Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA
DOSSIER GIAPPONE

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

USA: A GUANTANAMO NEL 2018 PROCESSO PER L’ATTENTATO ALLA USS COLE

18 marzo 2017:

Il giudice della Corte Marziale di Guantanamo, colonnello Vance Spath, prevede di iniziare il processo contro Abd al Rahim al Nashiri per il 2018.
Nashiri, 52 anni, saudita, detenuto a Guantanamo, è accusato di aver organizzato, per conto di al-Qaeda, l’attentato, nel mare dello Yemen, alla nave USS Cole che il 12 ottobre 2000 causò la morte di 17 militari americani, e il ferimento di altri 40.
Nashiri è stato catturato a Dubai nel novembre 2002, e tenuto per quattro anni nelle cosiddette “prigioni segrete della Cia” in Afghanistan, Tailandia, Polonia, Marocco e Romania.
Dal 2006 è detenuto a Guantanamo, la nota base della marina militare statunitense situata all’estremità sud-est dell’isola di Cuba, base che gli Usa ottennero nel 1903 in “concessione perpetua” dalle autorità locali per l’appoggio Usa a Cuba nella Guerra Ispano-Americana, al termine della quale Cuba ottenne l’indipendenza dalla Spagna.
Oggi, al termine di tre giorni di udienze preliminari dedicate soprattutto alla elencazione dei reperti che la pubblica accusa utilizzerà nel processo, l’avvocato Rick Kammen, uno dei difensori di Nashiri, ha illustrato un ricorso presentato davanti alla Corte Suprema degli Stati Uniti per ottenere lo spostamento del processo davanti ad una corte civile.
La questione è da tempo al centro delle strategie difensive nei due grandi processi che si dovrebbero tenere davanti alla Corte marziale di Guantanamo, questo e quello contro gli attentatori dell’11 Settembre. Come è noto, il Governo Usa ha individuato Guantanamo in quanto zona extraterritoriale, dove ritiene di non essere obbligato ad usare le norme “garantiste” che esistono nelle prigioni e nei tribunali sul suolo Usa. A Guantanamo infatti sono detenuti da molti anni uomini sospettati di collegamenti con il terrorismo islamista, ma nei cui confronti non si sono ancora tenuti processi, e nei cui confronti spesso manca anche una incriminazione specifica.
Il motivo ufficiale per cui il Governo ha scelto Guantanamo e le corti marziali è che nei processi si dovrà parlare di molte cose coperte da segreto, e non è opportuno che questo avvenga in udienze “troppo” aperte al pubblico e alla stampa. 
L’altro motivo “ufficiale” è che nella base navale extraterritoriale è più facile garantire la sicurezza, sia carceraria che per i giudici, gli avvocati e i giurati popolari. I difensori di Nashiri durante le fasi pre-processuali sono riusciti a raccogliere diverso materiale che riguarda le torture subite dal saudita: documenti parzialmente declassificati, risultanze di una commissione parlamentare, un libro scritto da uno psicologo che aveva lavorato per la Cia, e un altro libro con le memorie di un alto dirigente Cia, Jose Rodriguez. Nel suo libro inoltre Rodriguez sostiene che Al-Nashiri è probabilmente un “pesce piccolo”, e nemmeno molto intelligente, contraddicendo l’ipotesi accusatoria che lo indica come un alto dirigente di al-Qaeda.
La dottoressa Sondra Crosby, una esperta delle conseguenze fisiche e psicologiche della tortura, nell’ottobre 2015 parlò di Al-Nashiri come “una delle persone più danneggiate dalla tortura” che avesse mai esaminato. Se il processo venisse spostato in un tribunale civile, le informazioni ottenute sotto tortura sicuramente non sarebbero ritenute valide, mentre davanti alla Corte marziale la questione non è certa. Inoltre, la Cia non ha consegnato parte dei nastri degli interrogatori, sostenendo che siano stati distrutti. In un tribunale civile la soppressione di parte delle prove sarebbe un fatto grave.
Il giudice Spath oggi ha comunicato di ritenere di poter iniziare il processo nei primi mesi del 2018, con la procedura per formare la giuria popolare, procedura che, a suo dire, richiederà diversi mesi.

(Fonti: Miami Herald, military.com, 18/03/2017)

Altre news:
BANGLADESH: TRE CONDANNE A MORTE CONFERMATE
NIGERIA: 5 CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO E RAPINA
BIELORUSSIA: PRIMA CONDANNA A MORTE NEL 2017
TRINIDAD: IL PRIMO MINISTRO SOSTIENE LA PENA CAPITALE
PAKISTAN: IMPICCATO PER OMICIDIO A GUJRANWALA
IRAN: IMPICCATO PER TRAFFICO DI DROGA A SEMNAN
IRAN: SCRITTRICE E TRADUTTRICE MARJAN DAVARI CONDANNATA A MORTE
PAKISTAN: TRE GIUSTIZIATI PER TERRORISMO
BANGLADESH: TRE CONDANNE A MORTE PER OMICIDIO
TEXAS (USA): JAMES EUGENE BIGBY GIUSTIZIATO
IRAN: QUATTRO IMPICCATI PER DROGA
SOMALIA: CONDANNA A MORTE PER TERRORISMO
FLORIDA (USA): CONDANNA A MORTE ALL’UNANIMITA’
IRAN: CONDANNATI A MORTE DUE LEADER DI UNA SETTA
IRAN: TRE IMPICCATI PER DROGA
IRAN: VERSO LA RIFORMA DELLA PENA DI MORTE PER DROGA
IRAN: DUE CURDI IMPICCATI PER DROGA A URMIEH
ARABIA SAUDITA: GIUSTIZIATO PER IL SEQUESTRO E STUPRO DI MINORI
IRAN: IMPICCATO IN PUBBLICO A YAZD
EGITTO: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN VENDITORE DI ALCOLICI
IRAN: DONAZIONI SALVANO RAGAZZO DALL’IMPICCAGIONE
NIGERIA: BAUCHI APPROVA LA PENA DI MORTE PER IL SEQUESTRO
TEXAS (USA): GIUSTIZIATO ROLANDO RUIZ
USA: NEL 2016 RECORD DI PROSCIOLTI
FILIPPINE: OK DELLA CAMERA A PENA DI MORTE PER DROGA
IRAN: SETTE ESECUZIONI IN UN SOLO GIORNO
GIORDANIA: 15 PRIGIONIERI IMPICCATI
TAIWAN: CONDANNATO A MORTE AUTORE DI INCENDIO DOLOSO
KENYA: CONDANNA CAPITALE CONFERMATA IN APPELLO
IRAN: ALMENO 530 ESECUZIONI NEL 2016 SECONDO ‘IRAN HUMAN RIGHTS’

[<< Prec] 1 2 3 [Succ >>]
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  CORTE DI STRASBURGO. NESSUNO TOCCHI CAINO, STORICA SENTENZA DELLA CEDU SUL CASO VIOLA vs ITALIA  
  APPELLO DI NESSUNO TOCCHI CAINO PER NASRIN SOTOUDEH  
  NESSUNO TOCCHI CAINO INVITA ALL’EVENTO IN RICORDO DI ENZO MAZZARELLA ‘NASCONDI LA PIETRA CHE CAINO NON LA TROVI’  
  IRAN. NESSUNO TOCCHI CAINO, RIDUZIONE DELLE ESECUZIONI PER DROGA MA I NUMERI RESTANO PREOCCUPANTI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits