Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA
DOSSIER GIAPPONE

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

ONU: CONSIGLIO DIRITTI UMANI CONSEGNA SUE RACCOMANDAZIONI AGLI USA

28 settembre 2015: il Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite ha consegnato agli Stati Uniti 343 “raccomandazioni”.
Nell’ambito degli aggiornamenti periodici che riguardano tutti i paesi membri, l’UNHRC ha mosso critiche agli Usa per le disparità razziali nel sistema penale, per l’uso eccessivo della forza da parte della polizia, e per l’uso della pena di morte.
Delle 343 raccomandazioni formulate dal Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite a Ginevra, gli Stati Uniti ne hanno accettato 44 aventi a tema l’eliminazione delle discriminazioni razziali, l’uso eccessivo della forza da parte della polizia e la presenza di pregiudizi razziali nella pena di morte.
Inoltre, gli Stati Uniti hanno “accettato parzialmente” altre 20 raccomandazioni, e ne hanno respinta 1, che chiedeva l’istituzione di una commissione indipendente per perseguire i reati di matrice razzista.
Durante il processo di revisione tra pari – al quale partecipano 117 paesi membri dell'ONU e al quale ogni paese deve sottostare ogni quattro anni - la comunità internazionale è stata in grado di valutare e fornire commenti e raccomandare modifiche. La commissione ha invitato gli Stati Uniti – paese che spesso si caratterizza come un faro dei diritti umani e critica altre nazioni sul loro rispetto dei diritti umani - ad abolire la pena di morte, porre fine omicidi extragiudiziali (quelli commessi dalla polizia), e proteggere i diritti umani dei popoli indigeni e immigrati.
Il Consiglio ha inoltre esortato gli Stati Uniti a perseguire i responsabili di torture e chiudere la sua struttura di detenzione di Guantanamo Bay a Cuba.
La delegazione francese ha raccomandato agli Stati Uniti di "prendere le misure necessarie per combattere le pratiche discriminatorie della polizia basate sull'origine etnica". Nel frattempo, la Malesia ha suggerito gli Stati Uniti di "raddoppiare i propri sforzi nella lotta contro la violenza e l'uso eccessivo della forza da parte delle forze dell'ordine sulla base di profiling razziale attraverso la formazione, la sensibilizzazione e la sensibilizzazione della comunità, oltre ad assicurare adeguate indagini e perseguimento degli illeciti quando si verificano".
Gli Stati Uniti hanno accettato queste raccomandazioni inter pares, ma hanno anche voluto spiegare i criteri con cui le hanno accettate. “Alcune raccomandazioni ci chiedono di realizzare un ideale, ad esempio, porre fine alle discriminazioni, o alla brutalità della polizia. Altre richiedono un intervento che non è del tutto all’interno dei nostri poteri di Ramo Esecutivo Federale, ad esempio, adottare leggi, ratificare trattati, o agire a livello dei singoli stati che compongono gli Usa" gli Stati Uniti scritto in una risposta ufficiale al processo di revisione. "Accettiamo, o accettiamo parzialmente le raccomandazioni quando ne condividiamo gli ideali, e facciamo seri sforzi per raggiungere gli obiettivi richiesti, e intendiamo continuare a farlo. Tuttavia, riconosciamo, realisticamente, che gli Stati Uniti potrebbero non riuscire mai a realizzare completamente quanto è richiesto nelle raccomandazioni, almeno non se le si intende prese alla lettera". Gli Stati Uniti ha aggiunto: "Noi accettiamo quelle raccomandazioni nei settori nei quali abbiamo già preso iniziative, stiamo prendendo iniziative, e intendiamo continuare a prendere iniziative. Senza che questo però implichi in alcun modo che i nostri sforzi attuali o precedenti non abbiano avuto successo, o che queste azioni siano necessariamente richieste dalla legge. Per quanto riguarda le proposte modifiche al sistema giudiziario, facciamo notare che non possiamo prendere impegni precisi perché non abbiamo il controllo dell'esito dei procedimenti giudiziari ".
Le raccomandazioni hanno definito “molto permissive” le leggi in vigore che riguardano l’uso della forza da parte della polizia. Citando un rapporto pubblicato nel giugno 2015 da Amnesty International ("Deadly Force: Police Use of Lethal Force In The United States") sembra che tutti i 50 stati, e il Distretto di Colombia non rispettino le leggi e gli standard internazionali sull’uso letale della forza da parte delle forze dell’ordine. Inoltre 9 stati, più il Distretto di Colombia (Washington) non hanno nei codici nessuna legge che regoli l’uso letale della forza da parte della polizia, mentre 13 stati hanno leggi che non rispettano nemmeno al livello più basso quanto previsto dalla legge costituzionale degli Stati Uniti. Alcuni stati prevedono che l’uso letale della forza possa essere utilizzato “per vincere la resistenza all’arresto”, per fermare qualcuno “sospettato di reato”, per sedare “una rivolta o un ammutinamento, per prevenire un’evasione dal carcere, o per prevenire reati anche di basso livello come il furto. Alcuni stati autorizzano anche i privati cittadini che collaborano volontariamente con le forze dell’ordine all’uso della forza letale.
Negli ultimi anni, l'uccisione di persone di colore disarmate da parte della polizia ha ricevuto l'attenzione nazionale e internazionale, e ha stimolato la crescita di un movimento nero contro la violenza della polizia. Secondo The Counted, un database gestito dalla testata The Guardian, 861 persone sono state uccise dalla polizia negli Stati Uniti nel corso del 2015. I Neri vengono uccisi dalle forze dell'ordine a un tasso di 5,1 per milione, rispetto a 2,08 per i Bianchi e 2,27 per gli Ispanici. Il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite è un organismo delle Nazioni Unite (UNHRC, in inglese United Nations Human Rights Council), con sede a Ginevra; organo sussidiario dell'Assemblea generale, lavora a stretto contatto con l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Diritti Umani. (Fonte: Atlanta Black Star, 28/09/2015)

Altre news:
OKLAHOMA (USA): SOSPESA L’ESECUZIONE DI GLOSSIP
GEORGIA (USA): KELLY RENEE GISSENDANER GIUSTIZIATA
SOMALIA: EX MILIZIANO DI AL-SHABAAB GIUSTIZIATO A BAIDOA PER STUPRO
MALESIA: MADRE E FIGLIA IRANIANE CONDANNATE A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
INDIA: CINQUE CONDANNE A MORTE PER LE BOMBE SUI TRENI DI MUMBAI DEL 2006
PAKISTAN: DETENUTO PER OMICIDIO IMPICCATO A LAHORE
IRAN: CONDANNA A MORTE COMMUTATA IN DUE ANNI DI STUDI TEOLOGICI
PAKISTAN: DUE CONDANNATI PER OMICIDIO, TRA CUI UN IMPUTATO MINORENNE, GIUSTIZIATI NEL PUNJAB
EGITTO: CONDANNA A MORTE PER TRE FRATELLI MUSULMANI
EGITTO: CONFERMATE SEI CONDANNE CAPITALI PER TERRORISMO
KENYA: CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UNA PARENTE DEL PRESIDENTE
USA: VIRGINIA ACQUISTA PENTOBARBITAL DALL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DEL TEXAS
PAPA A CONGRESSO USA, ABOLIRE LA PENA MORTE
USA: OBAMA NON RISPONDE DIRETTAMENTE ALLA RICHIESTA ABOLIZIONISTA DEL PAPA
DISCORSO DEL PAPA AL CONGRESSO DEGLI STATI UNITI
EGITTO: PRESIDENTE GRAZIA DUE GIORNALISTI DI AL JAZEERA DETENUTI
INDIA: DUE CONDANNE A MORTE PER L’OMICIDIO E STUPRO DI UNA BAMBINA
PAKISTAN: UN ALTRO DETENUTO PER OMICIDIO IMPICCATO A LAHORE
ONU: L’ARABIA SAUDITA FERMI L’ESECUZIONE DI MINORI
PAKISTAN: RINVIATA L’IMPICCAGIONE DI UN PRIGIONIERO PARAPLEGICO
ARKANSAS (USA): AZIENDA FARMACEUTICA CONTRARIA ALL’USO DI SUO FARMACO NELLE INIEZIONI LETALI
PAKISTAN: DUE CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO POLITICO
PAKISTAN: NOVE ISLAMISTI CONDANNATI A MORTE PER TERRORISMO
SIRIA: L’ISIS GIUSTIZIA 10 GAY
IRAN: DUE UOMINI IMPICCATI NEL CARCERE DI RASHT E UNO IN PUBBLICO NELLA CITTÀ DI ARDESTAN
IRAN: GIOVANE IMPICCATO NEL CARCERE DI MASHHAD
GIORDANIA: CORTE DI CASSAZIONE CONFERMA CONDANNA CAPITALE PER OMICIDIO
PAKISTAN: CONFERMATE DUE CONDANNE A MORTE PER BLASFEMIA
SOMALIA: SETTE SOLDATI FUCILATI PER ‘OMICIDIO DI CIVILI’
KUWAIT: CONDANNA A MORTE PER STUPRO

1 2 3 [Succ >>]
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  CORTE DI STRASBURGO. NESSUNO TOCCHI CAINO, STORICA SENTENZA DELLA CEDU SUL CASO VIOLA vs ITALIA  
  APPELLO DI NESSUNO TOCCHI CAINO PER NASRIN SOTOUDEH  
  NESSUNO TOCCHI CAINO INVITA ALL’EVENTO IN RICORDO DI ENZO MAZZARELLA ‘NASCONDI LA PIETRA CHE CAINO NON LA TROVI’  
  IRAN. NESSUNO TOCCHI CAINO, RIDUZIONE DELLE ESECUZIONI PER DROGA MA I NUMERI RESTANO PREOCCUPANTI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits