Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

AFGHANISTAN: GIUSTIZIATA DAI TALEBANI VICINO KABUL

7 luglio 2012: un uomo, che funzionari afghani dicono essere membro dei Talebani, ha ucciso con un’arma da fuoco una donna accusata di adulterio, davanti ad una folla nei pressi di Kabul, mostra un video ottenuto dall’agenzia Reuters, segno che il gruppo islamista detta legge anche in prossimità della capitale afghana.
Nei tre minuti di video, un uomo con il turbante si avvicina alla donna inginocchiata nel fango e le spara cinque volte da distanza ravvicinata con un fucile automatico, provocando le acclamazioni di giubilo dei circa 150 uomini che assistevano all’esecuzione, in un villaggio della provincia di Parwan.
"Allah ci avverte di tenerci alla larga dall’adulterio perché è una via sbagliata", dice un altro uomo mentre il tiratore si avvicina alla donna. "E’ ordine di Allah che venga giustiziata".
Il Governatore della provincia, Basir Salangi, ha detto che il video, ottenuto il 7 luglio, è stato girato una settimana fa nel villaggio di Qimchok, nel distretto Shinwari, a circa un'ora di macchina da Kabul.
"Quando ho visto questo video, ho chiuso gli occhi ... La donna non era colpevole, i talebani sono colpevoli", ha detto Salangi alla Reuters. Quando la donna, non identificata e con la maggior parte del corpo avvolto in uno scialle, è caduta di lato dopo essere stata colpita più volte alla testa, gli spettatori hanno gridato: "Viva i mujaheddin (combattenti islamici) afghani!", un nome che i talebani usano per indicare se stessi .
Non è stato possibile raggiungere i talebani per un commento.
Nonostante la presenza di oltre 130.000 soldati stranieri e di 300.000 soldati e poliziotti afghani, i talebani sono riusciti a spingersi al di là dei loro bastioni tradizionali del sud ed est del Paese, estendendo la loro azione in aree una volta più pacifiche, come quella di Parwan.
Le donne afgane hanno riconquistato diritti fondamentali nei campi dell’istruzione, del voto e del lavoro da quando, alla fine del 2001, i talebani furono rovesciati dalle forze afghane appoggiate dagli USA.
Sono in aumento tra le donne afghane, alcuni legislatori e attivisti dei diritti umani, i timori che tali libertà possono essere revocate dal momento che il governo afghano e gli Stati Uniti perseguono il dialogo con i talebani per raggiungere una conclusione pacifica della guerra.
La violenza contro le donne è aumentata notevolmente nell'ultimo anno, secondo la Commissione indipendente afgana per i diritti umani. Gli attivisti dicono che c'è una diminuita attenzione nei confronti dei diritti delle donne da parte del governo del presidente Hamid Karzai.
"Dopo 10 anni (di intervento straniero), ed a pochi chilometri da Kabul ... come è potuto accadere di fronte a tutte queste persone?" la parlamentare Fawzia Koofi ha chiesto in relazione all’esecuzione pubblica di Parwan. "Questo sta avvenendo sotto un governo che sostiene di aver realizzato progressi nel campo dei diritti delle donne, sostiene di aver cambiato la vita delle donne, e questo è inaccettabile. Si tratta di un enorme passo indietro", ha detto Koofi, un’attivista per l'istruzione delle bambine che vuole correre alle elezioni presidenziali del 2014.
Salangi ha detto che due comandanti talebani avevano avuto rapporti sessuali con la donna di Parwan, con o senza stupro, e hanno poi deciso di torturarla e ucciderla per mettere fine alla controversia tra loro.
"Sono fuorilegge, assassini e come selvaggi hanno ucciso la donna," ha detto, aggiungendo che i talebani esercitano una notevole influenza nella sua provincia. All'inizio di questa settimana, una donna di 30 anni e due suoi figli sono stati decapitati nell’Afghanistan orientale da un uomo che la polizia ha detto essere il marito divorziato, l'ultimo di una serie di cosiddetti "delitti d'onore".
Molti afgani ancora fanno riferimento ai tribunali talebani per la risoluzione delle controversie, considerando le istituzioni legate al governo come corrotte o inaffidabili. I tribunali talebani utilizzano la sharia (legge islamica), che prescrive pene come lapidazioni ed esecuzioni. (Fonti: Reuters, 07/07/2012)

Altre news:
MAROCCO: COALIZIONE MAROCCHINA E PARTITO PAM PER L’ABOLIZIONE SUBITO
IRAN: DUE IMPICCATI A ZAHEDAN
BIRMANIA: 13 CONDANNE A MORTE PER OMICIDIO
IRAN: QUATTRO IMPICCATI PER DROGA
MAURITANIA: TRE MALIANI CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
IRAN: SEI AHWAZI CONDANNATI A MORTE PER MINACCIA ALLA SICUREZZA NAZIONALE
PAKISTAN: PRESIDENTE FERMA ESECUZIONI FINO AL 30 SETTEMBRE
BENIN: ADESIONE AL SECONDO PROTOCOLLO OPZIONALE RELATIVO ALL’ABOLIZIONE DELLA PENA DI MORTE
MALDIVE: VOGLIA DI ESECUZIONI
IRAN: QUATTRO IMPICCAGIONI
SUDAN: LIBERATA LA DONNA CHE ERA STATA CONDANNATA ALLA LAPIDAZIONE
ONU: BAN KI-MOON CHIEDE AGLI STATI DI ABOLIRE LA PENA DI MORTE
MALESIA: INDIANO CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER TRAFFICO DI DROGA
PAKISTAN: ESECUZIONE DI BEHRAM KHAN RIMANDATA AL 30 SETTEMBRE
SIRIA: ASSAD APPROVA LEGGI 'ANTITERRORISMO'
NORTH CAROLINA (USA): RICORSI PIÙ DIFFICILI PER DISCRIMINAZIONE RAZZIALE
PAKISTAN: CINQUE CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO POLITICO
IRAN: DUE IMPICCATI PER TRAFFICO DI DROGA

[<< Prec] 1 2 3
2023
gennaio
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits