Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Texas - Bobby Moore
Texas - Bobby Moore
USA - Texas. La Corte d’Appello NON ha commutato la condanna a morte di Bobby Moore.

6 giugno 2018:

La Corte d’Appello NON ha commutato la condanna a morte di Bobby Moore. Moore è un detenuto con disabilità mentale che ha ottenuto dalla Corte Suprema degli Stati Uniti l’annullamento della condanna perché la disabilità era stata valutata con sistemi troppo rigidi e ormai scientificamente superati (vedi 28 marzo 2017), ed aveva anche ottenuto un parere favorevole da parte della Pubblica Accusa (vedi 1 novembre 2017), ma oggi si è visto confermare, con un voto 4-3, la condanna a morte da parte della Texas Court of Criminal Appeals, che è per procedura quella incaricata di rivedere i casi cassati dalla Corte Suprema. Moore, 59 anni, nero, venne condannato a morte il 24 luglio 1980 nella Harris County con l’accusa di aver ucciso il 25 aprile 1980, durante una rapina in un negozio, Jim McCarble, 73 anni. Il 17 giugno 2003 Moore, assistito da nuovi avvocati, contestò che ai sensi dell’Ottavo Emendamento e della sentenza Atkins v. Virginia (Corte Suprema degli Stati Uniti, 20 giugno 2002) la sua esecuzione non poteva essere consentita in quanto portatore di ritardo mentale (definizione che in seguito verrà aggiornata con “deficit intellettivo”). Nel 2014 un giudice di stato esaminò il ricorso, e dopo aver ascoltato diversi esperti concluse che Moore, il cui quoziente intellettivo era stato misurato in 70,6 punti, rientrava negli standard del ritardo mentale, e come tale non poteva essere giustiziato. La sentenza venne impugnata dalla pubblica accusa, e la Texas Court of Criminal Appeals aveva annullato l’annullamento. Il 28 marzo 2017 la Corte Sprema degli Stati Uniti, con la sentenza Moore v. Texas, aveva dichiarato incostituzionale il metodo per valutare la disabilità intellettuale utilizzato in Texas. Più precisamente, la Corte Sprema aveva annullato la decisione della corte d’appello, e aveva confermato la validità della sentenza precedente. Per la Corte Suprema di Washington (che aveva votato 5-3), il metodo di valutazione della corte d’appello, basato su protocolli vecchi di 25 anni, doveva considerarsi scientificamente superato in quanto basato largamente su concetti stereotipati, noti come “fattori Briseño” (dal nome di una sentenza del 1992 in cui per la prima volta venivano elencati 7 criteri di giudizio). La Corte d’appello inoltre aveva fatto riferimento a una sentenza del 2004 che citava un famoso personaggio letterario, Lennie Small, nel romanzo “Uomini e topi” di John Steinbeck, come esempio di una persona nei confronti della quale non si dovrebbe procedere con l’esecuzione. A marzo la Corte Suprema aveva deciso che i fattori Briseño o citare Lennie Small come parametro di chi è o non è un ritardato mentale non è un metodo scientifico. Nel 2014 la stessa Corte Suprema Usa aveva già affrontato il tema del ritardo mentale, e in un caso proveniente dalla Florida (Hall v. Florida) aveva dichiarato incostituzionale la legge di quello stato nella parte in cui era troppo rigida e formale nel fissare a 70 punti il limite del deficit intellettivo. La sentenza di marzo 2017 si rifaceva a quella sentenza, ma oltre al deficit cognitivo indicava che deve essere preso in considerazione anche il deficit adattivo. La Corte Suprema aveva rimandato il caso di Moore alla Corte d’Appello del Texas. Il 1 novembre 2017 la procuratrice della Harris County Kim Ogg, Bianca, Democratica, aveva comunicato alla Corte d’Appello di riconoscere la disabilità intellettiva dell’imputato, e di concordare che la sua pena venisse rideterminata in un ergastolo. La Corte d’Appello invece oggi ha deciso di dover aggiornare i propri standard, ma anche con i nuovi standard di ritenere che Moore non abbia i requisiti per veder riconosciuta la disabilità intellettuale, e di confermare quindi la condanna a morte. A riprova della propria affermazione, la Corte d’Appello ha indicato che Moore durante la detenzione avrebbe imparato a leggere e scrivere, ed inoltre sa svolgere la procedura per effettuare acquisti dal negozio interno al carcere. I giudici che hanno votato in dissenso hanno allegato una loro opinione di 67 pagine. La Procuratrice Ogg non ha risposto alle domande della stampa, ma gli osservatori hanno fatto notare che un eventuale mandato di esecuzione dovrebbe essere richiesto da lei, cosa che non sembra probabile.

(Fonti: Texas Tribune, Houston Chronicle, Hands off Cain, 06/06/2018)

Altre news:
IRAN - PROPOSTA DI AMNISTIA
BIELORUSSIA - 2 CONDANNE SOSPESE
EGITTO: 11 CONDANNE A MORTE PRELIMINARI
BANGLADESH - 1 CONDANNA
NIGERIA - 3 CONDANNE
VIETNAM - 2 CONDANNE A MORTE
ALGERIA - BLOGGER RISCHIA CONDANNA CAPITALE
PAKISTAN - MORTE PER ASSASSINO PEDOFILO
IRAN - 8 CONDANNE A MORTE
BANGLADESH - 4 CONDANNE A MORTE
ANP - VERSO L’ABOLIZIONE DELLA PENA DI MORTE
HAMIDREZA AMINI ACCUSATO DI APOSTASIA
BANGLADESH - 2 CONDANNE A MORTE
NIGERIA: 5 CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
EGITTO - 7 CONDANNE A MORTE
ARKANSAS - AZIONE DISCIPLINARE CONTRO GIUDICE
ARABIA SAUDITA - ANNULLATA UNA CONDANNA A MORTE
WASHINGTON - RICALCOLATA PENA PER MINORENNE
USA - CALIFORNIA. ISAURO AGUIRRE CONDANNATO A MORTE
TAIWAN. LI KUO-HUI CONDANNATO A MORTE
ARABIA SAUDITA. 4 CONDANNE PER TERRORISMO
NIGERIA. JEREMIAH IDOWU CONDANNATO A MORTE
IRAN. 2 CONDANNE A MORTE
MALESIA. 2 CONDANNE A MORTE PER DROGA
QATAR: NEPALESE CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO

[<< Prec] 1 2
2023
gennaio
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits