Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

LOUISIANA (USA): COREY WILLIAMS SCARCERATO

22 maggio 2018:

Corey Williams, 36 anni, nero, è uscito oggi dal carcere.
Era stato condannato a morte nel 2000 con l’accusa di aver ucciso, il 4 gennaio 1998, Jarvis Griffin, 23 anni, un ragazzo che consegnava pizze a domicilio, a cui furono rubati 20 dollari e due pizze. All’epoca del fatto aveva compiuto 16 anni da 3 settimane.
Williams ha un quoziente intellettivo piuttosto basso, 68 punti, ed una storia di diversi ricoveri, e scuole differenziate. La sera del 4 gennaio 1998 un gruppo di giovani aggredì un ragazzo che consegnava pizze a domicilio, gli furono rubati 20 dollari e due pizze, e poi il ragazzo fu ucciso con una pistola di piccolo calibro. I giovani, tutti maggiorenni, una volta individuati dalla polizia accusarono Williams di essere quello che aveva sparato.
Williams dopo un lungo interrogatorio confessò, probabilmente perché gli era stato promesso che subito dopo sarebbe potuto tornare a casa dalla nonna. Al processo i 3 imputati maggiorenni ottennero condanne detentive, mentre Williams fu condannato a morte. Il 20 febbraio 2004 il giudice Scott Crichton della Caddo District Court aveva convertito in ergastolo la condanna a morte di Williams in applicazione della sentenza del 20 giugno 2002 della Corte Suprema degli Stati Uniti che stabilisce che le condanne a morte ai ritardati mentali violano il diritto sancito dall’Ottavo Emendamento contro le punizioni eccessive.
Williams, assistito da nuovi avvocati, ha sempre insistito sulla sua innocenza, spiegando di essere stato nei paraggi, ma di non essere coinvolto nei fatti. In effetti i testimoni casuali avevano indicato un gruppo di persone più grandi, e nessuna prova fisica collegava Williams al fatto. Solo i coimputati lo accusavano.
Nel frattempo i nuovi difensori erano riusciti a dimostrare che all’epoca del processo la pubblica accusa aveva tenuto nascosti diversi elementi favorevoli a Williams, tra cui il fatto che la polizia fosse già convinta all’epoca che i coimputati stessero cercando di “incastrarlo”, che le impronte sulla pistola corrispondevano a quelle di un altro sospettato, e che macchie del sangue della vittima erano state rinvenute sugli abiti di un altro sospettato.
Ieri, per porre termine ad un lungo contenzioso, Williams ha accettato un accordo con la pubblica accusa, che ha ritirato l’accusa di omicidio di primo grado, sostituendola con una per omicidio involontario e “ostruzione alla giustizia”. In cambio dell’immediata scarcerazione Williams ieri ha accettato una condanna “a quanto già scontato”, ed oggi è uscito.
L’accordo è stato formalizzato dalla giudice Katherine Dorroh, che in passato aveva emesso una delle sentenze contrarie a Williams. Secondo la stampa la giudice ha usato un tono ironico, del resto, hanno ricordato alcuni giornalisti, è la stessa giudice diventata nota in passato per aver negato un risarcimento a Glenn Ford, un uomo scarcerato l’11 marzo 2014 dopo 30 anni nel braccio della morte. Nei confronti di Ford si scusò formalmente nel 2015 la rappresentante della pubblica accusa, ma la giudice Dorroh ritardò la procedura di indennizzo a favore dell’uomo, che morì pochi mesi dopo.
Poiché Williams si è dichiarato colpevole di accuse connesse, il suo caso non soddisfa i criteri per essere incluso nell'elenco degli “esonerati” del DPIC. False confessioni sono state una caratteristica ricorrente in molti casi che coinvolgono persone che sono state condannate ma successivamente prosciolte. L'anno scorso, 139 persone condannate per reati gravi sono state “esonerate”, e una su cinque aveva confessato, secondo il National Registry of Exonerations. Il tema delle false confessioni, ottenute dopo aver sottoposto l’imputato a fortissime pressioni fisiche o psicologiche, oppure facendo leva su particolari condizioni mentali dell’imputato, oppure convincendolo che sarebbe stato l’unico modo per evitare una condanna a morte, è uno degli argomenti dibattuti quando si argomenta che gli errori giudiziari sono sempre possibili, anche in casi più accurati della media, come sono quelli in cui è in gioco una condanna capitale.

(Fonti: Washington Post, Nessuno tocchi Caino, 22/05/2018)

Altre news:
SRI LANKA: TRE CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
TANZANIA: QUATTRO CONDANNE A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN RAGAZZO
IL BURKINA FASO ABOLISCE LA PENA DI MORTE
YEMEN: CONDANNATI A MORTE SETTE MEMBRI DI ANSARALLAH
INDIA: PRESIDENTE RESPINGE DOMANDA DI GRAZIA
ALABAMA (USA): GIUDICE ORDINA ALL’AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DI DESECRETARE IL PROTOCOLLO DI ESECUZIONE
SOMALIA: TRIBUNALE MILITARE EMETTE DUE CONDANNE A MORTE PER TERRORISMO
BIELORUSSIA: CORTE SUPREMA CONFERMA DUE CONDANNE CAPITALI
IRAN: ESECUZIONI PER DROGA CALATE DEL 99%
BANGLADESH: TRE CONDANNE CAPITALI PER L’OMICIDIO E STUPRO DI UNA DONNA
SOMALIA: DUE GIUSTIZIATI DA AL SHABAAB PER SPIONAGGIO
ETIOPIA: GRAZIATO LEADER DELL’OPPOSIZIONE CHE ERA STATO CONDANNATO A MORTE
BOTSWANA: IMPICCATO PER OMICIDIO
ZAMBIA: PRESIDENTE GRAZIA 464 PRIGIONIERI
PAKISTAN: CONDANNA A MORTE PER OMICIDIO
BAHRAIN: CONFERMATE CONDANNE A MORTE DI DUE OPPOSITORI
IRAQ: JIHADISTA BELGA CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE
IRAQ: DUE CONDANNATI ALL’IMPICCAGIONE PER TERRORISMO
BANGLADESH: TRE CONDANNATI A MORTE E SETTE ALL’ERGASTOLO PER OMICIDIO
KUWAIT: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN RELIGIOSO
INVITO AL CONVEGNO: ‘LA SITUAZIONE IN MEDIO ORIENTE E IL RUOLO DELL’IRAN’
SRI LANKA: TRE CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO DI 17 ANNI FA
DEVOLVI IL 5X1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
ONU: LA SPAGNA FERMI LE ESTRADIZIONI VERSO LA CINA
IRAN: IMPICCATO IN CARCERE AD ARDABIL PER OMICIDIO
TEXAS (USA): JUAN CASTILLO GIUSTIZIATO
IRAN: DUE IMPICCATI IN PUBBLICO A MASHHAD
SUDAN: FRUSTATA PER ESSERSI SPOSATA SENZA CONSENSO DEL PADRE
BANGLADESH: QUATTRO CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN COMMERCIANTE
GIORDANIA: CONDANNATO A MORTE PER APPARTENENZA AL DAESH

1 2 [Succ >>]
2021
gennaio
febbraio
marzo
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits