Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

TEXAS (USA): MANUEL VELEZ TORNA IN LIBERTÀ

8 ottobre 2014: Alle 11,32 di sera Manuel Velez è uscito dal penitenziario di Huntsville dopo avervi trascorso 9 anni, 4 dei quali nel braccio della morte. Velez, oggi 49 anni, ispanico, era accusato di aver picchiato a morte un bambino il 31 ottobre 2005. Due settimane prima di quella data Velez era andato a vivere nella casa di Acela Moreno, che allora aveva 25 anni, madre di un bambino di 11 mesi, Angel Moreno. Ad un certo punto del pomeriggio Velez si accorse che il bambino aveva difficoltà respiratorie, chiamò una ambulanza, e il bambino venne ricoverato in ospedale, dove morì due giorni dopo. Inizialmente sia Velez che Acela Moreno vennero imputati di omicidio capitale, ma prima che il processo iniziasse la donna raggiunse un accordo con la pubblica accusa, e si dichiarò colpevole di maltrattamenti, ottenendo una condanna a 10 anni. Scarcerata dopo 5 anni, nel 2010, è stata subito espulsa verso il Messico. Come parte dell’accordo, la donna testimoniò contro Velez. Nonostante durante le indagini la donna avesse ammesso che Velez non aveva mai colpito il figlio, e che a lei invece era capitato di aver “occasionalmente” maltrattato il figlio, anche spegnendogli addosso delle sigarette, durante la testimonianza in tribunale la donna omise tutto questo. Non disse apertamente che Velez avesse maltrattato il bambino, ma disse che i disturbi fisici del bambino era iniziati da circa due settimane, da quando Velez viveva con lei. L’uomo venne condannato a morte il 24 ottobre 2008. Ottenne l’annullamento della condanna a morte da parte della Corte d’Appello del Texas il 13 giugno 2012 in quanto un esperto chiamato dalla pubblica accusa a testimoniare sul regime penitenziario delle persone condannate all’ergastolo senza condizionale aveva fornito alla giuria popolare informazioni non vere, illustrando in maniera troppo ottimistica i vantaggi di cui nel corso degli anni avrebbe goduto l’imputato se non fosse stato condannato a morte. I nuovi difensori di Velez, avvocati degli stiudi privati Carrington, Coleman, Sloman & Blumenthal, e Lewis, Roca, Rothgerber, presentarono un ulteriore ricorso, cercando di ottenere l’annullamento del verdetto di colpevolezza. Riesaminando il fascicolo processuale avevano trovato una perizia condotta da un neuropatologo per conto della pubblica accusa, perizia che datava gli ematomi nel cervello del bambino ad un’epoca in cui Velez non solo non viveva con la Moreno, ma era in Tennessee, a oltre 1000 miglia di distanza, lavorando in un cantiere.
Non solo i difensori d’ufficio non avevano citato la perizia, che pure era presente negli atti, ma nemmeno chiesero la testimonianza dell’esperto, assecondando di fatto la tesi accusatoria. I nuovi avvocati, affiancati dall’avvocato Brian Stull, della ACLU (American Civil Liberties Union, una importante associazione per i diritti civili) trovarono nel fascicolo processuale diverse testimonianze di amici e parenti della Moreno che attribuivano alla donna gravi maltrattamenti nei confronti del bambino. Gli avvocati hanno anche notato che al processo era stata presentata una confessione di Velez scritta a macchina in inglese, in un’epoca in cui già da anni la polizia è per legge attrezzata per videoregistrare gli interrogatori. Gli avvocati hanno inoltre rilevato che Velez non solo ha un quoziente intellettuale molto basso, 65 punti, ma è praticamente analfabeta, e di madrelingua spagnola, con all’epoca scarse competenza nella lingua inglese in cui invece era scritta la confessione. Per tutti questi motivi la Corte d’Appello del Texas nell’ottobre 2013 ha annullato anche il verdetto di colpevolezza, ed ordinato la ripetizione del processo. La pubblica accusa però non ritirò le accuse, e manifestò l’intenzione di ripetere il processo. L’avvocato Stull spiegò a Velez che questo avrebbe allungato notevolmente i tempi di scarcerazione, e che inoltre né lui né gli altri avvocati erano in grado di garantirgli in modo certo una assoluzione. Gli consigliarono di accettare l’accordo proposto dalla pubblica accusa, che gli chiedeva di dichiararsi colpevole di una imputazione minore, e in cambio sarebbe stato condannato a quanto già scontato. L’avvocato Stull così ha riassunto la situazione: “Voleva battersi per la sua innocenza, ma ancora di più voleva tornare dai suoi figli, e dai suoi genitori ormai anziani”. La giudice Elia Cornejo Lopez ha ratificato l’accordo, ed ha disposto l’immediata scarcerazione di Velez. Essendosi dichiarato colpevole di un reato minore (maltrattamento di minore) Velez non avrà diritto a risarcimenti. (Fonti: The Guardian, ACLU, USA Today, 08/10/2014)

Altre news:
EMIRATI ARABI UNITI: CONDANNATO A MORTE CON IL GIURAMENTO DI QASAMA
IL COMUNE DI ROMA ADERISCE ALLA CAMPAGNA DI NESSUNO TOCCHI CAINO
CINA: FONDAZIONE DUI HUA STIMA 2.400 ESECUZIONI NEL 2013
IRAN: OTTO PRIGIONIERI GIUSTIZIATI, ALTRI SEI MORTI IN CARCERE
IRAQ: NAZIONI UNITE, LA PENA DI MORTE ALIMENTA LA VIOLENZA NEL PAESE
NESSUNO TOCCHI CAINO SU NOTIZIA SQUADRA DI CALCIO A RISCHIO ESECUZIONE IN NORD COREA
IRAN: QUATTRO IMPICCATI PER DROGA A RASHT
IRAN: RAGAZZO DI 18 ANNI IMPICCATO A TABRIZ
SUDAFRICA/BOTSWANA: UOMO RISCHIA DI ESSERE IMPICCATO DOPO INGIUSTA ESTRADIZIONE
PAKISTAN: CONDANNA A MORTE PER ASIA BIBI CONFERMATA DALL’ALTA CORTE
INDIA: DUE CONDANNATI A MORTE PER DELITTO D’ONORE
SOMALILAND: POLIZIOTTO CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN COLLEGA
EGITTO: CONFERMATE CONDANNE CAPITALI DI TRE CITTADINI DELLE SEYCHELLES
SAUDI ARABIA: RELIGIOSO SCIITA CONDANNATO A MORTE
EGITTO: SETTE JIHADISTI CONDANNATI A MORTE
AFGHANISTAN: SARANNO RIVISTI I CASI DI 400 CONDANNATI A MORTE
SOMALIA: CONDANNATO A MORTE DAL TRIBUNALE MILITARE DEL PUNTLAND
IRAN: SEI PRIGIONIERI IMPICCATI IN SEGRETO
ARABIA SAUDITA: TRE CONDANNE CAPITALI PER ‘TERRORISMO’
CINA: 12 CONDANNE A MORTE PER ATTACCO NELLO XINJIANG
PAPUA NUOVA GUINEA: ALLA RICERCA DEL METODO DI ESECUZIONE
PENA DI MORTE: NESSUNO TOCCHI CAINO DEDICA LA GIORNATA MONDIALE ALL’AFRICA
PENA DI MORTE: DALLA SVIZZERA APPELLO ABOLIZIONISTA
KENYA: DUE CONDANNE A MORTE PER OMICIDI DI POLIZIOTTI
MAROCCO: ABOLIZIONISTI DENUNCIANO TRATTAMENTO DISUMANO NEL BRACCIO DELLA MORTE
TAIWAN: MINISTRO DELLA GIUSTIZIA, COME BUDDISTA MI AUGURO CHE LA PENA DI MORTE SIA ABOLITA MA DEVO TENER CONTO DELL’OPINIONE PUBBLICA
PENA DI MORTE: RACCOLTA FONDI PER LA PUBBLICAZIONE DI ‘FINAL WORDS’
AFGHANISTAN: SEI IMPICCAGIONI PER SEQUESTRI E STUPRI
EMIRATI ARABI UNITI: COMMUTATA LA CONDANNA CAPITALE DI UN TRAFFICANTE DI DROGA
SOMALIA: DUE SOLDATI CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO E STUPRO

[<< Prec] 1 2 3 [Succ >>]
2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits