Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA
DOSSIER GIAPPONE

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

ANP: PALESTINESE RISCHIA LA CONDANNA A MORTE PER AVER VENDUTO UN IMMOBILE AD EBREI

25 ottobre 2018:

Un cittadino statunitense di origini palestinesi è stato arrestato con l’accusa di aver venduto un immobile di palestinese ad una associazione ebraica, ha riportato il 18 ottobre 2018 il Jerusalem Post. Il giornale ha deciso di non pubblicare il nome dell’arrestato, che potrebbe rischiare una condanna a morte. L’arrestato, in considerazione della gravità dell’accusa, ha chiesto assistenza al Dipartimento di Stato usa (Ministero degli Esteri). L’immobile viene definito “appartenente ad una vedova palestinese, nel Quartiere Arabo nella Città Vecchia di Gerusalemme”. La scorsa settimana le autorità religiose islamiche di Gerusalemme Est hanno rinnovato una fatwa che vieta ai palestinesi di vendere proprietà agli israeliani. La pena di morte non è esplicita, ma è stata più volte sollecitata in casi simili, l’ultimo dei quali sembra sia avvenuto “recentemente” (secondo il Jerusalem Post). All’inizio del mese delle famiglie ebree si sono trasferite nella ex casa della famiglia Joudeh, nei pressi del Monte del Tempio (nome ebraico della zona che i palestinesi invece chiamano Spianata delle Moschee). In quel caso l’associazione che aveva acquistato l’immobile era stata identificata come “Ateret Cohanim”, e l’intermediario inizialmente era stato identificato come Fadi Elsalameen, palestinese residente negli Stati Uniti. Una seconda intermediazione per lo stesso immobile è stata attribuita a Khaled al-Atari, un uomo d’affari di Gerusalemme Est a cui vengono attribuiti “stretti legami” con il GIF (General Intelligence Force), i servizi segreti dell’Autorità Palestinese diretti dal generale Majed Faraj. Non è chiaro se si tratti di due episodi diversi, o l’episodio denunciato oggi sia uno sviluppo di quello precedente. In entrambe i casi l’intermediazione sembra sia stata remunerata con 25.000 dollari Usa. Interpellato dalla stampa, un membro di rilievo dei Servizi Segreti palestinesi a Ramallah non ha voluto commentare la notizia. Funzionari Usa hanno invece confermato di essere al corrente dell’arresto, ed hanno espresso preoccupazione. Oltre alla fatwa, la legge giordana in vigore de facto nei territori palestinesi, affittare o vendere terra agli ebrei è considerate “tradimento” nei confronti dell’Autorità Palestinese, ed è punibile con la condanna a morte o i lavori forzati. In un articolo del 2014 il Jerusalem Post aveva riportato le dichiarazioni di Bassem Eid, un attivista palestinese per i diritti civili, secondo il quale in diversi casi abitanti di Gerusalemme rapiti e torturati a morte a Ramallah da agenti della PSA (Preventive Security Agency) dell’Autorità Palestinese.

(Fonti: breakingisraelnews.com, DPIC, 23/10/2018)

Altre news:
STRASBURGO: NESSUNO TOCCHI CAINO, BENE CONDANNA DELL’ITALIA PER 41-BIS A PROVENZANO
MALESIA: IL GOVERNO FERMA LE ESECUZIONI DI 1.200 PRIGIONIERI
CARCERI: NESSUNO TOCCHI CAINO, CONSULTA SU 41-BIS ANCORA UNA VOLTA FARO DEL DIRITTO
GIORNATA MONDIALE CONTRO LA PENA DI MORTE
IRAN: DONNA CONDANNATA A MORTE PER ADULTERIO
PAKISTAN: CANCELLATA LA CONDANNA A MORTE PER ASIA BIBI
BAHRAIN: CONDANNE A MORTE PER DUE ATTIVISTI ANTI-REGIME
SINGAPORE: MALESE CONDANNATO A MORTE PER DROGA
SOUTH DAKOTA (USA): RODNEY BERGET GIUSTIZIATO
INDIA: CONDANNA A MORTE PER STUPRO COMMUTATA
EAU: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DEL VICINO
BANGLADESH: PARLAMENTO APPROVA NUOVA LEGGE SULLE DROGHE
CINA: GIUSTIZIATI DUE PRODUTTORI DI DROGHE
KENYA: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN CITTADINO OLANDESE
PAKISTAN: CAPO DELL’ESERCITO APPROVA 14 CONDANNE A MORTE DI TERRORISTI
SINGAPORE: MALESE IMPICCATO PER DROGA
USA: LE DISPARITÀ RAZZIALI NELLA PENA DI MORTE INIZIANO GIÀ CON LE INDAGINI E GLI ARRESTI
BANGLADESH: TRE CONDANNE A MORTE PER OMICIDIO
MALESIA: GUARDIA CONDANNATA A MORTE PER L’OMICIDIO DI UNA RAGAZZA AI DOMICILIARI
IRAN: GIUSTIZIATO PER OMICIDIO A SIRJAN
BANGLADESH: TRE CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
BANGLADESH: PENA DI MORTE PER I REATI DI DROGA
IRAN: IMPICCATO A ZAHEDAN PER STUPRO
IRAN: IMPICCATO AD ARDEBIL PER OMICIDIO
ZAMBIA: CINQUE CONDANNE ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO
BAHRAIN: DUE CONDANNE A MORTE ANNULLATE
IRAQ: 13 DONNE CONDANNATE A MORTE PER TERRORISMO
IRAQ: CONDANNATO A MORTE TRE VOLTE PER TERRORISMO
ARABIA SAUDITA: TRE ESECUZIONI A QATIF
IRAN: DUE CONDANNATI A MORTE PER REATI ECONOMICI

1 2 3 4 [Succ >>]
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  CORTE DI STRASBURGO. NESSUNO TOCCHI CAINO, STORICA SENTENZA DELLA CEDU SUL CASO VIOLA vs ITALIA  
  APPELLO DI NESSUNO TOCCHI CAINO PER NASRIN SOTOUDEH  
  NESSUNO TOCCHI CAINO INVITA ALL’EVENTO IN RICORDO DI ENZO MAZZARELLA ‘NASCONDI LA PIETRA CHE CAINO NON LA TROVI’  
  IRAN. NESSUNO TOCCHI CAINO, RIDUZIONE DELLE ESECUZIONI PER DROGA MA I NUMERI RESTANO PREOCCUPANTI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits