Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA
DOSSIER GIAPPONE

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

CONNECTICUT (USA): FIGLIA DI UNA VITTIMA CONTRARIA ALLA PENA CAPITALE

21 gennaio 2016: Dawn Mancarella, la cui madre venne uccisa 20 anni fa, ha ribadito la sua contrarietà alla pena di morte. Maccarella aveva già testimoniato in Parlamento contro la pena di morte nel 2012 (in quell’anno lo stato la abolì). Nel gennaio 2015 aveva rilasciato una testimonianza scritta in cui ribadiva la sua posizione, testimonianza che è stata acclusa agli atti giudiziari relativi alla causa in cui si discuteva il destino delle 11 persone presenti nel braccio della morte al momento dell’abolizione. Il 13 agosto 2015 la Corte Suprema di stato aveva dichiarato incostituzionale tenere nel braccio della morte i detenuti ora che non era più in vigore la pena di morte. Quella sentenza è stata impugnata dalla pubblica accusa, e attualmente è in fase di revisione da parte della stessa Corte Suprema di stato.
È raro che a distanza di poco tempo una Corte Suprema contraddica se stessa, ma siccome il voto nel 2015 era stato a stretta maggioranza (4-3), alcuni osservatori non considerano impossibile una modifica della sentenza. In questo contesto, la giovane Mancarella è stata intervistata dal quotidiano “The Register Citizen”. Tra le altre cose la Mancarella ha detto: “la pena di morte è uno spreco di energia e di denaro, che non fa giustizia, e non porta nessun sollievo alle vittime”.
“Sono d’accordo con la sentenza del 2015 che dichiarava la pena di morte incompatibile con gli standard attuali di moralità del Connecticut. È deludente vedere che la Corte ha accettato di riesaminare il caso, ma spero che riconfermino la decisione originale, e che lascino la pena di morte definitivamente alle nostre spalle”.
“La pena di morte, a causa della lunghezza delle procedure processuali, a alla loro ripetitività, costringe i parenti delle vittime a rivivere più volte, nel corso degli anni, l’uccisione dei loro cari, questo è l’opposto del concetto di giustizia, e non è in grado di restituire serenità ai parenti delle vittime, nemmeno se il condannato viene messo a morte in un anno, 10 anni o 20 anni. L’angoscia per la perdita dei tuoi cari non passa mai, e le esecuzioni ordinate dallo stato non ti fanno sentire meglio neanche un po’”.
Mancarella contesta anche l’uso dei fondi statali: “È frustrante vedere quanti milioni di dollari costa un singolo processo capitale, per poi sentirsi dire che invece non ci sono fondi per i progetti di assistenza ai parenti delle vittime” e conclude: “è ora di restituire il tempo e l’energia male utilizzata alle vittime, perché possa guarire l’anima dei loro parenti, e rendere veramente onore al loro sacrificio”. (Fonti: The Register Citizen, 21/01/2016)

Altre news:
IRAQ: PRESIDENTE MASSOUM FIRMA ORDINI DI ESECUZIONE
PAKISTAN: DUE CONDANNE A MORTE PER OMICIDIO SETTARIO
CINA: GIUSTIZIATO PER I SEQUESTRI DI 22 BAMBINI
ARABIA SAUDITA: CITTADINO SAUDITA GIUSTIZIATO PER OMICIDIO
PAKISTAN: PRIGIONIERO IMPICCATO PER OMICIDIO
EMIRATI ARABI: CONDANNATO A MORTE NONOSTANTE IL PERDONO DEI FAMILIARI
TEXAS (USA): GIUSTIZIATO JAMES FREEMAN
CINA: TAGIKO GIUSTIZIATO PER TRAFFICO DI DROGA
KENYA: CONDANNATA ALL’IMPICCAGIONE PER L’OMICIDIO DELLA FIGLIA
ARABIA SAUDITA: DECAPITATO PRIGIONIERO EGIZIANO
LIBERIA: TRE CONDANNATI ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO
INDIA: ALTA CORTE DI DELHI COMMUTA CONDANNE A MORTE IN ERGASTOLO
ARABIA SAUDITA: 53 ESECUZIONI DA INIZIO ANNO
IRAN: DUE IMPICCATI PER OMICIDIO A YASUJ E KERMANSHAH
NIGERIA: CORTE SUPREMA CONFERMA CONDANNA A MORTE PER OMICIDIO
KENYA: QUATTRO CONDANNE A MORTE PER L’OMICIDIO DI UNA BAMBINA
NESSUNO TOCCHI CAINO: ITALIA PONGA A ROUHANI QUESTIONE DIRITTI UMANI
ALABAMA (USA): CHRISTOPHER BROOKS GIUSTIZIATO
PAKISTAN: IMPICCATO A SAHIWAL PER OMICIDIO
LIBIA: TRE GIUSTIZIATI E QUATTRO FRUSTATI DALL’ISIS
ZAMBIA: CONSIGLIO DELLE CHIESE CONTRARIO ALLA PENA DI MORTE
ZAMBIA: PER IL CAPO DELLA POLIZIA LA PENA DI MORTE È ADEGUATA
TEXAS (USA): GIUSTIZIATO RICHARD MASTERSON
PAKISTAN: DUE PRIGIONIERI IMPICCATI A SAHIWAL E JEHLUM
IRAN: CINQUE PRIGIONIERI IMPICCATI, INCLUSO UN MINORENNE
SOMALIA: AL SHABAAB DECAPITA SESSANTENNE ACCUSATO DI STREGONERIA
ZAMBIA: ROTTAMARE LA PENA DI MORTE
ZIMBABWE: LEADER TRADIZIONALI CHIEDONO AL GOVERNO DI ABOLIRE LA PENA CAPITALE
PAKISTAN: TRE IMPICCATI PER OMICIDIO
IRAN: CINQUE PRIGIONIERI IMPICCATI A KARAJ E YAZD

1 2 3 [Succ >>]
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  CORTE DI STRASBURGO. NESSUNO TOCCHI CAINO, STORICA SENTENZA DELLA CEDU SUL CASO VIOLA vs ITALIA  
  APPELLO DI NESSUNO TOCCHI CAINO PER NASRIN SOTOUDEH  
  NESSUNO TOCCHI CAINO INVITA ALL’EVENTO IN RICORDO DI ENZO MAZZARELLA ‘NASCONDI LA PIETRA CHE CAINO NON LA TROVI’  
  IRAN. NESSUNO TOCCHI CAINO, RIDUZIONE DELLE ESECUZIONI PER DROGA MA I NUMERI RESTANO PREOCCUPANTI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits