Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA
DOSSIER GIAPPONE

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

USA: LE CONDANNE A MORTE DEI VETERANI VANNO RIVISTE

11 novembre 2015: Tre generali in pensione chiedono di rivedere i processi dei 300 condannati a morte che in passato avevano prestato servizio nelle forze armate in zone di combattimento.
Dopo che ieri uno studio del Death Penalty Information Center aveva calcolato in circa 300 i “veterani” nei bracci della morte nei confronti dei quali sarebbe opportuna una rivalutazione sistematica dei processi alla luce dei disturbi mentali che potrebbero essere derivati dall’aver prestato servizio in Iraq e Afghanistan, oggi, in un editoriale di prima pagina su “Usa Today” i generali in pensione James P. Cullen, David R. Irvine, e Stephen N. Xenakis riconoscono l’importanza della questione, e soprattutto riconoscono che giudici e avvocati raramente hanno reale competenza della pervadenza e profondità dei danni mentali che derivano dallo stress post traumatico (PTSD) di chi ha prestato servizio in aree di combattimento.
I generali, citando lo studio "Battle Scars: Military Veterans and the Death Penalty" (Cicatrici di battaglia, i reduci militari e la pena di morte), hanno chiesto sia per i “veterani” sia per tutte le persone con gravi problemi mentali un diverso modo di valutare l’intera storia personale, che sappia tener conto di quanto, anche nella commissione di reati, non sia e non possa essere sotto il completo controllo dell’imputato. I generali hanno citato uno dei casi esaminati dal rapporto, quelli di Andrew Brannan, James Davis, e John Thuesen, tutti chiaramente affetti da PTSD ma condannati a morte senza che le loro condizioni fossero considerate meritevoli di attenuanti. Il rapporto prima, e i generali oggi, ricordano che esistono terapie per il PTSD, ma che solo circa la metà delle persone che avrebbero bisogno di cure le ricevono.
I generali propongono di “individuare tra i condannati a morte quanti hanno prestato servizio in zone di guerra, domandarsi come la loro esperienza militare possa aver influenzato il crimine commesso, con quanta accuratezza le loro condizioni mentali siano state valutate prima e durante il processo, e cosa dovrebbe essere fatto nei casi in cui il sistema giudiziario ha chiaramente fallito nel valutare le attenuati”. I generali concludono il loro editoriale con: “I veterani che rischiano la pena di morte meritano questa assistenza”. (Fonti: DPIC, Usa Today, 11/11/2015)

Altre news:
MALESIA: GOVERNO VUOLE ABOLIRE LA PENA DI MORTE OBBLIGATORIA
SOMALIA: MILITANTI AL-SHABAAB GIUSTIZIANO NOTO RELIGIOSO ISLAMICO
BAHRAIN: CONFERMATE DUE CONDANNE A MORTE PER TERRORISMO
OREGON (USA): DAYTON LEROY ROGERS CONDANNATO A MORTE PER LA QUARTA VOLTA
IRAN: SEI IMPICCATI PER OMICIDIO E DROGA
EGITTO: SETTE CONDANNE A MORTE PER LE UCCISIONI DEI SOLDATI A RAFAH
ROMA: PRESENTATA LA CAMPAGNA @MovingRights4Iran con #DiteloaRouhani
MALAWI: UNIONE EUROPEA CHIEDE ABOLIZIONE DELLA PENA CAPITALE
ROUHANI: ‘IMPICCHIAMO I TRAFFICANTI PER AIUTARE L’EUROPA’
PAKISTAN: IMPICCATO PER OMICIDIO A BAHAWALPUR
SOMALIA: DUE MILITARI CONDANNATI ALLA FUCILAZIONE A MOGADISCIO
CALIFORNIA (USA): CORTE D’APPELLO FEDERALE ANNULLA SENTENZA DI INCOSTITUZIONALITÀ DELLA PENA CAPITALE
ARABIA SAUDITA: CITTADINO SAUDITA DECAPITATO PER L’OMICIDIO DI UN CONNAZIONALE
LETTERA APERTA AI MASSIMI RESPONSABILI DELLO STATO ITALIANO ALLA VIGILIA DELLA VISITA DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ISLAMICA DELL’IRAN
IRAN: ALMENO CINQUE PRIGIONIERI IMPICCATI IN DUE GIORNI
IRAQ: QUATTRO MEMBRI DELL’ISIS CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN SOLDATO
EGITTO: UNA CONDANNA A MORTE E TRE INVIATE AL GRAN MUFTI
IRAN: TRE IMPICCATI PER REATI LEGATI ALLE DROGHE
ARABIA SAUDITA: QUATTRO DECAPITATI PER TRAFFICO DI DROGA E OMICIDIO
IRAN: IMPICCATO IN PUBBLICO PER STUPRO
PAKISTAN: DUE CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
IRAN: QUATTRO IMPICCATI PER DROGA
BANGLADESH: SEI CONDANNATI A MORTE PER GLI OMICIDI DI DUE RAGAZZINI
IRAN: CONDANNATO A MORTE PER UN OMICIDIO COMMESSO DA MINORENNE
CALIFORNIA (USA): NUOVO PROTOCOLLO PER LE ESECUZIONI
USA: PUBBLICATA L’ULTIMA EDIZIONE DELL’UNIFORM CRIME REPORT
KUWAIT: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN AMICO
IRAN: EVITA L’ESECUZIONE RAGAZZA IN CARCERE DALL’ETÀ DI 12 ANNI
ONU: LA GUERRA AL TERRORISMO NON E’ UNA SCUSA PER VIOLARE I DIRITTI UMANI
USA: NEL 2015 NUMERO DI ESECUZIONI PIU’ BASSO DEGLI ULTIMI 23 ANNI

[<< Prec] 1 2 3 [Succ >>]
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  CORTE DI STRASBURGO. NESSUNO TOCCHI CAINO, STORICA SENTENZA DELLA CEDU SUL CASO VIOLA vs ITALIA  
  APPELLO DI NESSUNO TOCCHI CAINO PER NASRIN SOTOUDEH  
  NESSUNO TOCCHI CAINO INVITA ALL’EVENTO IN RICORDO DI ENZO MAZZARELLA ‘NASCONDI LA PIETRA CHE CAINO NON LA TROVI’  
  IRAN. NESSUNO TOCCHI CAINO, RIDUZIONE DELLE ESECUZIONI PER DROGA MA I NUMERI RESTANO PREOCCUPANTI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits