Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA
DOSSIER GIAPPONE

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Una decapitazione in Arabia Saudita
Una decapitazione in Arabia Saudita
ARABIA SAUDITA: MEMBRO DELLA FAMIGLIA REALE RISCHIA L’ESECUZIONE PER OMICIDIO

29 dicembre 2013: è stato reso noto che un principe saudita rischia la decapitazione per l’omicidio di un connazionale, in uno dei rari casi di pena di morte nei confronti di un membro della famiglia regnante.
Il giornale in lingua inglese Arab News non ha voluto identificare per nome il principe e la sua vittima, ma ha detto che un membro di alto rango della famiglia e del Governo, il principe ereditario Salman, ha " spianato la strada per la possibile esecuzione di un principe condannato per l'omicidio di un cittadino saudita”. In un messaggio inviato al principe Mohammed bin Nayef, Ministro degli Interni, il principe Salman ha detto: "La Sharia si applica a tutti, senza eccezione". Il messaggio del principe Salman ha fatto seguito a una dichiarazione del padre della vittima secondo cui non era pronto a perdonare l'assassino e non era soddisfatto della somma offerta come prezzo del sangue. Secondo Arab News, il principe ereditario avrebbe aggiunto: "Non c'è differenza tra grandi e piccoli, ricchi e poveri ... Nessuno è autorizzato a interferire con la decisione della magistratura. Questa è la tradizione del nostro Paese. Siamo impegnati a seguire la Sharia".
Il sito web TheNewsTribe, con sede a Bradford nel Regno Unito, avrebbe identificato il principe come Saud Bin Abdulaziz Bin Nasir al Saud, di 34 anni, nipote del Re saudita Abdullah. Il principe Saud è stato condannato all'ergastolo in Gran Bretagna per aver ucciso il suo servo, Bandar Abdullah Abdulaziz, in un albergo di Londra il 15 febbraio 2010. Secondo quanto emerso al processo di Saud presso la Central Criminal Court a Londra, Saud ha picchiato e strangolato Abdulaziz, con una furia alimentata da champagne e cocktail, dopo che la coppia era tornata da una notte passata fuori il giorno di San Valentino. La giuria ha inoltre appreso che il principe aveva ordinato escort gay e aveva spesso guardato siti web per saloni di massaggio gay e agenzie di escort. Il principe ha negato di essere gay e i suoi avvocati hanno sostenuto che avrebbe rischiato la pena di morte in Arabia Saudita per omosessualità.
Ciononostante, Saud è stato rimandato in Arabia Saudita il 18 marzo 2013 per scontare in una prigione del regno il resto della sua condanna a vita. "Abbiamo un accordo con l'Arabia Saudita di trasferimento delle persone condannate, che permette ai cittadini di entrambi i Paesi di scontare la loro pena detentiva nello Stato d’origine ... Saud è stato trasferito come accade a tutti i prigionieri di tornare a casa anche se è stato il primo prigioniero a essere trasferito in base a questo accordo", ha detto una portavoce del Ministero della Giustizia, la quale ha aggiunto che, come prevede l’accordo, deve scontare la pena a vita, con un minimo di 20 anni prima della condizionale. Quando le è stato chiesto quali misure erano state prese per garantire che il principe non sarebbe stato perseguitato per i suoi atti omosessuali o, al contrario, non avrebbe ricevuto un trattamento di favore per i suoi legami reali, la portavoce ha detto che il trattamento penale è ormai un problema dell'Arabia Arabia. (Fonti: Reuters e thenewstribe.com; 30/12/2013; www.dailymail.co.uk, 21/03/2013)

Altre news:
ARABIA SAUDITA: UN PAKISTANO GIUSTIZIATO PER TRAFFICO DI DROGA
INDIA: CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO E STUPRO
IRAQ: ALMENO 169 PERSONE MESSE A MORTE NEL 2013
IRAN: ALMENO UN IMPICCATO A ZAHEDAN
PAKISTAN: DUE CONDANNATI A MORTE PER BLASFEMIA
IRAQ. NUOVO ATTACCO A CAMPO LIBERTY: TRE LE VITTIME E 50 I FERITI
IRAN: 4 IMPICCATI A ORUMIEH PER OMICIDIO
ZAMBIA: PRESIDENTE SATA CONCEDE LA GRAZIA
ARABIA SAUDITA: BLOGGER CONDANNATO A MORTE PER APOSTASIA
IRAN: DUE PRIGIONIERI GIUSTIZIATI A MASHHAD
IRAN: 18 PRIGIONIERI GIUSTIZIATI
QUINTO CONGRESSO DI NESSUNO TOCCHI CAINO. ORGANI ELETTI E MOZIONE GENERALE
ARABIA SAUDITA: SALVO GRAZIE ALLA MEDIAZIONE DEL PRINCIPE
IRAN: 11 IMPICCATI A KARAJ E UREMIA
LECCE: ‘L’UNIVERSALITÀ DELLA MUSICA AL SERVIZIO DEI DIRITTI UMANI’
BIELORUSSIA: AUTORITÀ NASCONDONO INFORMAZIONI SULLA PENA DI MORTE
IRAN: DELEGAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO IN VISITA A TEHERAN PER DISCUTERE DI DIRITTI UMANI
OKLAHOMA (USA): GIUSTIZIATO JOHNNY DALE BLACK
VIETNAM: PRIMA INIEZIONE LETALE A HO CHI MINH CITY
IRAN: IMPICCATO A QAZVIN PER DROGA
EMIRATI ARABI: NEPALESE SALVO GRAZIE AL PREZZO DEL SANGUE
VIETNAM: CINQUE CONDANNATI A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
LIBANO: CONDANNA A MORTE PER COLLABORAZIONISMO
IRAN: IMPICCATO A GACHSARAN PER TRAFFICO DI DROGA
MAROCCO: DEPOSITATO ALLA CAMERA DDL ABOLIZIONISTA
COREA DEL NORD: GIUSTIZIATO LO ZIO 'TRADITORE' DI KIM JONG-UN
UE: RISOLUZIONE SU PRELIEVO DI ORGANI DA PRIGIONIERI IN CINA
GIAPPONE: DUE IMPICCATI PER OMICIDIO
MISSOURI (USA): GIUSTIZIATO ALLEN NICKLASSON
IRAN: SETTE IMPICCATI A KARAJ

1 2 [Succ >>]
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  CORTE DI STRASBURGO. NESSUNO TOCCHI CAINO, STORICA SENTENZA DELLA CEDU SUL CASO VIOLA vs ITALIA  
  APPELLO DI NESSUNO TOCCHI CAINO PER NASRIN SOTOUDEH  
  NESSUNO TOCCHI CAINO INVITA ALL’EVENTO IN RICORDO DI ENZO MAZZARELLA ‘NASCONDI LA PIETRA CHE CAINO NON LA TROVI’  
  IRAN. NESSUNO TOCCHI CAINO, RIDUZIONE DELLE ESECUZIONI PER DROGA MA I NUMERI RESTANO PREOCCUPANTI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits