Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA
DOSSIER GIAPPONE

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

James Holmes in tribunale
James Holmes in tribunale
USA: VERSO LA FINE DELL’OCCHIO PER OCCHIO, MA NON DEL PRINCIPIO 'UN CITTADINO, UN’ARMA'

24 luglio 2012: Se James Holmes, sospetto autore della strage nel cinema di Aurora, vicino a Denver, sia sano di mente saranno i giudici del Colorado a stabilirlo. Quello che si può stabilire subito come folle è certamente la sacralità del diritto di possedere armi sancito dal Secondo Emendamento della Costituzione americana. Secondo l’FBI, vi sono dai 240 ai 270 milioni di armi nelle mani di privati cittadini americani, in pratica “un cittadino, un’arma”, fuori da un controllo serio sulla effettiva necessità e soprattutto sullo stato di salute mentale del possessore.
Dopo la strage di Denver, l’ultima di una lunga serie compiuta da ragazzi che evidentemente non hanno avuto difficoltà a procurarsi armi da fuoco, il presidente Obama ha subito dichiarato che non ha alcuna intenzione di riprendere in considerazione la legge Brady sul bando delle armi semi-automatiche, promulgata nell’era Clinton e poi fatta cadere dall’amministrazione Bush.
L’America è stata fondata con la Bibbia e con il fucile. L’occhio per occhio dell’Antico Testamento ha costituito la regola semplice con cui amministrare la giustizia, la canna del fucile il mezzo scontato per assicurare la propria difesa. Ma se tale regola e tale mezzo avevano un senso nel troppo piccolo e solitario mondo dei pionieri, sono divenute armi improprie, politiche ed elettorali, nel troppo grande e complesso mondo americano di oggi.
Nel caso di Denver, la decisione se applicare la regola biblica dell’occhio per occhio va condivisa – ha detto il procuratore distrettuale – coi parenti delle vittime. La decisione, invece, se intaccare il principio costituzionale sul possesso di armi va condivisa – secondo Obama – con la National Rifle Association, il difensore americano più accanito del Secondo Emendamento.
Mentre è lecito dubitare sulla ragionevolezza della potente lobby delle armi per limitare gli omicidi da parte di cittadini armati, è più facile contare su quella dei familiari delle vittime per porre fine agli “omicidi” di Stato.
Certo, quasi immancabilmente i media registrano che dopo una esecuzione i parenti della vittima si dicono “molto soddisfatti e finalmente sollevati”, ma a questo argomento, che fa presa sui politici alla ricerca di consensi, alcune associazioni di parenti delle vittime stanno sempre più rispondendo che, proprio nell’interesse delle vittime, sarebbe meglio dirottare i fondi necessari per mantenere il sistema capitale – tenere una persona nel braccio della morte costa fino a 20 volte di più che tenerla in carcere per tutta la vita! – verso i “cold cases”, i casi archiviati che sono molte migliaia ogni anno.
Nelle recenti abolizioni della pena di morte negli USA è stato determinante il ruolo svolto proprio da parenti delle vittime di reati efferati.
Nel gennaio 2011, con una lettera aperta, Jennifer Bishop Jenkins e Kathleen Bishop Becker, due cugine che hanno avuto tre familiari assassinati, hanno chiesto al parlamento dell’Illinois di abolire la pena di morte perché è un modo migliore di aiutare le vittime. La Jenkins è stata membro della Illinois Capital Punishment Reform Study Commission e, dopo aver partecipato a oltre 80 sedute e udienze pubbliche, si è convinta che il “sistema” non poteva essere aggiustato. “Troviamo ancora persone innocenti nel braccio della morte del nostro Stato. Spendiamo ancora milioni di dollari per far sopravvivere questo sistema zoppicante”, hanno scritto le due donne. Il 9 marzo 2011 l’Illinois ha abolito la pena di morte.
In Connecticut sono stati circa 180 i parenti delle vittime che si sono impegnati a favore dell’abolizione della pena di morte, in incontri con i parlamentari, organizzando petizioni e partecipando a conferenze. Quando il 5 aprile scorso, il Senato del Connecticut l’ha abolita, tra le persone che, sedute tra il pubblico, hanno seguito il passaggio decisivo della legge c’era Elizabeth Brancato, da molto tempo una paladina dell’abolizione, nonostante la madre sia stata uccisa da un ladro penetrato nella sua abitazione nel 1979. “È stato uno dei momenti più belli della mia vita”, ha commentato. (Autore: Sergio D’Elia - Segretario di Nessuno tocchi Caino)

Altre news:
MALESIA: TRAFFICO DI DROGA, ASSOLTI TRE IRANIANI
IRAN: TEHERAN CONDANNA ESECUZIONE DI CITTADINI IRANIANI IN ARABIA SAUDITA
IRAN: QUATTRO CONDANNE A MORTE PER FRODE BANCARIA
THAILANDIA: EX POLIZIOTTI CONDANNATI A MORTE
ARABIA SAUDITA: SALVO GRAZIE AL ‘PREZZO DEL SANGUE’
ZIMBABWE: ANNULLATA CONDANNA A MORTE DI MINORENNE
EMIRATI ARABI: PAKISTANO CONDANNATO PER TRAFFICO DI EROINA
INDIA: SETTE CONDANNE A MORTE PER OMICIDIO D’ONORE
MALI: ISLAMISTI LAPIDANO COPPIA NON SPOSATA
IRAQ: RATIFICATE CONDANNE A MORTE DI 12 TERRORISTI
VIETNAM: CONDANNA CAPITALE CONFERMATA PER GANGSTER- BUSINESSMAN
SUDAFRICA: NO AD ESTRADIZIONE DI CHI RISCHIA CONDANNA A MORTE
CINA: FUNZIONARIO CONDANNATO A MORTE PER CORRUZIONE
INDIA: TRE CONDANNE A MORTE COMMUTATE IN ERGASTOLO
PAKISTAN: NELLA PROVINCIA DI SINDH NESSUNA ESECUZIONE ALMENO FINO A MARZO 2013
MALESIA: DUE IRANIANI CONDANNATI PER DROGA
IRAQ: VIA LIBERA A 196 ESECUZIONI
INDIA: LA PRESIDENTE USCENTE PRATIBHA PATIL LASCIA AL NUOVO PRESIDENTE LE ISTANZE DI CLEMENZA DI 16 DETENUTI
IRAN: TRE IMPICCATI AD ISFAHAN PER DROGA
SOMALIA: MILIZIA AL-SHABAB FUCILA TRE UOMINI PER SPIONAGGIO
NIGERIA: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO
KENTUCKY (USA): INIEZIONE LETALE CON UN SOLO FARMACO
GHANA: DUE FRATELLI CONDANNATI ALL’IMPICCAGIONE
IRAN: IMPICCATO AD ILAM PER DROGA
ZIMBABWE: PROGETTO DI NUOVA COSTITUZIONE ABOLISCE PARZIALMENTE LA PENA DI MORTE
IRAN: DUE IMPICCAGIONI PER STUPRO E OMICIDIO
TUNISIA: NUOVA CONDANNA ALL’ERGASTOLO PER BEN ALI
PALESTINA: UE SOLLECITA HAMAS A FERMARE LE ESECUZIONI
SVIZZERA: NO A PENA DI MORTE IN OGNI CIRCOSTANZA
CALIFORNIA (USA): CORTE SUPREMA ANNULLA CONDANNA A MORTE

1 2 3 [Succ >>]
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  CORTE DI STRASBURGO. NESSUNO TOCCHI CAINO, STORICA SENTENZA DELLA CEDU SUL CASO VIOLA vs ITALIA  
  APPELLO DI NESSUNO TOCCHI CAINO PER NASRIN SOTOUDEH  
  NESSUNO TOCCHI CAINO INVITA ALL’EVENTO IN RICORDO DI ENZO MAZZARELLA ‘NASCONDI LA PIETRA CHE CAINO NON LA TROVI’  
  IRAN. NESSUNO TOCCHI CAINO, RIDUZIONE DELLE ESECUZIONI PER DROGA MA I NUMERI RESTANO PREOCCUPANTI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits