Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

EGITTO: 26 CONDANNE A MORTE E 21 ALL’ERGASTOLO PER LE VIOLENZE DI ASWAN

7 giugno 2016: ventisei persone sono state condannate a morte e altre 21 all'ergastolo per il coinvolgimento nelle violenze tribali ad Aswan due anni fa.
Il caso, trattato dal tribunale penale di Qena, ha coinvolto 163 imputati, di cui: 100 sono stati giudicati innocenti, 26 sono stati condannati a morte, 21 sono stati condannati all'ergastolo, tre sono stati condannati a 15 anni di carcere, 10 sono stati condannati a tre anni, tre sono stati condannati a 10 anni e due sono stati condannati a due anni.
Gli imputati sono stati riconosciuti colpevoli di una serie di crimini, tra cui omicidio, incitamento alla violenza, furto, rapimento, attacco a personale di polizia, possesso illegale di armi e distruzione di proprietà pubbliche e private in relazione alle violenze scoppiate tra le tribù Dabodeya e Hilail nel primi mesi del 2014.
Almeno 28 persone morirono, altre centinaia rimasero ferite e diversi edifici furono distrutti nei violenti scontri, iniziati dopo una rissa tra bambini delle scuole, che insultarono le donne di entrambi i gruppi tribali, secondo il quotidiano Al-Shorouk, che ha citato testimoni oculari in tribunale.
Le forze di polizia inizialmente si ritirarono dalla zona di Seil al-Rify dopo l'inizio delle violenze, con i leader tribali che alla fine intervennero per porre fine al conflitto. Una sessione di riconciliazione è stata condotta sotto la supervisione della polizia e di rappresentanti di Al-Azhar.
Mohamed Azmy, uno degli avvocati difensori, ha dichiarato al Mada Masr che il verdetto è politico. "So che ci sono state persone condannate all'ergastolo senza alcuna prova che siano state coinvolte", ha detto, aggiungendo che altri hanno ricevuto pene più dure per essersi scontrati con la polizia. La corte non sembrava interessata all’equità della sentenza, ha affermato Azmy, secondo cui sono state emesse pene dure per scoraggiare future violenze nella zona.
"Hanno paura della gente e hanno paura che le violenze riprendano", ha detto, aggiungendo che il team di difesa presenterà appello. (Fonti: madamasr.com, 07/06/2016)

Altre news:
IRAN: ALMENO TRE GIUSTIZIATI PER DROGA A BANDAR ABBAS
REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO: CORTE MARZIALE CONDANNA A MORTE 31 PERSONE
TUNISIA: CONDANNA A MORTE PER CAPO DI UN GRUPPO SALAFITA
PAKISTAN: CORTE SUPREMA RIPRISTINA CONDANNA CAPITALE
SUDAFRICA: GOVERNO DECIDE DI ESTRADARE IMPUTATI DI OMICIDIO IN BOTSWANA DOVE RISCHIANO LA PENA DI MORTE
SRI LANKA: GIORDANO CONDANNATO A MORTE PER DROGA
BANGLADESH: SEI CONDANNE A MORTE CONFERMATE PER L’OMICIDIO DI UN LEADER DELLA LEGA AWAMI
UTAH (USA): OGNI CONDANNATO A MORTE COSTA AL CONTRIBUENTE 1,66 MILIONI DI DOLLARI DI PIÙ RISPETTO AD UN CONDANNATO ALL’ERGASTOLO SENZA CONDIZIONALE
TRINIDAD: LIBERATO DOPO IL RIESAME DEL SUO CASO
CINA: DAL 2012 DIMINUITO L’USO DELLA PENA DI MORTE
CINA: GIUSTIZIATO IL PLURIOMICIDA DI SHANGHAI
EAU: CONDANNA A MORTE CONFERMATA
IRAQ: SETTE CONDANNE A MORTE PER ATTENTATO AL CONSOLATO USA
ROMA: DOCU-FILM ‘FINE PENA – il futuro oltre le sbarre’
INDIA: QUATTRO CONDANNATI ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO
SOMALIA: SETTE GIUSTIZIATI DA AL SHABAAB PER SPIONAGGIO
BURKINA FASO: GRUPPI DELLA SOCIETÀ CIVILE PER L’ABOLIZIONE DELLA PENA DI MORTE
FLORIDA (USA): UN ALTRO GIUDICE DICHIARA INCOSTITUZIONALE LA NUOVA LEGGE CAPITALE
NIGERIA: QUATTRO CONDANNE A MORTE COMMUTATE DAL GOVERNATORE DI OGUN
PAKISTAN: TRE CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN GIUDICE
BANGLADESH: CONDANNATA A MORTE PER L’OMICIDIO DEL MARITO
BANGLADESH: CONFERMATA LA CONDANNA A MORTE DI MIR QUASEM ALI
IRAN: TRE IMPICCATI NEL CARCERE DI MASHHAD
PAKISTAN: PLURIOMICIDA GIUSTIZIATO IN CARCERE A MULTAN
IRAN: AUTORI DI STUPRO IMPICCATI DALL’AVVOCATO
IRAN: DUE IMPICCATI IN PUBBLICO A SHIRAZ
IRAN: UN UOMO E UNA DONNA IMPICCATI IN CARCERE A QAZVIN
DONA IL 5XMILLE A NESSUNO TOCCHI CAINO
BANGLADESH: UNA CONDANNA A MORTE E DUE ERGASTOLI PER CRIMINI DI GUERRA
ARABIA SAUDITA: 14 CONDANNATI A MORTE PER TERRORISMO

[<< Prec] 1 2 3 [Succ >>]
2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  CORTE DI STRASBURGO. NESSUNO TOCCHI CAINO, STORICA SENTENZA DELLA CEDU SUL CASO VIOLA vs ITALIA  
  APPELLO DI NESSUNO TOCCHI CAINO PER NASRIN SOTOUDEH  
  NESSUNO TOCCHI CAINO INVITA ALL’EVENTO IN RICORDO DI ENZO MAZZARELLA ‘NASCONDI LA PIETRA CHE CAINO NON LA TROVI’  
  IRAN. NESSUNO TOCCHI CAINO, RIDUZIONE DELLE ESECUZIONI PER DROGA MA I NUMERI RESTANO PREOCCUPANTI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits