Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA
DOSSIER GIAPPONE

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Il cadavere trascinato dai militanti di Hamas
Il cadavere trascinato dai militanti di Hamas
tra il 16 e il 20 novembre 2012, dopo che Israele ha lanciato il suo ultimo assalto

20 novembre 2012: tra il 16 e il 20 novembre 2012, dopo che Israele ha lanciato il suo ultimo assalto a Gaza denominato "Colonna di Nuvola", l'ala militare del governo di Hamas ha brutalmente e pubblicamente giustiziato sette palestinesi che sono stati accusati di spionaggio a favore di Israele. Uomini armati mascherati hanno sparato ai presunti collaboratori in due attacchi, uccidendo una persona il 16 novembre e altre sei il 20 novembre. 
Al momento, funzionari della sicurezza hanno detto che uno aveva confessato di aiutare Israele, mentre gli altri sei "sono stati colti in flagrante" e "possedevano attrezzature hi-tech e mezzi di ripresa per documentare le postazioni”. Tuttavia, il 29 novembre, un controllo dell’agenzia di stampa Ma'an dei registri accessibili al pubblico, nonché alcune interviste con esperti di Gaza hanno dimostrato che tutti questi uomini erano sotto la custodia del governo di Hamas da mesi e in un caso da anni prima che Israele lanciasse la sua operazione "Colonna di Nuvola".
Ashraf Aweida, la prima vittima, era in carcere sospettata di spionaggio, ma non era stata formalmente condannata prima che il suo corpo venisse gettato in strada fuori dall’ospedale Shifa, secondo attivisti per i diritti umani a Gaza. L'uomo giustiziato aveva un manifesto appeso al collo che lo accusava di aver collaborato con gli israeliani nell'uccisione di 15 leader palestinesi. "L'hanno portato fuori dalla jeep con le mani ammanettate dietro la schiena e glia hanno sparato tre colpi di pistola alla nuca", ha detto Mohammed Wael, un tassista che stava in piedi sui gradini della Moschea di Aman nel quartiere di Sheikh Radwan di Gaza City. "Era ancora vivo. Allora gli hanno liberato i polsi, lo hanno girato sottosopra e gli hanno sparato di nuovo.” Gli altri sei che sono stati uccisi il 20 novembre erano stati tutti formalmente condannati a morte non oltre il mese di settembre 2012. Sono stati uccisi nel pomeriggio nel quartiere Sheik Radwan di Gaza City. L'ala militare di Hamas, Izzedine al-Qassam, ha rivendicato le uccisioni con un cartello scritto a mano di grandi dimensioni, attaccato a un vicino palo della luce. Hamas ha detto che i sei sono stati uccisi perché hanno fornito a Israele informazioni sui combattenti e sui siti di lancio dei razzi. Testimoni hanno detto che un furgone si è fermato all’incrocio e quattro uomini mascherati hanno spinto i sei sospetti informatori fuori dal veicolo. Gli uomini armati hanno ordinato ai sei di stendersi sulla strada a faccia in giù e poi gli hanno sparato uno dopo l'altro. Un uomo ha sputato sui cadaveri, un altro ha dato un calcio alla testa di uno dei morti. Un corpo è stato poi legato con un cavo alla parte posteriore di una moto e trascinato per le strade fino a una casa in lutto per le vittime di un attacco aereo israeliano.
Attivisti palestinesi dei diritti umani e un funzionario di Hamas hanno condannato le uccisioni come illegali, dicendo che i presunti informatori avrebbero dovuto essere portati davanti alla giustizia in base alla legge. Tuttavia, secondo i dati disponibili del Centro Palestinese per i Diritti Umani e altri gruppi, sei dei sette uomini avevano già fatto la loro apparizione in tribunale al momento in cui Israele ha lanciato il suo attacco il 14 novembre.
Tre di loro – Amer al-Aef, Zuheir Hamouda e Ghassan Asfur – sono stati condannati a morte nel 2012. Altri due, Ribhi Bedawi e Fadel Abu Shalluf, hanno ricevuto la stessa sentenza nel 2011. La sesta vittima, Naim Ashur, è stato condannato per tradimento nel marzo 2010, secondo la Commissione Indipendente per i Diritti Umani, ombudsman ufficiale dell'Autorità palestinese.
"Prima dell'attacco a Gaza, erano tutti in prigione", ha detto in un'intervista Handi Shakura, il direttore dell’unità sviluppo della democrazia del Centro Palestinese per i Diritti Umani. "Non abbiamo informazioni sul fatto che siano stati rilasciati o consegnati ai militanti", ha detto Shakura all’agenzia Ma'an.
Le circostanze di come questi sette uomini siano stati tirati fuori dalle loro celle e finiti ammazzati per le strade di Gaza rimangono oscure. Taher al-Nunu, un portavoce del governo di Hamas, ha promesso una indagine accurata sulle uccisioni, che ha descritto come illegittime. Tuttavia un leader di Hamas più autorevole, Mahmoud al-Zahhar, ha respinto le critiche dei gruppi palestinesi per i diritti umani. "Non permetteremo che un collaboratore viva a Gaza, e quelli dei diritti umani dicano quello che vogliono. Un essere umano ha diritti se ha l'onore e non se è un traditore", ha detto il 24 novembre, dopo la condanna da parte del vice capo di Hamas, Mousa Abu Marzouq, che ha dichiarato che le uccisioni erano "del tutto inaccettabili" e ha chiesto che i responsabili siano chiamati a risponderne. Fatti come questi "non devono mai accadere di nuovo", ha detto. (Fonti: Ma'an, 29/11/2012)

Altre news:
SINGAPORE: CINESE CONDANNATO ALL’IMPICCAGIOINE PER OMICIDIO
USA: ESECUZIONI, CONFERMATO TREND POSITIVO
EGITTO: GLI ISLAMISTI APPROVANO UNA NUOVA COSTITUZIONE
UGANDA: DDL ANTI-GAY NON PREVEDE PIU’ PENA DI MORTE
IRAQ: CINQUE CONDANNE CAPITALI PER ATTACCHI ARMATI
CINA: CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO GENITORI
PAPUA NUOVA GUINEA: POSSIBILE INTRODUZIONE DELL’INIEZIONE LETALE
MALESIA: APPELLO RESPINTO
MALESIA: DUE CONDANNE CAPITALI PER TRAFFICO DI DROGHE
EGITTO: 8 CONDANNE A MORTE PER FILM ANTI-ISLAM
NAZIONI UNITE: RISOLUZIONE CONDANNA IRAN PER VIOLAZIONE DIRITTI UMANI
GIAPPONE: GOVERNO GONFIA FAVORE DEI CITTADINI PER PENA DI MORTE
ARABIA SAUDITA: DUE DECAPITATI PER OMICIDIO
PARLAMENTO EUROPEO: PRESENTAZIONE DEL RAPPORTO ANNUALE DI NTC SULLA PENA DI MORTE NEL MONDO, CON UN FOCUS PARTICOLARE SULL'IRAQ
CINA: DUE CONDANNE PER TRAFFICO DI NEONATI
ARABIA SAUDITA: TRE DECAPITATI PER OMICIDIO
KUWAIT: IRACHENO CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO GUARDIA COSTIERA
CINA: NUOVE REGOLE PER LA PROCURA
UGANDA: PENA DI MORTE ELIMINATA DAL DDL ANTI-GAY
INDIA: PRIMA DELL’IMPICCAGIONE KASAB HA CHIESTO DI ESSERE RISPARMIATO
PENA DI MORTE: CONCLUSA LA MISSIONE RADICALE IN CIAD
INDIA: TRE CONDANNE A MORTE ANNULLATE
PENA DI MORTE: CONTINUA LA MISSIONE RADICALE IN CIAD
INDIA: CORTE SUPREMA, RIVEDERE CRITERI DI CONDANNA A MORTE
SWAZILAND: EVITA LA CONDANNA A MORTE GRAZIE ALLA COSTITUZIONE
INDIA: ATTENTATORE DI MUMBAI IMPICCATO IN GRAN SEGRETO NELLA PRIMA ESECUZIONE DAL 2004
AFGHANISTAN: ALTRE SEI ESECUZIONI
AFGHANISTAN: OTTO PRIGIONIERI GIUSTIZIATI
ONU: RISOLUZIONE CONTRO ESECUZIONI LEGATE A IDENTITÀ DI GENERE
CIAD: PRIMI INCONTRI DELLA MISSIONE RADICALE PER RAFFORZARE LA RISOLUZIONE ONU SULLA MORATORIA

1 2 3 [Succ >>]
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  CORTE DI STRASBURGO. NESSUNO TOCCHI CAINO, STORICA SENTENZA DELLA CEDU SUL CASO VIOLA vs ITALIA  
  APPELLO DI NESSUNO TOCCHI CAINO PER NASRIN SOTOUDEH  
  NESSUNO TOCCHI CAINO INVITA ALL’EVENTO IN RICORDO DI ENZO MAZZARELLA ‘NASCONDI LA PIETRA CHE CAINO NON LA TROVI’  
  IRAN. NESSUNO TOCCHI CAINO, RIDUZIONE DELLE ESECUZIONI PER DROGA MA I NUMERI RESTANO PREOCCUPANTI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits