Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA
DOSSIER GIAPPONE

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

IRAN: EMENDATA LEGGE SU LAPIDAZIONE DEGLI ADULTERI

30 maggio 2013: l’Iran ha modificato la sua legge sulla lapidazione degli adulteri consentendo ai giudici di optare per un diverso metodo di esecuzione, in base all’emendamento visto dall’agenzia AFP. La controversa pratica, in cui le pietre vengono scagliate contro il condannato parzialmente interrato, ha provocato proteste da parte delle organizzazioni per i diritti umani, degli organismi internazionali e dei paesi occidentali, che esortano l'Iran ad abbandonarla. Un articolo del nuovo codice penale islamico, reso pubblico in Iran all'inizio di questa settimana, stabilisce che, "se la possibilità di applicare il verdetto (di lapidazione) non esiste," il giudice può ordinare un'altra forma di esecuzione, che necessita dell’approvazione definitiva da parte del capo della magistratura. L'articolo non spiega cosa si intenda per “possibilità di lapidazione non esistente.”
In Iran, le esecuzioni sono normalmente effettuate mediante impiccagione.
Secondo l'interpretazione da parte dell'Iran della Sharia, in vigore dalla rivoluzione del 1979, gli adulteri vengono puniti con la lapidazione. Le donne vengono interrate fino alle spalle, mentre gli uomini solo fino alla vita. Il condannato si salva se, durante il lancio delle pietre, riesce a liberarsi. Almeno 150 persone potrebbero essere state lapidate in Iran dal 1980, ha denunciato nel 2010 il Comitato Internazionale contro Esecuzioni e Lapidazioni.
Secondo i media locali, i parlamentari avevano rimosso del tutto la lapidazione dal disegno di legge che hanno adottato, tuttavia i religiosi ed i giuristi del Consiglio dei Guardiani, che deve approvare ogni legge affinché possa entrare in vigore, l’hanno reinserita con il nuovo emendamento. La critiche internazionali nei confronti dell’Iran sono state fortissime nel 2011, quando una donna sposata, Sakieneh Mohammadi Ashtiani, stava per essere lapidata per "relazione illecita" con due uomini.
L’Iran ha fermato la lapidazione, ma Mohammadi Ashtiani, condannata nel 2006, sta scontando una condanna a 10 anni per complicità nell'omicidio di suo marito.
La sua lapidazione potrebbe ancora essere effettuata. Nel dicembre 2011 una fonte giudiziaria ha detto che il capo della magistratura, Ayatollah Sadeq Larijani, aveva deciso "di aspettare l’opinione di altri esperti religiosi" prima di prendere una decisione definitiva.
L'ultimo caso segnalato di lapidazione risale al 2009, quando un uomo non identificato è stato lapidato nella città settentrionale di Rasht, nonostante una direttiva del 2002 con cui l'allora capo della magistratura Ayatollah Mahmoud Hashemi Shahrudi aveva sospeso la pratica. La direttiva di Shahrudi non portò a nessun emendamento del codice penale. (Fonti: AFP, 30/05/2013)

Altre news:
BANGLADESH: CORTE SUPREMA CONFERMA TRE CONDANNE CAPITALI
CISGIORDANIA: CONDANNATO ALLA FUCILAZIONE PER COLLABORAZIONISMO
SUDAN DEL SUD: LA PENA CAPITALE RESTERÀ IN VIGORE FINO ALLA MODIFICA DELLA COSTITUZIONE
MALDIVE: DUE MINORENNI CONDANNATI A MORTE
IRAN: QUATTRO IMPICCATI AD ARAK
MARYLAND (USA): ABOLITA LA PENA DI MORTE NELLO STATO
INDONESIA: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA FIDANZATA E DI SUA FIGLIA
OHIO (USA): GIUSTIZIATO STEVE SMITH
INDIA: CORTE SUPREMA COMMUTA CONDANNA A MORTE IN ERGASTOLO
PAPUA NUOVA GUINEA: PRIMO MINISTRO ANNUNCIA RIPRESA DELLE ESECUZIONI

[<< Prec] 1 2 3
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  CORTE DI STRASBURGO. NESSUNO TOCCHI CAINO, STORICA SENTENZA DELLA CEDU SUL CASO VIOLA vs ITALIA  
  APPELLO DI NESSUNO TOCCHI CAINO PER NASRIN SOTOUDEH  
  NESSUNO TOCCHI CAINO INVITA ALL’EVENTO IN RICORDO DI ENZO MAZZARELLA ‘NASCONDI LA PIETRA CHE CAINO NON LA TROVI’  
  IRAN. NESSUNO TOCCHI CAINO, RIDUZIONE DELLE ESECUZIONI PER DROGA MA I NUMERI RESTANO PREOCCUPANTI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits