Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA
DOSSIER GIAPPONE

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

ALGERIA: DUE ISLAMISTI CONDANNATI A MORTE PER TERRORISMO

5 maggio 2013: due islamisti accusati di aver ucciso 500 persone durante la guerra civile in Algeria, inclusi lo stupro e omicidio di 60 donne, sono stati condannati a morte, ha reso noto un corrispondente dell’AFP.
Il giudice ha condannato a morte Djilali Kouri, 32 anni, e Antar Ali, 35 anni, per "aver fondato e guidato un gruppo terroristico che ha ucciso e diffuso il terrore fra la popolazione e che ha eliminato centinaia di civili e soldati" tra il 1996 e il 2004.
Kouri e Ali avrebbero ammesso di aver ucciso membri delle forze di sicurezza nel corso della guerra civile, negando però gli stupri e uccisioni di civili.
"Kouri è già stato condannato a morte per alcune delle accuse mosse contro di lui, ma ha cercato l’assoluzione sugli altri capi d’imputazione", ha detto Brahim Behloul, avvocato d'ufficio per entrambi gli accusati.
"Antar Ali ha chiesto di essere giudicato ai sensi della Legge di Concordia Civile", ha detto Behloul, facendo riferimento a una legge approvata con referendum nel 1999 per incoraggiare migliaia di islamisti ad arrendersi in cambio della grazia.
La legge offre l'amnistia ai combattenti islamici che non hanno le mani insanguinate.
Ali e Kouri hanno detto agli investigatori di aver fatto parte di un gruppo di combattenti islamici nella regione di Chlef durante la guerra civile, che ha preso parte a operazioni anche in altri settori.
La stampa algerina ha riferito che la coppia ha confessato di aver ucciso soldati e membri delle unità ausiliarie nel nord dell'Algeria, oltre a prendere parte allo stupro e omicidio di decine di donne.
Mentre i due hanno ammesso in tribunale di aver ucciso membri delle forze di sicurezza, hanno invece negato il coinvolgimento nello stupro e omicidio di civili.
"Ammetto di aver partecipato all’uccisione di cinque soldati e di cinque agenti municipali, ma non ho massacrato civili né stuprato donne" ha detto Kouri alla corte.
Ali ha anche ammesso di aver "partecipato ad imboscate contro militari", ma ha negato qualsiasi ruolo nel massacro di civili.
"Non ho commesso massacri, stavo combattendo le autorità. Non sono un terrorista, io stesso sono una vittima", ha detto alla corte.
Mentre i tribunali algerini ancora emettono condanne a morte, le esecuzioni non vengono praticate nel Paese per effetto della moratoria adottata nel 1993.
In origine il processo era stato fissato per il 1° aprile, tuttavia Antar Ali aveva rifiutato l'avvocato d'ufficio, causando un rinvio.
La guerra civile, scoppiata dopo che il governo ha annullato le elezioni vinte dal Fronte Islamico di Salvezza, ha ucciso circa 200.000 persone, secondo stime ufficiali. (Fonti: AFP, 05/05/2013)

Altre news:
AFGHANISTAN: DUE RAPITORI IMPICCATI NELLA PROVINCIA DI HERAT
INDONESIA: TRE UOMINI FUCILATI PER OMICDIO
FIDH: RAPPORTO SULLA PENA DI MORTE IN COREA DEL NORD
IRAN: 25ENNE PADRE DI DUE FIGLI IMPICCATO IN PUBBLICO PER OMICIDIO
TEXAS (USA): GOVERNATORE RATIFICA LEGGE PER RIDURRE ERRORI GIUDIZIARI
TEXAS (USA): GIUSTIZIATO JEFFREY DEMOND WILLIAMS
HIKMA PHARMACEUTICALS VERSO LO STOP A FORNITURA DI FARMACI PER INIEZIONI LETALI
CINA: CONDANNATA A MORTE PER 'FUNDRAISING ILLEGALE'
IRAN: SETTE PRIGIONIERI IMPICCATI A KERMANSHAH E AHVAZ
IRAN: 10 IMPICCATI PER OMICIDIO E DROGA
VIETNAM: INIEZIONI LETALI CON SOSTANZE PRODOTTE IN LOCO
ARABIA SAUDITA: APPELLO AL RE AFFINCHÉ AUTORIZZI ESECUZIONE
ARABIA SAUDITA: 40 GIUSTIZIATI DA INIZIO ANNO
NIGERIA: OTTO CONDANNATI ALL’IMPICCAGIONE
THAILANDIA: VIA I CEPPI DAI PRIGIONIERI DEL BRACCIO DELLA MORTE
ARABIA SAUDITA: DECAPITATO PER L’OMICIDIO DI UN PARENTE
IRAN: QUATTRO IMPICCATI PER DROGA NELLA PROVINCIA DI SEMNAN
GAZA: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER SPIONAGGIO
BANGLADESH: LEADER PARTITO ISLAMICO CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER GENOCIDIO
IRAN: OMICIDA PERDONATO ISTANTI DOPO ESSERE STATO APPESO PER IL COLLO
ARABIA SAUDITA: PAKISTANO DECAPITATO PER TRAFFICO DI DROGA
IRAN: 11 IMPICCATI IN CARCERE
KENYA: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER RAPINA A MANO ARMATA
SUDAN: CONDANNATO AD IMPICCAGIONE E CROCIFISSIONE
TEXAS (USA): GIUSTIZIATO CARROLL JOE PARR
IRAN: TRE IMPICCATI AD ISFAHAN
ARABIA SAUDITA: DECAPITATO PER OMICIDIO
IRAN: TRE PRIGIONIERI IMPICCATI IN PUBBLICO A KERMANSHAH
ARABIA SAUDITA: SIRIANO DECAPITATO PER TRAFFICO DI DROGA
CISGIORDANIA: CONDANNATO ALLA FUCILAZIONE PER COLLABORAZIONISMO

[<< Prec] 1 2 3 [Succ >>]
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  CORTE DI STRASBURGO. NESSUNO TOCCHI CAINO, STORICA SENTENZA DELLA CEDU SUL CASO VIOLA vs ITALIA  
  APPELLO DI NESSUNO TOCCHI CAINO PER NASRIN SOTOUDEH  
  NESSUNO TOCCHI CAINO INVITA ALL’EVENTO IN RICORDO DI ENZO MAZZARELLA ‘NASCONDI LA PIETRA CHE CAINO NON LA TROVI’  
  IRAN. NESSUNO TOCCHI CAINO, RIDUZIONE DELLE ESECUZIONI PER DROGA MA I NUMERI RESTANO PREOCCUPANTI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits