONSEGNA SODIO TIOPENTALE ALLA FDA
ZIMBABWE: DUE CONDANNE PER OMICIDIO
IRAN: SETTE IMPICCAGIONI
TUNISIA: CHIESTA PENA MORTE PER EX PRESIDENTE BEN ALI
TUNISIA: ITALIA, NUOVA COSTITUZIONE PREVEDA FINE PENA MORTE
IRAN: 14 IMPICCATI PER TRAFFICO DI DROGA
USA: RAPPORTO SU ERRORI GIUDIZIARI ED ESONERI
CINA: CONDANNATA A MORTE CON PENA SOSPESA
USA: 15 STATI CHIEDONO AIUTO AI FEDERALI PER IMPORTAZIONE PENTOTHAL
AUTORITÀ PALESTINESE: CORTE SUPREMA DI GAZA RESPINGE RICORSO CONTRO CONDANNA A MORTE
ARABIA SAUDITA: DUE PAKISTANI DECAPITATI PER OMICIDI
TEXAS (USA): SCORTE PER ALTRE 23 INIEZIONI LETALI

1 2 3 [Succ >>]
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  CORTE DI STRASBURGO. NESSUNO TOCCHI CAINO, STORICA SENTENZA DELLA CEDU SUL CASO VIOLA vs ITALIA  
  APPELLO DI NESSUNO TOCCHI CAINO PER NASRIN SOTOUDEH  
  NESSUNO TOCCHI CAINO INVITA ALL’EVENTO IN RICORDO DI ENZO MAZZARELLA ‘NASCONDI LA PIETRA CHE CAINO NON LA TROVI’  
  IRAN. NESSUNO TOCCHI CAINO, RIDUZIONE DELLE ESECUZIONI PER DROGA MA I NUMERI RESTANO PREOCCUPANTI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits