Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA
DOSSIER GIAPPONE

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Il presidente iraniano Hassan Rouhani
Il presidente iraniano Hassan Rouhani
IRAN: 1.084 PERSONE GIUSTIZIATE NEL 2015

12 gennaio 2016: l'Iran nel 2015 ha giustiziato 1.084 persone, che rappresentano il più alto numero di esecuzioni nel Paese in 25 anni, secondo le organizzazioni a difesa dei diritti umani. L'Iran, che continua "a giustiziare più persone pro capite di qualsiasi altro Paese al mondo", secondo le Nazioni Unite, ha effettuato una media di tre esecuzioni al giorno nel 2015, in base alle statistiche pubblicate da un'organizzazione iraniana per i diritti umani.
Sin dall'elezione del presidente Hassan Rouhani, che è stato celebrato da molti in Occidente come un riformatore moderato, le esecuzioni in Iran sono aumentate, raggiungendo numeri record in ognuno degli ultimi anni. L'ONU ha registrato 753 esecuzioni nel 2014, anche se alcune organizzazioni per i diritti umani hanno sostenuto che il numero fosse più alto.
L'Iran ha giustiziato un cittadino americano nel mese di novembre.
La Repubblica Islamica ha cominciato il 2016 con un gran numero di esecuzioni, impiccando 13 persone il 6 gennaio e uccidendo un totale di 25 persone nella prima settimana dell'anno, secondo le statistiche pubblicate da United Against a Nuclear Iran, un’organizzazione critica sulla situazione dei diritti umani nel Paese.
I critici sui diritti umani in Iran, Paese che continua ad essere classificato in questo campo tra i peggiori al mondo, sostengono che il crescente numero di esecuzioni evidenzi il disprezzo della Repubblica Islamica per lo Stato di Diritto. "Cominciando il nuovo anno con un’ondata di impiccagioni, l'Iran sta segnalando che continuerà a sfidare la comunità internazionale e le norme basilari dei diritti umani", ha detto l'ex ambasciatore Mark Wallace, amministratore delegato dell'organizzazione.
Wallace ha avvertito che il comportamento dell'Iran è un segno che il regime è sempre più intransigente, nonostante l'amministrazione Obama ritenga che il recente accordo sul nucleare abbia reso l’Iran più moderato.
"I sostenitori dell'accordo sul nucleare siglato a luglio hanno dichiarato che questo avrebbe portato alla moderazione il regime iraniano", ha detto Wallace. "Invece è accaduto tutto il contrario essendo la condotta dell’Iran peggiorata. Al ritmo con cui ha iniziato il 2016, l'Iran giustizierà anche quest’anno più di 1000 suoi cittadini. "
Un gran numero di persone giustiziate appartengono a minoranze religiose, come i convertiti al cristianesimo, aderenti al bahá'í, musulmani sunniti e curdi. I dissidenti politici sono stati presi di mira dal regime iraniano, spesso giustiziati dopo un procedimento giudiziario che gli osservatori internazionali hanno considerato come iniquo.
L’Iran rimane inoltre una delle poche nazioni a giustiziare minorenni, omosessuali e donne che si sono difese contro gli stupratori.
La maggior parte di queste persone vengono impiccate, spesso in pubblico.
"L'Iran giustizia la maggior parte dei detenuti mediante impiccagione all'interno delle prigioni", secondo un rapporto distribuito dalla United Against a Nuclear Iran. "Il regime inoltre effettua regolarmente esecuzioni in pubblico."
L'Iran ha giustiziato almeno 57 persone in pubblico nel 2015. Ciò equivale a una media di più di una esecuzione pubblica a settimana.
"In molti di questi casi, la vittima viene impiccata pubblicamente con una gru edile, un metodo particolarmente lento e doloroso di esecuzione", è scritto nel rapporto.
In almeno un caso, le foto hanno mostrato che l'Iran usa gru realizzate da una società che è un importante fornitore del governo degli Stati Uniti.
L'amministrazione Obama ha deciso di eliminare molte sanzioni degli Stati Uniti contro l'Iran, ma insiste sul fatto che manterrà le sanzioni relative alle violazioni dei diritti umani da parte iraniana. (Fonti: Boroumand Foundation, 12/01/2016)

Altre news:
IRAN: CINQUE PRIGIONIERI IMPICCATI A KARAJ E YAZD
INDIA: CORTE SUPREMA SOSPENDE DUE IMPICCAGIONI
IRAN: QUATTRO CONDANNATI PER OMICIDI COMMESSI DA MINORENNI
EGITTO: PARLAMENTO APPROVA LEGGE ANTI-TERRORISMO
SOMALILAND: TRE FUCILATI PER OMICIDIO
AFGHANISTAN: CONDANNATO A MORTE PER GLI OMICIDI DI OTTO MEMBRI DI UNA FAMIGLIA
PAKISTAN: IMPICCAGIONE A SIALKOT
ZAMBIA: COMMISSIONE DIRITTI UMANI CHIEDE ABOLIZIONE DELLA PENA DI MORTE
ARABIA SAUDITA: YEMENITA GIUSTIZIATO PER OMICIDIO
IRAN: SEI PRIGIONIERI GIUSTIZIATI A ORUMIYEH
ZAMBIA: AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA PROPONE ABOLIZIONE DELLA PENA CAPITALE
GAZA: QUATTRO CONDANNE A MORTE PER SPIONAGGIO
LA CORTE SUPREMA USA DICHIARA INCOSTITUZIONALE LA PENA DI MORTE DELLA FLORIDA
ARABIA SAUDITA: SAUDITA GIUSTIZIATO PER OMICIDIO
INDIA: QUATTRO CONDANNATI ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO DI FAMILIARI
PAKISTAN: DUE PRIGIONIERI IMPICCATI A TOBA TEK SINGH E BAHAWALPUR
ARABIA SAUDITA: DUE ESECUZIONI PER OMICIDIO
VIETNAM: DUE CONDANNE A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
SOMALILAND: SEI GIUSTIZIATI PER OMICIDIO
ZIMBABWE: 15 PRIGIONIERI CHIEDONO LA COMMUTAZIONE IN ERGASTOLO
ARABIA SAUDITA: ETIOPE GIUSTIZIATA PER OMICIDIO
IRAN: SETTE PRIGIONIERI IMPICCATI IN CARCERE
SIRIA: MILIZIANO DELL’ISIS GIUSTIZIA IN PUBBLICO SUA MADRE
IRAN: GIOVANE IMPICCATO IN PUBBLICO NELL’EAST AZERBAIJAN
BANGLADESH: TRE IMPICCATI PER OMICIDI POLITICI
FLORIDA: GIUSTIZIATO BOLIN, PRIMA ESECUZIONE DELL’ANNO NEGLI USA
IRAN: NOVE PRIGIONIERI IMPICCATI IN CARCERE
NIGERIA: PREDICATORE CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER BLASFEMIA
BANGLADESH: CONDANNA A MORTE CONFERMATA PER LEADER ISLAMISTA
BIELORUSSIA: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA CONVIVENTE

[<< Prec] 1 2 3 [Succ >>]
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  CORTE DI STRASBURGO. NESSUNO TOCCHI CAINO, STORICA SENTENZA DELLA CEDU SUL CASO VIOLA vs ITALIA  
  APPELLO DI NESSUNO TOCCHI CAINO PER NASRIN SOTOUDEH  
  NESSUNO TOCCHI CAINO INVITA ALL’EVENTO IN RICORDO DI ENZO MAZZARELLA ‘NASCONDI LA PIETRA CHE CAINO NON LA TROVI’  
  IRAN. NESSUNO TOCCHI CAINO, RIDUZIONE DELLE ESECUZIONI PER DROGA MA I NUMERI RESTANO PREOCCUPANTI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits