Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA
DOSSIER GIAPPONE

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

USA: PROCESSI IRREGOLARI NEI CASI PIÙ GRAVI

19 settembre 2017:

Uno studio sostiene che tanto sono più gravi i reati, tanto sono più gravi le irregolarità nei processi. "The Worst of the Worst: Heinous Crimes and Erroneous Evidence" prende il titolo dalla definizione “worst of the worst” (peggiori tra i peggiori) che si usa per dire che la pena di morte deve essere riservata solo, appunto, ai peggiori tra i peggiori. “I peggiori tra i peggiori: crimini efferati e prove sbagliate” è uno studio su 1500 casi analizzati da Scott Phillips e Jamie Richardson, professori di sociologia e criminologia della University of Denver (Colorado), ed è stato pubblicato sul n. 45 di Hofstra Law Review. Prende in esame 1500 casi di persone prima condannate, poi prosciolte. “più il crimine è grave, più la pubblica accusa sembra affidarsi a prove inaccurate e inaffidabili. I reati più efferati, quelli per i quali è più probabile che la pubblica accusa chieda la pena di morte, sono anche quelli in cui la pubblica accusa ha la tendenza a partecipare nella produzione di prove sbagliate, dalle false confessioni, all’uso di delatori inaffidabili, pressioni sulla polizia ed esami di laboratorio inaccurati”. Approfondendo il tema delle false confessioni, i professori sostengono che “più cresce la gravità del crimine, o l’allarme sociale collegato al crimine, più cresce l’aggressività dalla polizia nel condurre gli interrogatori. E di fatto interrogatori più aggressivi producono sia più vere confessioni, che più false confessioni. Secondo lo studio, il comportamento della polizia è condizionato dalle pressioni politiche. La parte dello studio che riguarda le false confessioni è diviso in due parti, una riguarda persone condannate a pene detentive per reati molto gravi, compreso l’omicidio, e persone condannate a morte per omicidio di primo grado. Di tutti i casi viene creata una specie di classifica di “gravità”.
Utilizzando i dati del the National Registry of Exonerations (un progetto della University of California, University of Michigan e Michigan State University), 234 delle 1535 prosciolte dal 1989 al 2014 aveva fatto confessioni ritrattate in un secondo tempo. Di queste 234 persone, 22 hanno avuto una condanna a morte. Lo studio ha calcolato che il 21% delle persone erroneamente condannate per omicidio avevano fornito confessioni rivelatesi in seguito false. La percentuale scende al 7% quando si esaminano (nello stesso Registry) reati meno gravi. Nei casi di “esonerati” in cui test del Dna hanno dato forza alla proclamazione di innocenza, il 41% delle persone condannate per omicidio avevano in un primo tempo confessato, un tasso di confessione 7 volte più alto rispetto a persone condannate (e poi prosciolte) per reati non di omicidio. Tra i prosciolti dal braccio della morte, il 39% aveva confessato, un tasso 5 volte maggiore rispetto al 7% delle persone condannate sempre per omicidi, ma considerati “meno gravi”. Secondo i professori Phillips e Richardson il livello di gravità di un omicidio permettere di prevedere il livello di affidabilità che la pubblica accusa (spesso indicata come “lo Stato”) darà a informatori, delatori, prove di laboratorio ambigue e comportamenti irregolari della polizia (definita “condotta impropria del governo”). Tra i casi di proscioglimento dal braccio della morte, il governo ha tenuto comportamenti scorretti nell’86% dei casi gravi, rispetto al 66% in casi di omicidio considerati meno gravi. Lo stato ha utilizzato testimonianze di informatori all’interno delle carceri nel 42% dei casi gravi, contro il 15% nei casi meno gravi. Uso improprio di analisi forensi ricorrono nel 39% dei casi molto gravi, contro il 23% dei casi meno gravi.

(Fonti: DPIC, 19/09/2017)

Altre news:
TUNISIA: CONFERENZA SULLA PENA DI MORTE IN TEMPO DI GUERRA AL TERRORISMO
EGITTO: 11 CONDANNE A MORTE PRELIMINARI PER LE VIOLENZE DEL 2013
KUWAIT: L’EMIRO COMMUTA LE CONDANNE A MORTE DI 15 INDIANI
VIETNAM: CAPO DELLA PETROVIETNAM CONDANNATO A MORTE PER APPROPRIAZIONE INDEBITA
ONU: APPROVATA RISOLUZIONE CONTRO LA PENA DI MORTE PER OMOSESSUALITA’
NIGERIA: IL SENATO APPROVA LA PENA DI MORTE PERI SEQUESTRATORI
IRAN: IMPICCATO PER OMICIDIO A KERMAN
LIBANO: PREDICATORE CONDANNATO A MORTE PER ATTACCHI CONTRO L’ESERCITO
SRI LANKA: SETTE CONDANNE CAPITALI PER L’OMICIDIO E STUPRO DI UNA RAGAZZA
L’ONU CONDANNA LE 42 IMPICCAGIONI IN IRAQ
IRAN: 74ENNE CONDANNATO A MORTE PER ”FESTE MISTE E SEMI NUDE"
IRAN: GIUSTIZIATO A URMIA PER OMICIDIO
IRAN: IMPICCATO PER OMICIDIO NEL CARCERE CENTRALE DI YASUI
IRAN: IMPICCATO PER OMICIDIO NEL CARCERE DI URMIA
GAZA: TRE CONDANNE A MORTE PER OMICIDIO
VIETNAM: CONDANNA CAPITALE PER TRAFFICO DI EROINA
EGITTO: QUATTRO CONDANNATI A MORTE PER L’INCENDIO DEL NIGHTCLUB DI AL AGOUZA
IRAQ: 42 GIUSTIZIATI PER TERRORISMO
SUDAN: STUDENTE CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN POLIZIOTTO
MADAGASCAR RATIFICA IL SECONDO PROTOCOLLO OPZIONALE, IL GAMBIA LO FIRMA
IRAN: IMPICCATO IN PUBBLICO PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UNA BAMBINA
IRAN: IMPICCATO IN PUBBLICO NEL GOLESTAN
IRAN: DUE IMPICCATI PER DROGA A QAZVIN
IRAN: DUE IMPICCATI IN CARCERE AD ARDEBIL
IRAN: TRE IMPICCATI A TABRIZ PER OMICIDIO
IRAN: IMPICCAGIONE PUBBLICA A ILAM
EGITTO: NOVE CONDANNE A MORTE PER OMICIDIO
EGITTO: 7 CONDANNE A MORTE PER APPARTENENZA ALLA STATO ISLAMICO
TUNISIA. NESSUNO TOCCHI CAINO E L'ISTITUTO ARABO PER I DIRITTI UMANI DI NUOVO INSIEME CONTRO LA PENA DI MORTE
IRAN: IMPICCATO IN PUBBLICO NELLA CONTEA DI SALMAS

1 2 [Succ >>]
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  CORTE DI STRASBURGO. NESSUNO TOCCHI CAINO, STORICA SENTENZA DELLA CEDU SUL CASO VIOLA vs ITALIA  
  APPELLO DI NESSUNO TOCCHI CAINO PER NASRIN SOTOUDEH  
  NESSUNO TOCCHI CAINO INVITA ALL’EVENTO IN RICORDO DI ENZO MAZZARELLA ‘NASCONDI LA PIETRA CHE CAINO NON LA TROVI’  
  IRAN. NESSUNO TOCCHI CAINO, RIDUZIONE DELLE ESECUZIONI PER DROGA MA I NUMERI RESTANO PREOCCUPANTI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits