Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA
DOSSIER GIAPPONE

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

L'ex presidente egiziano Hosni Mubarak
L'ex presidente egiziano Hosni Mubarak
EGITTO: MUBARAK PROSCIOLTO DALL’ACCUSA DI OMICIDIO DI 239 MANIFESTANTI

29 novembre 2014: un tribunale egiziano ha prosciolto l'ex presidente Hosni Mubarak dall’accusa di complicità nelle uccisioni di manifestanti nel corso delle rivolte del 2011 che misero fine ai suoi 30 anni di dominio. Mubarak, 86 anni, era stato condannato all'ergastolo nel 2012 per cospirazione nell’uccisione di 239 manifestanti, tuttavia una corte d'appello aveva ordinato un nuovo processo.
I suoi sostenitori hanno festeggiato quando sono stati letti i verdetti del nuovo processo, che ha mandato assolti anche Habib al-Adly, ex ministro degli interni di Mubarak, e sei collaboratori. Gli imputati avevano negato le accuse.
Il giudice ha dichiarato che nessuna accusa avrebbe dovuto essere presentata contro Mubarak nel caso. La decisione tuttavia può essere impugnata e l'ex leader non è stato liberato dal momento che sta scontando una pena detentiva di tre anni in un caso di appropriazione indebita.
Molti egiziani hanno vissuto il governo di Mubarak come un periodo di autocrazia e capitalismo clientelare e considerano una vittoria vederlo dietro le sbarre. Il suo rovesciamento ha portato alla prime elezioni libere in Egitto, ma il vincitore, Mohamed Mursi, è stato estromesso lo scorso anno dall’allora capo dell'esercito Abdel Fattah al-Sisi, a seguito delle proteste contro il suo governo.
Sisi, che ha vinto le elezioni presidenziali di maggio, ha attuato un giro di vite su Mursi ed i Fratelli Musulmani. Le autorità hanno imprigionato migliaia di sostenitori dei Fratelli Musulmani, condannandone centinaia a morte in processi di massa che hanno attirato le critiche internazionali.
Al contrario, gli uomini dell'epoca di Mubarak vengono prosciolti dalle accuse e una serie di leggi che limitano le libertà politiche hanno sollevato il timore tra gli attivisti che la vecchia dirigenza stia riguadagnando influenza. Il verdetto di sabato (29 novembre) è stato visto dagli attivisti come l'ultimo segnale dell’erosione dei diritti conquistati nel 2011.
"Questo è un verdetto politico. La magistratura sta procrastinando da quattro anni in modo da poterlo prosciogliere dopo aver perso la speranza," ha detto a Reuters fuori dal tribunale il padre di Ahmed Khaleefa, 19 anni, che fu ucciso nel 2011.
"Il verdetto ci ha colpito come proiettili. Ritengo che mio figlio Ahmed sia morto oggi."
Othman al-Hefnawy, avvocato che rappresenta alcune famiglie di manifestanti morti, ha sottolineato che il verdetto ha lasciato aperta la domanda: se Mubarak, il suo ministro degli interni e gli uomini della sicurezza non sono responsabili della morte di 239 manifestanti, allora chi è stato?
Il tribunale ha anche prosciolto Mubarak e un ex ministro del petrolio dall’accusa di appropriazione illecita nell’ambito di esportazioni di gas verso Israele.
In un diverso caso di corruzione, le accuse contro Mubarak e i suoi figli Alaa e Gamal sono cadute, con il giudice Mahmoud Kamel al-Rashidi che ha detto essere troppo il tempo trascorso dal presunto reato perché il tribunale si possa pronunciare.
Sia i figli di Mubarak che l’ex ministro Adly restano comunque in carcere per scontare altre condanne.
L’ex presidente Mubarak si è proclamato innocente, dicendo che morirà con la coscienza pulita e che la storia lo vendicherà.
"Eravamo sicuri della sua innocenza nonostante le critiche e gli sforzi per infangare la sua reputazione", ha detto al-Nahla Hawy, un sostenitore di Mubarak, fuori dal tribunale.
Mubarak rimarrà in un ospedale militare, dove sta scontando una condanna a tre anni per appropriazione indebita, pronunciata lo scorso maggio. (Fonti: Reuters, 29/11/2014)

Altre news:
QATAR: IMMIGRATO CONDANNATO ALLA FUCILAZIONE PER OMICIDIO
IRAN: DUE PRIGIONIERI IMPICCATI A QUM E KASHAN
ARABIA SAUDITA: PENA DI MORTE PER CHI INTRODUCE BIBBIE NEL PAESE
ZAMBIA: TRE CONDANNE ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO
IRAN: TRE PRIGIONIERI IMPICCATI
IRAN: SETTE PRIGIONIERI IMPICCATI, DI CUI DUE IN PUBBLICO
IRAQ: ISIS GIUSTIZIA DUE CANDIDATE AL PARLAMENTO
INDIA: CORTE SUPREMA CONFERMA CONDANNA ALL’IMPICCAGIONE
ARABIA SAUDITA: PAKISTANO GIUSTIZIATO PER TRAFFICO DI EROINA
SIRIA: MILIZIANI DELL'ISIS LAPIDANO DUE UOMINI ACCUSATI DI OMOSESSUALITÀ
MALESIA: NIGERIANO CONDANNATO PER TRAFFICO DI DROGA
PUERTO RICO: GOVERNATORE CONTRARIO ALLA REINTRODUZIONE DELLA PENA DI MORTE
IRAN: CONFERMATA CONDANNA CAPITALE PER INSULTI AL PROFETA
ARABIA SAUDITA: TRE DECAPITAZIONI A RIAD
IRAN: QUATTRO UOMINI FRUSTATI IN PUBBLICO
SOMALIA: SOLDATO FUCILATO PER OMICIDIO NEL JUBALAND
VOTO ONU PRO MORATORIA ULTERIORE PASSO VERSO L’ABOLIZIONE
NIGER: DELEGAZIONE DI RADICALI VISITA LE CARCERI DI NIAMEY E DI KOLLO
NIGER: DELEGAZIONE RADICALE INCONTRA PRESIDENTE DEL PARLAMENTO SU RISOLUZIONE PRO-MORATORIA ALL'ONU E DIRITTO ALLA CONOSCENZA
MISSIONE DEI RADICALI IN NIGER, IL GOVERNO ANNUNCIA VOTO A FAVORE DELLA RISOLUZIONE ONU PRO MORATORIA E ABOLIZIONE DELLA PENA DI MORTE NEL PAESE
UGANDA: GOVERNO APPROVA EMENDAMENTI A LEGGE ANTI-TERRORISMO
IRAN: IMPICCAGIONE IN PUBBLICO
STRAGE DI BOLOGNA, DICHIARAZIONE DI NESSUNO TOCCHI CAINO
OHIO (USA): RICKY JACKSON ESONERATO DOPO 39 ANNI IN CARCERE
SRI LANKA: CINQUE PESCATORI INDIANI OTTENGONO GRAZIA PRESIDENZIALE
ARABIA SAUDITA: GIUSTIZIATO PER GLI OMICIDI DI UN POLIZIOTTO E DI UN SOLDATO
MISSOURI (USA): LEON VINCENT TAYLOR GIUSTIZIATO
COMORE: NESSUNO TOCCHI CAINO INCONTRA MINISTRO DELLA GIUSTIZIA SU VOTO PER LA RISOLUZIONE ONU E VISITA CARCERE DI MORONI
MAURITANIA: DUE CONDANNE A MORTE PER TERRORISMO CONFERMATE IN APPELLO
NAZIONI UNITE: COMITATO CONDANNA VIOLAZIONI DIRITTI UMANI IN IRAN

1 2 3 [Succ >>]
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  CORTE DI STRASBURGO. NESSUNO TOCCHI CAINO, STORICA SENTENZA DELLA CEDU SUL CASO VIOLA vs ITALIA  
  APPELLO DI NESSUNO TOCCHI CAINO PER NASRIN SOTOUDEH  
  NESSUNO TOCCHI CAINO INVITA ALL’EVENTO IN RICORDO DI ENZO MAZZARELLA ‘NASCONDI LA PIETRA CHE CAINO NON LA TROVI’  
  IRAN. NESSUNO TOCCHI CAINO, RIDUZIONE DELLE ESECUZIONI PER DROGA MA I NUMERI RESTANO PREOCCUPANTI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits