Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

ARABIA SAUDITA - ANNULLATA UNA CONDANNA A MORTE

8 giugno 2018:

08/06/2018 - ARABIA SAUDITA - Una donna indonesiana, Nurkoyah binti Marsan Dasan, ha vinto una battaglia durata 8 anni per sfuggire alla pena di morte dopo essere stata accusata di aver ucciso un bambino di 3 mesi in Arabia Saudita. Secondo una dichiarazione dell'Ambasciatore indonesiano in Arabia Saudita, il paese ha annullato la pena di morte per Nurkoyah, una notizia che arriva subito dopo quella dell’annullamento della pena di morte per altri 2 indonesiani il 7 maggio 2018. Nurkoyah è stata accusata di aver ucciso un bambino di 3 mesi, Masyari bin Ahmad al-Busyail, mettendo deliberatamente nel suo latte droghe e veleno per topi. Dopo aver attraversato un lungo e difficile processo dalla data del suo arresto, il 9 maggio 2010, la donna ha finalmente avuto la certezza del rigetto da parte del giudice della richiesta di pena di morte il 31 maggio 2018. Il verdetto è giuridicamente vincolante e ha segnato la fine del processo. Durante l'udienza, il giudice ha respinto la "had ghilah" (pena di morte) e ha deciso al suo posto la "ta'zir" (una specie di punizione disciplinare) con una condanna a 6 anni di carcere e 500 colpi di frusta. La decisione è basata sulla confessione fatta da Nurkoyah all’inizio dell'indagine, anche se in seguito l’ha ritirata dicendo che era stata fatta sotto pressione. Il padre del bambino, Khalid Al-Busyail, ha quindi intentato una causa per “qisas” (vendetta) contro Nurkoyah. Il giudice del tribunale distrettuale di Dammam ha respinto la condanna a morte perché lei ha negato le accuse e il padre non è stato in grado di presentare altre prove a sostegno della richiesta. Dopo che la richiesta di “qisas” contro di lei è stata respinta, Nurkoyah sperava di essere rilasciata. L'ambasciata ha immediatamente provveduto a rimpatriare Nurkoyah, ma il padre, Khalid Al-Busyail, ha nuovamente chiesto il diyat (il prezzo del sangue) per la negligenza che ha portato alla morte del figlio. Il 3 aprile 2018, il Giudice ha respinto la richiesta di diyat sul principio del "non bis in idem", che vieta di accusare più volte l'imputato per lo stesso atto. Il giudice ha offerto al padre l'opportunità di presentare entro 30 giorni una rimostranza alla decisione, ma lui non lo ha fatto nei termini dati. Così, il 31 maggio, la Corte ha stabilito che la sentenza nel caso di Nurkoyah era stata eseguita. Il 2 giugno, l'ambasciata indonesiana ha ricevuto formalmente una copia della decisione del tribunale generale di Dammam. L'ambasciata ha quindi avviato il processo di rimpatrio in Indonesia, è in contatto con gli avvocati e continua a monitorare le condizioni di Nurkoyah che si trova nella prigione di Dammam. La donna tornerà in Indonesia subito dopo il rilascio del permesso di uscita e altri documenti dalle autorità dell'Arabia Saudita. (M. Moro per NtC) - (Fonti: Antara News, 08/06/2018)

(Fonti: Antara News, 08/06/2018)

Altre news:
IRAN - PROPOSTA DI AMNISTIA
BIELORUSSIA - 2 CONDANNE SOSPESE
EGITTO: 11 CONDANNE A MORTE PRELIMINARI
BANGLADESH - 1 CONDANNA
NIGERIA - 3 CONDANNE
VIETNAM - 2 CONDANNE A MORTE
PAKISTAN - MORTE PER ASSASSINO PEDOFILO
ALGERIA - BLOGGER RISCHIA CONDANNA CAPITALE
NIGERIA: 5 CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
IRAN - 8 CONDANNE A MORTE
BANGLADESH - 4 CONDANNE A MORTE
ANP - VERSO L’ABOLIZIONE DELLA PENA DI MORTE
HAMIDREZA AMINI ACCUSATO DI APOSTASIA
BANGLADESH - 2 CONDANNE A MORTE
EGITTO - 7 CONDANNE A MORTE
WASHINGTON - RICALCOLATA PENA PER MINORENNE
ARKANSAS - AZIONE DISCIPLINARE CONTRO GIUDICE
USA - CALIFORNIA. ISAURO AGUIRRE CONDANNATO A MORTE
TAIWAN. LI KUO-HUI CONDANNATO A MORTE
ARABIA SAUDITA. 4 CONDANNE PER TERRORISMO
USA - Texas. La Corte d’Appello NON ha commutato la condanna a morte di Bobby Moore.
NIGERIA. JEREMIAH IDOWU CONDANNATO A MORTE
IRAN. 2 CONDANNE A MORTE
MALESIA. 2 CONDANNE A MORTE PER DROGA
QATAR: NEPALESE CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO

[<< Prec] 1 2
2023
gennaio
  2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits