Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Da sinistra: Dennis Dowthitt, Brian Roberson and James Collier, tre detenuti del braccio della morte in Texas di cui si possono leggere le ultime parole prima dell'esecuzione.
Da sinistra: Dennis Dowthitt, Brian Roberson and James Collier, tre detenuti del braccio della morte in Texas di cui si possono leggere le ultime parole prima dell'esecuzione.
TEXAS: LE ULTIME PAROLE DEI GIUSTIZIATI SONO ON LINE

12 luglio 2013: "Alla famiglia della vittima: so che vi ho portato via qualcosa di molto speciale. Non è stato giusto. Vorrei tornare indietro ma non posso. Se dare la mia vita è una strada, allora così sia. Vi chiedo di perdonarmi. Gesù lo ha già fatto. Non credo che prendere la mia vita serva a qualcosa. Servirebbe di più se io rimanessi per sempre in prigione... Sto tornando a casa....Ok Warden, sono pronto. Vado a casa. Vi amo tutti". "Non voglio che mia madre pianga, non c'è ragione, tutti muoiono. Ognuno ha il suo tempo, non vi preoccupate di me. Sono forte....Alla mia famiglia: vi chiedo scusa e vi amo tutti...Alle vittime: sono addolorato per quello che è successo. Non sono quello che pensate. Sono stato davvero uno stupido. Ho sbagliato. Ero un bimbo in un mondo adulto. Ho fatto un gran casino e non posso tornare indietro. Non ero abbastanza grande da capire. Vi prego di non trascinarvi dentro al cuore questo dolore. Liberatevi dall'odio. Credetemi, uccidermi non vi aiuterà. Non lasciate che l'odio vi divori..."  Sono solo due, dei messaggi pubblicati sul database in Texas che raccoglie vita, crimini e morte dei 500 condannati a morte dalla reintroduzione della pena capitale. Il Texas ha messo on line le ultime parole dei condannati a morte. Lo ha fatto in una sezione specifica del sito internet istituzionale della difesa dello Stato americano che ha festeggiato recentemente la 500esima esecuzione dal 1976, anno in cui venne re-introdotta la pena di morte. Il Texas, stato più attivo negli Usa sulla pena capitale, è uno dei pochi a rendere pubblici online documenti così privati: le sue pagine web ufficiali infatti contengono condannato per condannato, dal numero uno al numero cinquecento, una scheda informativa con foto segnaletica, anagrafica, sesso e razza, reato compiuto descritto nei particolari e le date, di ingresso in prigione e di esecuzione. Ma accanto a questa scheda più tecnica, è possibile trovare anche una pagina – ve ne è una per ogni condannato la cui esecuzione è stata portata a termine – in cui è stata copiata l’ultima frase pronunciata dal prigioniero, e proprio quest’ultima, nei giorni in cui la cronaca ha parlato molto della 500esima esecuzione, è divenuta virale e condivisa online in tutti gli Stati Uniti.  Il contenuto dei messaggi privati rilasciati dai detenuti prima della morte è soprattutto religioso: messaggi di perdono, di fede, rivolti alla propria religione di appartenenza. Molti ringraziamenti alle persone che hanno accompagnato gli ultimi mesi, talvolta anni e anni, di prigione dei giudicati, soprattutto alle guide spirituali. E poi i saluti: a mogli e mariti, figli, familiari. Il tifo per le squadre del cuore, qualche messaggio politico. Talvolta compaiono messaggi di scuse: alle famiglie delle vittime degli omicidi o alle proprie famiglie di origine. Mentre alcuni continuano a dichiararsi innocenti rispetto al crimine per cui sono stati imprigionati, e altri lanciano offese e polemiche nei confronti di polizia e guardie carcerarie. Qualcuno, ancora, preferisce semplicemente non dire nulla. 
Proprio a partire dal Texas, dal 2011 è attivo anche un blog, Last words in the chamber, e un account Twitter dove vengono raccolte le ultime frasi dei detenuti nel braccio della morte. Solo lo scorso anno, le sue pagine hanno registrato 3 milioni di visite. Presto, assicurano i curatori, il sito si occuperà anche delle dichiarazioni dei condannati negli altri stati, ma già ora le sue parole sono divenute fonte di studio per avvocati, criminologi, professori universitari oltre che lettura per i voyeur più curiosi, tristemente appassionati alle iniezioni letali in uno stato che vanta un record atroce: il Texas supera di cinque volte il secondo stato più attivo nella pena di morte, ovvero la Virginia. Il link ufficiale è: http://www.tdcj.state.tx.us/stat/dr_executed_offenders.html (Fonti: corriere.it)

Altre news:
ZIMBABWE: DUE CONDANNATI ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO
GEORGIA (USA): PROTOCOLLO DI ESECUZIONE DICHIARATO INCOSTITUZIONALE
TEXAS (USA): GIUSTIZIATO VAUGHN ROSS
BANGLADESH: LEADER ISLAMISTA CONDANNATO A MORTE
GAMBIA: CONDANNA CAPITALE PER OMICIDIO
USA: ERRORI DELL’FBI IN ALMENO 27 CASI CAPITALI
SINGAPORE: MALESE EVITA ESECUZIONE GRAZIE A MODIFICA DELLA LEGGE
VIETNAM: 5 CONDANNATI A MORTE PER TRAFFICO DI EROINA
SOMALIA: SEI CONDANNATI A MORTE NEL PUNTLAND
INDIA: CONFERMATA CONDANNA ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO E STUPRO
TEXAS (USA): GIUSTIZIATO JOHN MANUEL QUINTANILLA
INDONESIA: ORGANIZZA TRAFFICO DI DROGA DAL CARCERE, CONDANNATO A MORTE
GEORGIA (USA): SOSPESA ESECUZIONE DI WARREN HILL
BANGLADESH: GHULAM AZAM CONDANNATO PER CRIMINI DI GUERRA
IRAQ: DETENUTI SAUDITI TORTURATI E GIUSTIZIATI
GAZA: CONDANNATO A MORTE PER DUE OMICIDI
CINA: GIUSTIZIATO SENZA PREAVVISO ALLA FAMIGLIA
PAKISTAN: IL DESTINO DI 400 DETENUTI PRESTO DECISO
ARABIA SAUDITA: GRAZIATI 31 CONDANNATI A MORTE IN 8 MESI
KENYA: CINQUE CONDANNE CAPITALI PER RAPINE A MANO ARMATA
IRAN: TRE IMPICCATI NEL CARCERE DI KERMANSHAH
NIGERIA: AUTORITA’ DI LAGOS CHIEDONO DI RICONSIDERARE LA PENA DI MORTE
USA: DIMINUISCONO LE ESECUZIONI
BANGLADESH: QUATTRO CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO E STUPRO DI UNA STUDENTESSA
INDIA: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO E STUPRO DI MINORE
IRAN: TRE IMPICCATI NEL CARCERE DI ARDEBIL
IRAN: IMPICCATI 21 PRIGIONIERI
PENNSYLVANIA (USA): MUMIA ABU JAMAL, CONFERMATA CONDANNA ALL’ERGASTOLO SENZA CONDIZIONALE
INDIA: ALTA CORTE COMMUTA TRE CONDANNE CAPITALI IN ERGASTOLI
ARABIA SAUDITA: DECAPITATO UN CONDANNATO VICINO A LA MECCA

[<< Prec] 1 2 3 [Succ >>]
2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits