Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA
DOSSIER GIAPPONE

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

EMIRATI ARABI UNITI: 17 INDIANI LIBERATI DAL BRACCIO DELLA MORTE

11 febbraio 2013: diciassette cittadini indiani, che si trovavano nel braccio della morte degli Emirati Arabi Uniti (UAE) per l'omicidio di un cittadino pakistano, sono stati rilasciati dopo aver pagato il prezzo del sangue di 1 milione di dollari alla famiglia della vittima. I 17 raggiungeranno l'India nelle prime ore di martedì (12 febbraio).
I 17 uomini, di cui 16 del Punjab e uno dell’Haryana, hanno trascorso quasi tre anni nelle carceri di Dubai dopo essere stati condannati a morte nel marzo 2010. Erano stati riconosciuti colpevoli dell'omicidio di Misri Khan, nel corso di una rissa nell’ambiente del contrabbando, nel gennaio 2009. Due persone, Mushtaq Ahmed Shaheed e Iqbal, erano state ferite nello scontro.
L’albergatore indiano con sede a Dubai SP Singh Oberoi ha assicurato il loro rilascio depositando il prezzo del sangue, che ha raccolto attraverso donazioni, con l'aiuto del presidente del Congresso del Punjab Amarinder Singh e del segretario generale del partito Shiromani Akali Dal (SAD), Sukhdev Singh Dhindsa.
"Stiamo prendendo il volo per l'India a mezzanotte circa. Per prima cosa andremo ad Amritsar per rendere omaggio al Tempio d'Oro", ha detto Oberoi all’Hindustan Times, parlando al telefono da Dubai.
I 16 uomini del Punjab sono Sukhjinder Singh, Sukhjot Singh, Ram Singh, Arvinder Singh, Baljeet Singh, Daljeet Singh, Dharampal Singh, Satgur Singh, Satnam Singh, Kashmir Singh, Suban Singh, Kulvinder Singh, Kuldeep Singh, Sukhjinder Singh, Namjyot Singh, Amrik Singh e Singh Harjinder; Taranjit Singh proviene dallo Stato di Haryana. Erano tutti andati negli Emirati Arabi Uniti per lavoro.
"E’ una rinascita per noi. Ringraziamo tutti coloro che hanno contribuito alla nostra liberazione. L'appoggio delle autorità indiane e il signor Oberoi hanno permesso la liberazione. Le nostre famiglie non sarebbero mai state in grado di pagare un prezzo del sangue tanto alto," ha detto uno degli uomini rilasciati.
Per la legge della Sharia, un membro della famiglia della vittima può perdonare l'omicida se quest'ultimo paga il prezzo del sangue. Oberoi ha raccolto i soldi da vari soggetti in India e all'estero e li ha poi depositati presso il tribunale per poi raggiungere un compromesso con la famiglia della vittima.
Dopo le condanne a morte, il governo indiano aveva nominato cinque avvocati per presentare un appello. Tuttavia, dopo aver dato il loro consenso al prezzo del sangue, la famiglia di Misri Khan si è rifiutata di accettarlo e ha detto di volere vendetta.
Il tribunale e il consolato indiano, con l'aiuto di funzionari dell'ambasciata del Pakistan, ha convinto la famiglia dell’ucciso e i due feriti ad accettare il prezzo del sangue, consentendo il rilascio. (Fonti: Hindustan Times, 11/02/2013)

Altre news:
IRAN: 14 PRIGIONIERI GIUSTIZIATI
LIBIA: MISSIONARI RISCHIANO CONDANNA CAPITALE
BANGLADESH: NUOVA LEGGE CONSENTE CONDANNE A MORTE
MALESIA: OMICIDA CONDANNATO A MORTE
GIAPPONE: CONDANNATO A MORTE CON UNA SOLA VITTIMA E SENZA PRECEDENTI
SOMALIA: MILIZIANI GIUSTIZIANO SOLDATO KENIANO
INDIA: 1.455 CONDANNATI A MORTE IN 10 ANNI
GUYANA: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO
INDIA: PRESIDENTE RESPINGE DOMANDE DI GRAZIA
IRAN: IMPICCATO IN PUBBLICO PER OMICIDIO
NIGERIA: NELLO STATO DI BAYELSA PENA DI MORTE PER I RAPITORI
EMIRATI ARABI UNITI: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA FIGLIA
ZIMBABWE: IL GOVERNO SI ATTIVERÀ PER LE COMMUTAZIONI IN ERGASTOLO
MALESIA: CONDANNA A MORTE EVITATA
IRAN: DUE IMPICCATI PER TRAFFICO DI DROGA
RUSSIA: NESSUNA REINTRODUZIONE DELLA PENA CAPITALE IN VISTA
ARABIA SAUDITA: DECAPITATO PER OMICIDIO
EMIRATI ARABI UNITI: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN’ANZIANA BENEFATTRICE
INDIA: IMPICCATO AFZAL GURU PER ATTENTATO AL PARLAMENTO NEL 2001
MALESIA: CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
INDIA: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIOINE PER OMICIDIO E STUPRO
IRAN: TRE IMPICCATI AD ISFAHAN
INDIA: CORTE SUPREMA CONFERMA CONDANNA ALL’IMPICCAGIONE
ARABIA SAUDITA: DECAPITATO DOPO 30 ANNI NEL BRACCIO DELLA MORTE
INDIA: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO E STUPRO
TAIWAN: CONDANNA A MORTE COMMUTATA DALLA CORTE SUPREMA
ZIMBABWE: PROPOSTE DI ABOLIZIONE DELLA PENA CAPITALE
INDIA: IL PRESIDENTE MUKHERJEE APPROVA LA PENA DI MORTE IN ALCUNI CASI DI STUPRO
IRAN: ESECUZIONI DI MASSA SEGRETE A MASHHAD
PAKISTAN: DUE CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO

[<< Prec] 1 2 3 [Succ >>]
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  CORTE DI STRASBURGO. NESSUNO TOCCHI CAINO, STORICA SENTENZA DELLA CEDU SUL CASO VIOLA vs ITALIA  
  APPELLO DI NESSUNO TOCCHI CAINO PER NASRIN SOTOUDEH  
  NESSUNO TOCCHI CAINO INVITA ALL’EVENTO IN RICORDO DI ENZO MAZZARELLA ‘NASCONDI LA PIETRA CHE CAINO NON LA TROVI’  
  IRAN. NESSUNO TOCCHI CAINO, RIDUZIONE DELLE ESECUZIONI PER DROGA MA I NUMERI RESTANO PREOCCUPANTI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits