Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Joseph Wood
Joseph Wood
ARIZONA (USA): CONDANNATO MUORE DOPO DUE ORE DI AGONIA

23 luglio 2014: Joseph Wood è morto in Arizona dopo una esecuzione malriuscita durata quasi 2 ore. Wood, 55 anni, bianco, il 19 luglio aveva ottenuto dalla Corte d’Appello del 9° Circuito una sospensione dell’esecuzione per discutere il tema delle “secrecy laws”, le leggi che nei mesi scorsi sono state approvate in diversi stati, compresa l’Arizona, per consentire alle Amministrazioni Penitenziarie di non rivelare le fonti dei farmaci per l’iniezione letale.
Dopo il ricorso della pubblica accusa, la Corte Suprema di stato aveva concesso una conferma temporanea della sospensione per aver tempo di valutare il ricorso, ma poi aveva dato il via libera all’esecuzione.
L’esecuzione, che inizialmente era fissata alle 10 di mattina, è iniziata alle 13,52. Secondo il rapporto ufficiale dell’Amministrazione Penitenziaria, Wood è stato sedato alle 13,57 con il Midazolam. Alle 14,03 la bocca di Wood si è mossa, e da quel momento in poi ha continuato a respirare, e per oltre un’ora ha rantolato ed emesso rumori di varia natura.
Secondo la dichiarazione del Procuratore Generale Tom Horne, in prima fila nei giorni scorsi nel difendere l’efficacia del protocollo dell’Arizona basato su due farmaci, Midazom e Idromorfone, provenienti da fonte ignota ma probabilmente da un laboratorio artigianale, Wood è stato dichiarato morto alle 15,49, 117 minuti dopo l’inizio della procedura di esecuzione.
Dopo circa un’ora dall’inizio della procedura i difensori di Wood hanno inviato una richiesta urgente alla corte distrettuale federale perché l‘esecuzione venisse sospesa e avviata una procedura di rianimazione, ma senza ottenere risposta.
Due giornalisti che hanno assistito all’esecuzione hanno riportato sui loro media quanto accaduto. Michael Kiefer, di The Republic / azcentral.com, ha scritto: “Alle 14,05 Wood ha aperto la bocca. 3 minuti dopo l’ha aperta di nuovo, e il suo torace si è mosso come se avesse ruttato. 2 minuti dopo, e poi ancora, Wood ha spalancato la bocca, sempre di più. Questa cosa non si è fermata, boccheggiava come un pesce tirato fuori dall’acqua. Il movimento era come quello di un pistone: la bocca si apriva, il torace si sollevava, lo stomaco faceva movimenti convulsi. E quando il medico è entrato nella camera della morte per verificare lo stato di coscienza, ed ha acceso il microfono per comunicare che Wood era ancora inconscio, abbiamo potuto sentire i rumori che faceva: russava, e succhiava aria, facendo un rumore come quello del filtro di una piscina quando viene avviato, un rumore più forte di quello che riesco ad imitare, nonostante ci abbia provato. È stata una morte per mancanza d’aria, e c’è voluta un’ora e mezza. Ho dato un colpo con la matita su un foglio di carta ogni volta che Wood ha aperto la bocca, e alla fine ho contato più di 640 colpi, ma erano di più, perché il medico è entrato 4 volte per verificare lo stato di Wood, e mi ha coperto la visuale”.
Troy Hayden, reporter di Fox 10 News, ha detto: “é stato qualcosa di molto shoccante... come i singulti di un pesce tirato a riva. A un certo punto mi sono chiesto se quell’uomo sarebbe mai morto”.
Wood, 55 anni, bianco, era stato condannato con l’accusa di aver ucciso, nell’agosto 1989, la ex fidanzata Debra Dietz, e il padre della donna, Eugene Dietz.
Dopo che l’esecuzione si era conclusa con la dichiarazione ufficiale di morte, uno dei suoi difensori, Dale Baich, ha rilasciato una dichiarazione all’Huffington Post criticando la pretesa dell’Arizona di tenere il segreto sui farmaci e su come sia stata elaborata la procedura che prevede l’uso del Midazolam e dell’Idromorfone: “Rinnoveremo i nostri sforzi per avere informazioni su chi ha prodotto i farmaci, e su come l’Arizona abbia ideato la formula sperimentale utilizzata oggi. Sembra che l’Arizona abbia voluto unirsi ad altri stati che sono responsabili di una procedura il cui orrore era perfettamente prevedibile, una esecuzione completamente fallita. L’opinione pubblica dovrebbe considerare i suoi funzionari responsabili per tutto questo, e pretendere che la procedura sia resa trasparente”.
Wood diventa il 1° giustiziato di quest’anno in Arizona, il 37° da quando l’Arizona ha ripreso le esecuzioni nel 1992, il 26° dell’anno negli USA, e il giustiziato n° 1385 da quando, il 17 gennaio 1977, gli Stati Uniti hanno ripreso le esecuzioni. (Fonti: Huffington Post & Rick Halperin, 23/07/2014)

Altre news:
SRI LANKA: OTTO PERSONE CONDANNATE A MORTE PER OMICIDIO
GHANA: PESCATORE CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER L’OMICIDIO DI UN BAMBINO
SRI LANKA: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO E STUPRO DI UN BAMBINO
IRAQ: 15 SUNNITI GIUSTIZIATI DA MILIZIA SCIITA
ALABAMA (USA): ESECUZIONI SOSPESE ALMENO FINO ALLA PROSSIMA PRIMAVERA
L’AJA: PRESENTATO IL RAPPORTO 2014 DI NESSUNO TOCCHI CAINO
CINA: GIAPPONESE GIUSTIZIATO PER TRAFFICO DI DROGA
EMIRATI ARABI: DUE CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN POLIZIOTTO
GHANA: TOGOLESE CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO
ESECUZIONE IN ARIZONA, NESSUNO TOCCHI CAINO: SBARAZZARSI UNA VOLTA PER TUTTE DEL SISTEMA ARCAICO DELLA PENA DI MORTE
INDIA: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER ATTACCO CON ACIDO
SOMALIA: FUCILATI QUATTRO MILIZIANI AL-SHABAB
SRI LANKA: QUATTRO CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
GHANA: MURATORE CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER L’OMICIDIO DI UN AMICO
IRAN: 10 PRIGIONIERI IMPICCATI PER DROGA
AFGHANISTAN: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UNA GIORNALISTA
SOMALIA: 14ENNE GIUSTIZIATA DAGLI AL-SHABAAB PER SPIONAGGIO
CINA: POLIZIOTTO GIUSTIZIATO PER L’OMICIDIO DI UNA DONNA INCINTA
GHANA: IL PRESIDENTE MAHAMA CONCEDE LA GRAZIA A 21 CONDANNATI A MORTE
EMIRATI ARABI: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DEL DATORE DI LAVORO
VIETNAM: TRE PRIGIONIERI GIUSTIZIATI
EMIRATI ARABI: IN ARRIVO NUOVA LEGGE ANTI-TERRORISMO
MYANMAR: CONDANNA CAPITALE PER OMICIDIO
PAKISTAN: DUE CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
IRAN: UOMO CONDANNATO ALLA LAPIDAZIONE
SIRIA: DUE DONNE LAPIDATE PER ADULTERIO DALL’ISIS
MESSAGGI PERVENUTI IN OCCASIONE DELLA PRESENTAZIONE DEL RAPPORTO DI NTC
RAPPORTO NESSUNO TOCCHI CAINO: ‘EVOLUZIONE POSITIVA VERSO ABOLIZIONE’
SINGAPORE: DUE ESECUZIONI PER TRAFFICO DI DROGA
INDIA: PRESIDENTE RESPINGE CLEMENZA PER SEI CONDANNATI A MORTE

1 2 3 [Succ >>]
2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
  IRAN: NESSUNO TOCCHI CAINO, IMPICCAGIONE DEL MANIFESTANTE MOSTAFA SALEHI È UNA VERGOGNA PER IL MONDO COSIDDETTO DEMOCRATICO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits