Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA
DOSSIER GIAPPONE

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

GIORDANIA: 15 PRIGIONIERI IMPICCATI

4 marzo 2017: la Giordania ha giustiziato 15 prigionieri, tra cui 10 condannati con accuse di terrorismo che vanno da un attacco di dieci anni fa contro turisti occidentali all'uccisione di uno scrittore, hanno comunicato una fonte giudiziaria e il portavoce del governo Mohammad al Momani.
I 15 erano tutti cittadini giordani e sono stati impiccati nel carcere di Suaga, a sud della capitale Amman.
Al Momani ha detto che tra i giustiziati figura un uomo che era stato condannato per un attacco lo scorso anno contro una struttura dell’intelligence che provocò la morte di cinque agenti di sicurezza.
Altri cinque furono coinvolti in un attacco da parte delle forze di sicurezza contro un nascondiglio di militanti nella città di Irbid, nello stesso anno che portò alla morte di sette miliziani e di un agente di polizia, mentre i rimanenti sono legati a episodi distinti che vanno indietro fino a 2003.
Si tratta del più grande numero di persone giustiziate in un solo giorno nella storia recente della Giordania, secondo una fonte giudiziaria di alto livello.
Amnesty International ha condannato le impiccagioni dicendo che sono state effettuate in "segretezza e senza trasparenza."
"La dimensione delle esecuzioni di massa di oggi è scioccante ed è un grande passo indietro in materia di protezione dei diritti umani in Giordania," ha dichiarato alla Reuters Samah Hadid, vice direttore dell'ufficio regionale di Beirut di Amnesty International.
Hadid ha detto che la pena di morte è "problematica perché in alcuni casi le confessioni in Giordania vengono estorte sotto tortura o coercizione", facendo eco a diffuse denunce di attivisti per i diritti umani.
Amnesty ha scritto in un comunicato "La Giordania costituiva da anni un esempio in una regione in cui il ricorso alla pena di morte è fin troppo frequente."
La Giordania nel passato si è astenuta dal giustiziare detenuti politici e riduceva o sospendeva le condanne a morte di islamisti accusati di terrorismo.
Gli attivisti internazionali per i diritti umani sostengono che i militanti siano messi sotto processo nei tribunali militari, che sono incostituzionali e mancano di garanzie giuridiche adeguate, aggiungendo che sono in crescita i casi di maltrattamento e di confessioni rese sotto coercizione.
Il governo nega di torturare i prigionieri o maltrattare i detenuti, affermando che i suoi tribunali rispettano le leggi sui diritti umani.
Una fonte giudiziaria ha detto che le autorità hanno giustiziato un uomo che lo scorso anno con un’arma da fuoco aveva ucciso fuori da un tribunale uno scrittore cristiano che si trovava sotto processo per vilipendio della religione, dopo aver condiviso sui social media una caricatura che offendeva l'Islam.
Tra i 10 giustiziati per terrorismo c’è anche un uomo accusato di aver sparato a un gruppo di turisti occidentali vicino all'anfiteatro romano nel centro di Amman nel 2006, uccidendo un britannico e ferendo altre cinque persone, ha aggiunto la fonte giudiziaria.
Gli altri cinque giustiziati erano accusati di stupro e violenza sessuale.
La Giordania ha ripreso le impiccagioni nel 2014, dopo una moratoria sulla pena di morte tra 2006 e 2014.
Secondo fonti giudiziarie, 94 persone rimangono nel braccio della morte in Giordania, la maggior parte condannati per omicidio o stupro. (Fonti: Reuters, Ap, 04/03/2017)

Altre news:
GAZA: DUE CONDANNE A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
USA: A GUANTANAMO NEL 2018 PROCESSO PER L’ATTENTATO ALLA USS COLE
NIGERIA: 5 CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO E RAPINA
BIELORUSSIA: PRIMA CONDANNA A MORTE NEL 2017
IRAN: IMPICCATO PER TRAFFICO DI DROGA A SEMNAN
PAKISTAN: IMPICCATO PER OMICIDIO A GUJRANWALA
TRINIDAD: IL PRIMO MINISTRO SOSTIENE LA PENA CAPITALE
PAKISTAN: TRE GIUSTIZIATI PER TERRORISMO
BANGLADESH: TRE CONDANNE A MORTE PER OMICIDIO
IRAN: SCRITTRICE E TRADUTTRICE MARJAN DAVARI CONDANNATA A MORTE
TEXAS (USA): JAMES EUGENE BIGBY GIUSTIZIATO
IRAN: QUATTRO IMPICCATI PER DROGA
FLORIDA (USA): CONDANNA A MORTE ALL’UNANIMITA’
SOMALIA: CONDANNA A MORTE PER TERRORISMO
IRAN: CONDANNATI A MORTE DUE LEADER DI UNA SETTA
IRAN: TRE IMPICCATI PER DROGA
IRAN: VERSO LA RIFORMA DELLA PENA DI MORTE PER DROGA
IRAN: DUE CURDI IMPICCATI PER DROGA A URMIEH
ARABIA SAUDITA: GIUSTIZIATO PER IL SEQUESTRO E STUPRO DI MINORI
IRAN: IMPICCATO IN PUBBLICO A YAZD
EGITTO: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN VENDITORE DI ALCOLICI
IRAN: DONAZIONI SALVANO RAGAZZO DALL’IMPICCAGIONE
FILIPPINE: OK DELLA CAMERA A PENA DI MORTE PER DROGA
USA: NEL 2016 RECORD DI PROSCIOLTI
TEXAS (USA): GIUSTIZIATO ROLANDO RUIZ
NIGERIA: BAUCHI APPROVA LA PENA DI MORTE PER IL SEQUESTRO
IRAN: SETTE ESECUZIONI IN UN SOLO GIORNO
TAIWAN: CONDANNATO A MORTE AUTORE DI INCENDIO DOLOSO
KENYA: CONDANNA CAPITALE CONFERMATA IN APPELLO
IRAN: ALMENO 530 ESECUZIONI NEL 2016 SECONDO ‘IRAN HUMAN RIGHTS’

[<< Prec] 1 2 3 [Succ >>]
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  CORTE DI STRASBURGO. NESSUNO TOCCHI CAINO, STORICA SENTENZA DELLA CEDU SUL CASO VIOLA vs ITALIA  
  APPELLO DI NESSUNO TOCCHI CAINO PER NASRIN SOTOUDEH  
  NESSUNO TOCCHI CAINO INVITA ALL’EVENTO IN RICORDO DI ENZO MAZZARELLA ‘NASCONDI LA PIETRA CHE CAINO NON LA TROVI’  
  IRAN. NESSUNO TOCCHI CAINO, RIDUZIONE DELLE ESECUZIONI PER DROGA MA I NUMERI RESTANO PREOCCUPANTI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits