Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA
DOSSIER GIAPPONE

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

INDIA: NIPOTE DEL MAHATMA GANDHI INVOCA ABOLIZIONE DELLA PENA DI MORTE

1 dicembre 2016: il nipote del Mahatma Gandhi, Gopalkrishna Gandhi, ha detto che la pena di morte deve essere rimossa dalle leggi del Paese.
“Il mondo si sta muovendo verso l’abolizione della pena di morte ... ma i Paesi mantenitori sono quelli più grandi come popolazione. Così, la maggior parte del mondo è ancora sotto la pena di morte”, ha detto l’ex Governatore del Bengala in un’intervista alla IANS in vista dell’uscita ufficiale del suo libro, “Abolishing the Death Penalty: Why India Should Say No to Capital Punishment” (Aleph).
“È curioso che i Paesi che hanno mantenuto la pena di morte siano quelli che hanno una certa mentalità punitiva come Stati Uniti, Cina, Arabia Saudita, Iran, Corea del Nord e Pakistan. Quindi siamo in compagnia di Cina, Arabia Saudita, Iran, Corea del Nord e Pakistan. Cosa ci costringe a farlo? Perché la stiamo mantenendo?”
“Alcuni sostengono che la ragione è il terrorismo. La pena di morte non scoraggia l’omicidio. Ha terrorizzato il terrorismo? Non possiamo dirlo, perché il terrorismo continua. La cosa bizzarra del terrorismo è che i terroristi sono già pronti a morire nello stesso atto di terrorismo. Sono in un fitoor (mania), nel quale il maut (la morte) è considerato uno shahadat (un martirio). La pena di morte può dissuaderli?” si chiede Gandhi, che è stato Ministro del Presidente K.R. Narayanan e Ambasciatore in Sudafrica e Sri Lanka.
Il libro di Gandhi pone domande fondamentali sulla pena ultimativa massima inflitta a coloro che sono accusati di gravi crimini.
“Pongo l’attenzione non solo sulla pena di morte, ma sulla mentalità punitiva in generale, incluso il sistema di indagine penale in cui la violenza è un fatto noto. Molti di quelli sotto processo possono essere innocenti o meno, ma la maggior parte di loro è soggetta alla violenza. Quindi il mio libro è sulla propensione indiana a punire.”
“L’evoluzione umana va verso l’abolizione della pena di morte, ma gli Stati che hanno rinunciato alla pena di morte sono anche quelli che hanno in qualche modo riformato i loro sistemi di indagine penale. In India ci sono state molte riforme – le nostre carceri oggi non sono quelle di 50 anni fa, non certo quelle che erano nel medioevo, quando in carcere eri destinato a essere picchiato a sangue se non alla morte – non siamo in epoca medievale, viviamo in un mondo moderno e civilizzato”, ha aggiunto.
“Le nostre carceri sono ora chiamate case di correzione e ci sono stati un sacco di miglioramenti nel nostro sistema di indagine penale. Ma stiamo ancora mantenendo la pena di morte perché lo Stato non vuole perdere il suo potere sulla vita. Lo Stato ritiene di essere una sorta di semidio, che non è.”
“Anche se la società è a favore di una punizione severa e sta chiudendo gli occhi di fronte alla tortura, vuol dire che lo Stato dovrebbe farlo? Oppure, dovrebbe essere, lo Stato, un passo avanti rispetto alla società? Lo Stato deve riflettere solo ciò che la società vuole o dovrebbe guidarla? Io credo che lo stato dovrebbe essere una guida. La nostra costituzione non è uno specchio, è un punto di riferimento che ispira tutti i tipi di sviluppo, soprattutto lo sviluppo morale”, ha affermato Gopalkrishna Gandhi. (Fonti: IANS, 01/12/2016)

Altre news:
CINA: ASSOLTO 21 ANNI DOPO L’ESECUZIONE
NIGERIA: GOVERNATORE DI ENUGU LIBERA DUE PRIGIONIERI E COMMUTA CINQUE CONDANNE CAPITALI

[<< Prec] 1 2 3
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  CORTE DI STRASBURGO. NESSUNO TOCCHI CAINO, STORICA SENTENZA DELLA CEDU SUL CASO VIOLA vs ITALIA  
  APPELLO DI NESSUNO TOCCHI CAINO PER NASRIN SOTOUDEH  
  NESSUNO TOCCHI CAINO INVITA ALL’EVENTO IN RICORDO DI ENZO MAZZARELLA ‘NASCONDI LA PIETRA CHE CAINO NON LA TROVI’  
  IRAN. NESSUNO TOCCHI CAINO, RIDUZIONE DELLE ESECUZIONI PER DROGA MA I NUMERI RESTANO PREOCCUPANTI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits