Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Paula Cooper
Paula Cooper
INDIANA (USA): PAULA COOPER MORTA, FORSE SUICIDA

26 maggio 2015: Paula Cooper, che nel 1986 divenne la più giovane detenuta dei bracci della morte statunitensi, è stata trovata morta. Per la polizia si tratta di suicidio.
La Cooper aveva 45 anni. Era stata scarcerata il 17 giugno 2013 dopo 28 anni di detenzione. Cooper, una ragazza di colore che all'epoca aveva 15 anni, nel 1985 venne accusata di aver ucciso assieme a 3 coetanee, un’insegnante di catechismo che le aveva accolte nella sua abitazione. Nel 1986 venne condannata a morte, e divenne la più giovane detenuta nei bracci della morte degli Stati Uniti. Per molti, Cooper era un mostro per il quale non aveva senso parlare di riabilitazione. Ma altri la videro come una vittima di un'infanzia piena di abusi, e di un sistema giudiziario fortemente contaminato dal razzismo. Una sfida legale mossa allo stesso concetto di “pena di morte per i minori”, una campagna di solidarietà internazionale alla quale partecipò il Partito Radicale italiano con una massiccia raccolta di firme organizzata da Paolo Pietrosanti e Ivan Novelli, firme poi consegnate nel 1988 da Maurizio Barbera, all'epoca direttore del carcere romano di Rebibbia Femminile, al Segretario delle Nazioni Unite a New York.
Anche il Parlamento Europeo con una risoluzione con Emma Bonino prima firmataria partecipò alla campagna, e Papa Giovanni Paolo II si unì alla mobilitazione internazionale. All'epoca la Corte Suprema degli Stati Uniti stava affrontando il tema della costituzionalità delle condanne a morte di minori. Nel 1988 la Corte dichiarò incostituzionale giustiziare chi al momento del reato aveva meno di 16 anni. L’anno successivo l’Indiana adeguò le sue leggi, portando da 10 a 16 l’età minima per poter ricevere una condanna capitale, e la Corte Suprema dell’Indiana commutò la condanna a morte della Cooper a una condanna a 60 anni. Solo nel 2002 l’Indiana alzò a 18 anni l’età minima per una condanna a morte, e solo il 1° marzo 2005 la Corte Suprema degli Stati Uniti, con un solo voto di scarto, dichiarò incostituzionale la pena di morte per i minori di 18 anni.
Durante il processo, così la pubblica accusa ricostruì il fatto: “Era il 14 maggio 1985 quando 4 ragazze suonarono alla porta di Ruth Pelke, 78 anni, bianca, dicendosi interessate ad approfondire alcune letture della Bibbia”. Entrate, una delle ragazze colpì la Pelke alla testa con un vaso, facendola cadere a terra. "Paula Cooper, come poi ammise al processo, le andò sopra, continuando a chiederle “Dove sono i soldi, cagna?”. Quando l’anziana donna rispose di non avere denaro in casa, la Cooper ha cominciato a torturarla, facendole dei profondi tagli sul petto. La Pelke è morta mentre recitava le ultime preghiere al Signore”.
Cooper e le altre 3 ragazze - Denise Thomas, 14 anni, Karen Corder, 16 anni, e April Beverly, 15 anni - sono fuggite con circa 10 dollari di bottino, e l’automobile della Pelke. Il giorno dopo sono state arrestate “dopo che in giro si erano vantate dell’uccisione”, ricordò la pubblica accusa. La Beverly testimoniò contro le altre, ed ottenne una condanna a 25 anni per la sola rapina. E 'stata rilasciata nel 1999. Ora vive in Colorado. Raggiunta telefonicamente, non ha voluto commentare la notizia del rilascio della Cooper. La Thomas venne condannata per omicidio a 35 anni. È stata rilasciata nel 2003. Anche la Corder venne condannata per omicidio, a 60 anni, ed è stata rilasciata nel 2008. La stampa non è riuscita a localizzarle.
Al processo la Cooper si dichiarò colpevole di omicidio. Il suo difensore dell’epoca, Kevin Relphorde, ha ricordato che la dichiarazione di colpevolezza, e l’aver espresso rimorso, potessero bastare ad evitare la condanna a morte. Ma evidentemente non c’era molto spazio di manovra. Il giorno della sentenza il giudice James Kimbrough fece un lungo discorso sul perché lui era contrario alla pena di morte. Ma poi lasciò cadere la bomba: condanna a morte per Cooper. Ricorda Crawford: “A questo punto l’attenzione sul caso cambiò di segno. Non si parlò più di quanto orrendo fosse il crimine, ma del fatto che una ragazza di soli 16 anni era stata condannata a morte, del fatto che era solo la 4° donna in Indiana a finire nel braccio della morte, e del fatto che comunque l’Indiana non ha mai giustiziato una donna. È un caso che ti rimane in mente quando nel tuo ufficio arriva un emissario del Papa, quando del caso si occupa Amnesty International, e quando dall'Europa arrivano molti segnali di attenzione, soprattutto dall'Italia. Lettere e petizioni sono arrivate in gran numero sulla mia scrivania da procuratore, e in seguito alla Corte Suprema di Stato. Un documento della Indiana Historical Society registra che la Corte Suprema di stato aveva ricevuto oltre 2 milioni di firme, altri appelli arrivarono al governatore Robert Orr, compreso uno, nel settembre 1987, del Papa, e un ulteriore appello arrivò alle Nazioni Unite, con un milione di firme a supporto.
Bill Pelke, un nipote della vittima, che aveva perdonato Paula e nel corso degli anni è diventato un militante della lotta contro la pena di morte, al momento della scarcerazione si disse preoccupato: "La mia preoccupazione principale è vedere che si possa sistemare in qualche modo, e che trovi un lavoro”. Per il resto non aveva commentare il rilascio di Paula perché, aveva aggiunto: “La copertura mediatica potrebbe complicare ulteriormente il già difficile compito di ricostruirsi una vita”.
La sorella della Cooper, Rhonda Labroi, aveva detto “Spero che la gente guardi oltre il fermo immagine dell’epoca, in cui mia sorella è effigiata come una killer adolescente”. "È una persona molto diversa. È molto più istruita, più vecchia e più saggia ora. Penso che le cose saranno diverse." Cooper, ha aggiunto, "ha pagato il suo prezzo. Esistono le seconde possibilità. Sembra che Dio le abbia voluto dare un'altra possibilità. Penso che se la gente sarà d’accordo nel concederle una seconda possibilità, Paula farà bene”. Aveva detto la Labroi.
In una intervista del 2004, Paula Cooper aveva espresso rimorso per le sue azioni, e il desiderio di cambiare radicalmente la sua vita. "Ognuno di noi ha la responsabilità di fare il bene o il male, e se si fa del male, si deve essere puniti". "La riabilitazione viene prima di tutto da noi stessi. Se non sei pronto per essere riabilitato, non lo sarai." Jack Crawford, che rappresentò la pubblica accusa al processo, nel frattempo ha maturato una posizione contraria alla pena di morte. Ma conferma che all’epoca la legge prevedeva che si potesse chiedere la pena di morte in casi particolarmente gravi a partire dai 10 anni di età, e a lui, per l’efferato omicidio della signora Pelke, la condanna sembrava appropriata. “Il Caso della Cooper, il suo processo e la condanna a morte” ha detto Crawford “hanno attratto l’attenzione dei media più di ogni altro caso che ho seguito nei 12 anni da procuratore della Lake County, per diverse ragioni: perché lei era una donna, perché aveva 15 anni, per la ferocia dell’uccisione, e per il contrasto tra lei, nera, e la sua vittima, bianca”. "Furono 4 ragazze adolescenti, durante la pausa pranzo al liceo, a suonare a casa della vittima, e compiere l’orribile crimine. Era sorprendente che queste 4 ragazze potessero aver fatto una cosa del genere con tanta fredda cattiveria. Le ragazze avevano ben pianificato di uccidere la donna perché non le riconoscesse, e la Cooper, a capo della banda, si era portata dietro un coltello da macellaio con la lama da 30 centimetri”. Al momento della scarcerazione l’Amministrazione Penitenziaria aveva reso noto il curriculum della Cooper: ripresa 23 volte per violazioni al regolamento, 10 delle quali di basso livello, e condannata nel 1995 a 3 anni di isolamento per aver aggredito una guardia penitenziaria. Nell'intervista del 2004 la Cooper aveva ricordato quegli anni di tensione: “Ero molto amareggiata, ed arrabbiata, e così mi ficcavo spesso nei guai. Poi un giorno ho deciso che dovevo iniziare a calmarmi”. Quindi ha studiato, ha preso la maturità, ha frequentato un corso professionale, e ha preso una laurea di 1° livello. Ha collaborato nell'addestramento di cani per i ciechi, e dal 2011 ha lavorato come tutor.
Crawford, il suo ex pubblico ministero, attraverso la stampa le fece gli auguri per la sua nuova fase di vita: “Ha scontato la sua pena, e forse può dare un contributo di qualche tipo alla società. Spero che continui nel suo percorso di riabilitazione, e trovi il modo di riparare in qualche misura al crimine che ha compiuto 30 anni fa”. Non è ancora chiaro cosa possa aver portato Paula Cooper al suicidio. (Fonti: The Guardian, Nessuno tocchi Caino, 26/05/2015)

Altre news:
TAIWAN: PRESIDENTE, NON SIAMO PRONTI AD ABOLIRE LA PENA DI MORTE
IRAN: TRE ESECUZIONI, UN IMPICCATO IN PUBBLICO
IRAN: CINQUE IMPICCATI A TABRIZ
PAKISTAN: PLURIOMICIDA IMPICCATO A SARGODHA
INDIANA (USA): PAULA COOPER HA LASCIATO UNA LETTERA
PAKISTAN: ALTRI NOVE CONDANNATI MORTE GIUSTIZIATI IN VARIE CARCERI DEL PAESE
INDIA: CORTE SUPREMA, LE ESECUZIONI NON POSSONO ESSERE AFFRETTATE E SEGRETE
NIGERIA: CONCESSE GRAZIE E COMMUTAZIONI
ARABIA SAUDITA: 90 ESECUZIONI DA INIZIO ANNO
ROMA: PROGETTO ARTISTICO CON I DETENUTI DI REBIBBIA NUOVO COMPLESSO
NEBRASKA (USA): ABOLITA LA PENA DI MORTE
IRAN: TRE IMPICCATI IN PUBBLICO A MASHHAD
ALGERIA: 12 CONDANNE A MORTE PER TERRORISMO
PAKISTAN: ALTRI NOVE PRIGIONIERI IMPICCATI IN VARIE CITTA’
ARABIA SAUDITA: DECAPITATO UN CONDANNATO PER OMICIDIO, 89MA ESECUZIONE DI QUEST'ANNO
EMIRATI ARABI UNITI: STUDENTE KUWAITIANO OMICIDA OTTIENE IL PERDONO
PAKISTAN: UNDICI CONDANNATI PER OMICIDIO GIUSTIZIATI IN NOVE CARCERI DEL PUNJAB E DEL BALUCHISTAN
SOMALIA: AL-SHABAAB GIUSTIZIA QUATTRO UOMINI PER SPIONAGGIO
ARABIA SAUDITA: 88 ESECUZIONI QUEST'ANNO, SUPERATO IL TOTALE DEL 2014
NEBRASKA (USA): GOVERNATORE PONE VETO SU LEGGE ABOLIZIONISTA
CINA: GIUSTIZIATO PER L’OMICIDIO DEL MEDICO CHE LO AVEVA OPERATO
EMIRATI ARABI UNITI: FAMIGLIA DELLA VITTIMA ACCETTA IL PREZZO DEL SANGUE
IRAN: 22 PRIGIONIERI GIUSTIZIATI NELLA PRIGIONE DI GHEZELHESAR A KARAJ
IRAN: UNA IMPICCAGIONE E TRE FUSTIGAZIONI IN PUBBLICO
PAKISTAN: ALTRI QUATTRO CONDANNATI PER OMICIDIO IMPICCATI A LAHORE, MULTAN E SAHIWAL
GUINEA: ABOLIZIONE DELLA PENA DI MORTE PROPOSTA NEL NUOVO CODICE PENALE
INDONESIA: COPPIA CONDANNATA A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
IRAN: ALMENO ALTRE SETTE IMPICCAGIONI
PENA DI MORTE: NESSUNO TOCCHI CAINO, ABOLIZIONE IN NEBRASKA MOLTO SIGNIFICATIVA
PAKISTAN: TRE DETENUTI IMPICCATI NELLE PRIGIONI DI GUJRANWALA, FAISALABAD E MULTAN

1 2 3 [Succ >>]
2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
  IRAN: NESSUNO TOCCHI CAINO, IMPICCAGIONE DEL MANIFESTANTE MOSTAFA SALEHI È UNA VERGOGNA PER IL MONDO COSIDDETTO DEMOCRATICO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits