Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Mumia Abu-Jamal in una foto del 1995
Mumia Abu-Jamal in una foto del 1995
PENNSYLVANIA (USA): MUMIA ABU JAMAL, CONFERMATA CONDANNA ALL’ERGASTOLO SENZA CONDIZIONALE

9 luglio 2013: la Corte d’Appello della Pennsylvania ha confermato la condanna all’ergastolo senza condizionale per Mumia Abu Jamal, 60 anni, nero, che era stata emessa il 13 agosto 2012 dalla giudice Pamela Dembe della Philadelphia Common Pleas Court.
Si tratta di un caso molto famoso seguito anche dai media internazionali per le sue implicazioni politiche e razziali. Militante delle Pantere Nere, gruppo rivoluzionario che reclamava il “potere ai neri”, Abu-Jamal è stato condannato a morte nel 1982 con l’accusa di aver ucciso un poliziotto bianco.
La notte del 19 dicembre 1981, secondo la ricostruzione della polizia, un poliziotto di pattuglia, Daniel Faulkner, 25 anni, fermò un’auto guidata da William Cook, fratello minore di Wesley Cook (il quale in seguito cambiò nome in Abu-Jamal).
Secondo i testimoni, intervenne Abu-Jamal, che all’epoca lavorava “in nero” come tassista. Ne scaturì una sparatoria che causò il ferimento di Abu-Jamal e la morte di Faulkner. Vicino ad Abu-Jamal, nascosta sotto un’automobile, venne ritrovata una pistola registrata a suo nome, pistola che i periti balistici in seguito sostennero essere quella che aveva sparato.
Durante il processo del 1982 la strategia difensiva dell’imputato era stata quello di essere stato “incastrato” dalla polizia razzista e vendicativa. Dopo la condanna, Mumia iniziò a sostenere che non solo la polizia, ma anche la giuria popolare e la Corte aveva avuto contro di lui un fortissimo pregiudizio razziale.
Una lunga serie di risorsi basati su questa impostazione furono respinti, fino a quando, il 18 dicembre 2001, il giudice distrettuale William Yohn decise di annullare la condanna a morte.
Il giudice Yohn non accolse la tesi del razzismo, e anzi confermò il verdetto di colpevolezza, ma rilevò l’eventualità che le istruzioni fornite alla giuria popolare all’epoca del processo fossero o poco chiare, o errate. La legge infatti, mentre prevedeva che un verdetto di colpevolezza venisse emesso all’unanimità, non richiedeva l’unanimità quando si trattava di valutare la presenza di eventuali circostanze attenuanti. Questo però poteva non risultare chiaro ai giurati popolari. Per come erano date all’epoca le istruzioni ai giurati popolari, ritenne il giudice Yohn, era possibile che alcuni giurati che eventualmente avessero voluto applicare delle attenuanti (che avrebbero impedito la condanna a morte), non avessero insistito con gli altri giurati, nella convinzione che, poiché comunque l’unanimità sulle attenuanti non sarebbe stata raggiunta, allora non potevano essere applicate.
La sentenza del giudice Yohn fu appellata da Abu-Jamal nella parte in cui confermava il verdetto di colpevolezza, e dalla pubblica accusa nella parte che annullava la condanna a morte. Una sentenza del 6 aprile 2009, della Corte Suprema degli Stati Uniti, ha chiuso definitivamente i ricorsi possibili contro il verdetto di colpevolezza. In compenso i difensori di Abu-Jamal ottennero il 27 marzo 2008 che la Corte d’Appello del 3° Circuito respingesse il ricorso della pubblica accusa, e confermasse l’annullamento disposto dal giudice Yohn.
Il 19 gennaio 2010 la Corte Suprema degli Stati Uniti aveva poi annullato l’annullamento, e ordinato alla Corte d’Appello di rivedere il caso. Riesaminato il caso, pur prendendo atto dei rilievi mossi dalla Corte Suprema, la Corte d’Appello ha confermato il suo primo giudizio, ossia l’annullamento della condanna a morte.
Il Procuratore Distrettuale di Philadelphia, Seth Williams, aveva presentato un nuovo ricorso alla Corte Suprema degli Stati Uniti, ricorso che è stato respinto l’11 ottobre 2011. Alla pubblica accusa rimaneva la scelta se tentare comunque di ripetere la fase di sentenza tentando di ottenere di nuovo una condanna a morte, o rinunciare alla pena di morte e chiedere “solo” l’ergastolo.
Il 7 dicembre 2011, in una conferenza tenuta assieme al capo della polizia, al capo del sindacato dei poliziotti e alla vedova della vittima, il Procuratore Distrettuale Seth Williams aveva annunciato che la pubblica accusa ha rinunciato a chiedere la pena di morte per Mumia Abu-Jamal. Williams aveva detto di considerarsi soddisfatto del fatto che in tutti i gradi di giudizio la colpevolezza di Mumia fosse stata confermata, e che una condanna all’ergastolo senza condizionale a quel punto poteva  essere sufficiente, soprattutto se serviva a risparmiare ai parenti della vittima “altri 20 o 30 anni di sofferenza con un’altra serie di ricorsi ed appelli”. Da parte sua la vedova Faulker, in un discorso di 5 minuti, aveva criticato i giudici federali che nelle loro decisioni avevano rispecchiato le loro convinzioni personali contro la pena di morte, ma aveva comunque condiviso la scelta del Procuratore Distrettuale di mettere fine definitivamente al processo.
Scaduti i termini all’interno dei quali la Pubblica Accusa avrebbe potuto portare di nuovo Mumia in giudizio, il 13 agosto 2012 la giudice Pamela Dembe della Philadelphia Common Pleas Court aveva formalizzato la condanna all’ergastolo senza condizionale. Oggi la Corte d’Appello ha respinto un ricorso dei difensori di Abu-Jamal che contestava la procedura con la quale la giudice Dembe aveva formalizzato la condanna. Secondo la Corte d’Appello la giudice Dembe ha agito correttamente, non agendo "sua sponte" ma applicando le direttive emesse nel caso in questione da una corte federale. (Fonti: The Pennsylvania Record, 09/07/2013)

Altre news:
LIBANO: SEI MILIZIANI DI AL-NUSRA CONDANNATI A MORTE
GEORGIA (USA): PROTOCOLLO DI ESECUZIONE DICHIARATO INCOSTITUZIONALE
TEXAS (USA): GIUSTIZIATO VAUGHN ROSS
SINGAPORE: MALESE EVITA ESECUZIONE GRAZIE A MODIFICA DELLA LEGGE
GAMBIA: CONDANNA CAPITALE PER OMICIDIO
BANGLADESH: LEADER ISLAMISTA CONDANNATO A MORTE
USA: ERRORI DELL’FBI IN ALMENO 27 CASI CAPITALI
VIETNAM: 5 CONDANNATI A MORTE PER TRAFFICO DI EROINA
SOMALIA: SEI CONDANNATI A MORTE NEL PUNTLAND
TEXAS (USA): GIUSTIZIATO JOHN MANUEL QUINTANILLA
INDIA: CONFERMATA CONDANNA ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO E STUPRO
BANGLADESH: GHULAM AZAM CONDANNATO PER CRIMINI DI GUERRA
GEORGIA (USA): SOSPESA ESECUZIONE DI WARREN HILL
INDONESIA: ORGANIZZA TRAFFICO DI DROGA DAL CARCERE, CONDANNATO A MORTE
IRAQ: DETENUTI SAUDITI TORTURATI E GIUSTIZIATI
GAZA: CONDANNATO A MORTE PER DUE OMICIDI
CINA: GIUSTIZIATO SENZA PREAVVISO ALLA FAMIGLIA
TEXAS: LE ULTIME PAROLE DEI GIUSTIZIATI SONO ON LINE
PAKISTAN: IL DESTINO DI 400 DETENUTI PRESTO DECISO
ARABIA SAUDITA: GRAZIATI 31 CONDANNATI A MORTE IN 8 MESI
KENYA: CINQUE CONDANNE CAPITALI PER RAPINE A MANO ARMATA
IRAN: TRE IMPICCATI NEL CARCERE DI KERMANSHAH
NIGERIA: AUTORITA’ DI LAGOS CHIEDONO DI RICONSIDERARE LA PENA DI MORTE
USA: DIMINUISCONO LE ESECUZIONI
BANGLADESH: QUATTRO CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO E STUPRO DI UNA STUDENTESSA
INDIA: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO E STUPRO DI MINORE
IRAN: TRE IMPICCATI NEL CARCERE DI ARDEBIL
IRAN: IMPICCATI 21 PRIGIONIERI
ARABIA SAUDITA: DECAPITATO UN CONDANNATO VICINO A LA MECCA
CINA: EX MINISTRO FERROVIE CONDANNATO A PENA DI MORTE SOSPESA

[<< Prec] 1 2 3 [Succ >>]
2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits