Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA
DOSSIER GIAPPONE

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

USA: ‘REFORM ALLIANCE’ PER LA RIFORMA DEL SISTEMA CARCERARIO

29 gennaio 2019:

I rapper Jay-Z e Meek Mill lanciano la « REFORM Alliance », un movimento per la riforma del sistema carcerario americano. Finanziamento iniziale, 50 milioni di dollari.
Negli scorsi mesi, da quando Meek Mill è stato rilasciato (24 aprile 2018) da un carcere della Pennsylvania dopo 6 mesi di detenzione, il rapper di Filadelfia è stato un esplicito sostenitore della necessità di riformare la giustizia. Lo ha fatto comparendo in televisione e scrivendo un editoriale sul New York Times a favore di una riforma carceraria, in particolare sul tema del denaro per le cauzioni e della libertà vigilata, un sistema che ha tenuto Meek sotto il controllo del sistema sin dalla sua adolescenza.
Lui e Jay-Z, uno dei suoi più fedeli sostenitori durante la sua detenzione, si sono uniti per formare un'organizzazione di riforma della giustizia criminale chiamata REFORM Alliance, e oggi hanno reso noti i dettagli in un comunicato stampa.
“Alleanza per la Riforma” considera come sua missione una "riforma della giustizia criminale da attuare eliminando leggi obsolete che perpetuano l'ingiustizia, a partire dalla libertà vigilata e dalla libertà condizionale." I membri fondatori e il consiglio di amministrazione includono anche Robert Kraft, Amministratore Delegato del Kraft Group (non è la multinazionale alimentare Kraft-Heinz) e proprietario della squadra di football New England Patriots, Michael Rubin, comproprietario della squadra di basket Philadelphia 76ers e direttore esecutivo della squadra di basket dei Fanatics, Clara Wu Tsai, co-proprietaria dei Brooklyn Nets (pallacanestro); Daniel Loeb, AD della Third Point Llc; Michaeal Novogratz, fondatore di Galaxy Digital e infine Robert Smith, fondatore e presidente del fondo Vista Equity Partner. Amministratore Delegato di REFORM Alliance è il commentatore politico Van Jones, già consigliere di Barack Obama. I fondatori hanno collettivamente promesso 50 milioni di dollari per il suo lancio.
L'idea è partita da Meek Mill, 31 anni. L' artista afroamericano si considera una delle vittime «cadute nella trappola del sistema giudiziario». Nel 2008 fu condannato alla libertà vigilata per una questione di droga di minore gravità. Nel 2017 fu coinvolto in una rissa, e poco dopo venne anche denunciato dalla polizia per guida spericolata. A causa di queste due “violazioni della libertà vigilata” venne arrestato e condannato a scontare dai 2 ai 4 anni di carcere (con questo modo di indicare le pene, negli stati Uniti si intende quale può essere la pena minima in caso di buona condotta, e qual è invece la pena “normale” se il detenuto, pur non commettendo altri reati durante la detenzione, non rientra nei parametri della buona condotta).
Tra i sostenitori di Mill ci furono anche Jay-Z, 49 anni, noto anche per essere il marito di Beyoncé, e praticamente tutti gli imprenditori che oggi aderiscono alla «Reform Alliance». Tra di loro solo Robert Smith è un afroamericano. Meek Mill ha spiegato l'importanza e la necessità della riforma carceraria in una dichiarazione, scrivendo: "Creare la REFORM Alliance è una delle cose più importanti che abbia mai fatto nella mia vita. Se pensavi che il mio caso fosse ingiusto, ci sono milioni di altri che si occupano di situazioni peggiori e sono coinvolti nel sistema senza commettere crimini. Con questa alleanza, vogliamo cambiare le leggi obsolete, dare alle persone speranza e riformare un sistema i cui effetti deleteri contro di noi si sono accumulati nel tempo".
La spinta dei rapper si innesta su un'abbondante produzione di saggi e film polemici. Il più efficace è forse il documentario «13th», girato nel 2016 da Ava DuVernay, regista anche di «Selma». Comincia in modo fulminante con una frase di Obama: «Gli Stati Uniti hanno il 5% della popolazione mondiale, ma il 25% sul totale degli incarcerati a livello planetario». Negli Usa si stima ci siano 2,1 milioni di persone dietro le sbarre: nemmeno nelle più squallide dittature, il numero è così alto in rapporto agli abitanti. È un fenomeno cominciato negli anni Settanta e Ottanta, con «la guerra alla droga» e «l'incarcerazione di massa».
Certamente, come sostiene Mill, sulla scia di DuVernay, Van Jones e tanti altri, il sistema carcerario colpisce in maniera sproporzionata la minoranza nera. I neri sono infatti il 12% della popolazione, ma rappresentano il 33% delle persone in carcere; i bianchi, invece, sono il 64% della cittadinanza e il 30% dei detenuti. Ovviamente esistono diverse teorie su questa sproporzione, ma molte di queste teorie danno per acquisito una forte componente di discriminazione razziale. Non sarà facile, però, incidere in modo concreto. Il mondo giudiziario americano è frammentato: ci sono circa 3.100 sottosistemi, gestiti dagli Stati e dalle contee. Solo il 13% dei condannati sta scontando la pena in prigioni federali. L' amministrazione di Washington stanzia ogni anno circa 265 miliardi di dollari per tenere in piedi questo gigantesco intrico. Negli ultimi anni in molti hanno addossato la responsabilità delle disfunzioni alla privatizzazione delle carceri. Possibile, ma ancora una volta i numeri segnalano che l’impatto è limitato: il settore privato ha in custodia solo il 6% dei carcerati. A che cosa potranno servire, allora, i 50 milioni di dollari raccolti dai rapper? Per esempio a pagare la cauzione a migliaia di persone come Janice Dotson-Stephens, morta in prigione a San Antonio, in Texas, il 14 dicembre scorso all' età di 61 anni perché non aveva i 30 dollari necessari per ottenere la libertà vigilata.

(Fonti: uproxx.com, 23/01/2019, Corriere della Sera 28/01/2019)

Altre news:
TEXAS (USA): ROBERT MITCHELL JENNINGS GIUSTIZIATO
BANGLADESH: 4 CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO LEGATO ALLA DOTE
INDIA: CONDANNATO A MORTE PER AVER AVVELENATO DUE FIGLI
ARABIA SAUDITA: LAVORATRICE FILIPPINA GIUSTIZIATA PER OMICIDIO
MALESIA: CONFERMATA CONDANNA A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
IRAN: IMPICCATO AD AHVAZ PER OMICIDIO
SINGAPORE: MALESE IMPICCATO PER TRAFFICO DI DROGA
IRAN: IMPICCATO NEL CARCERE DI TABAS PER OMICIDIO
NIGERIA: EX SOLDATO CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER L’OMICIDIO DELLA FIDANZATA
PAKISTAN: CORTE SUPREMA CONFERMA ASSOLUZIONE DI ASIA BIBI
PAKISTAN: CONDANNATO A MORTE PER LO STUPRO DI UNA STUDENTESSA
ARABIA SAUDITA: GIUSTIZIATI QUATTRO YEMENITI PER OMICIDIO
SUD SUDAN: CONDANNA A MORTE PER OMICIDIO
THAILANDIA: CONDANNATA A MORTE PER RICICLAGGIO DI DANARO SPORCO
SRI LANKA: IL PRESIDENTE VUOLE IMPORRE LA PENA DI MORTE AI NARCOTRAFFICANTI
NIGERIA: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO
INDIA: CORTE SUPREMA ASSOLVE TRE CONDANNATI A MORTE E COMMUTA UNA CONDANNA CAPITALE
ETIOPIA: ABIY GRAZIA 13.000 ACCUSATI DI TRADIMENTO O TERRORISMO
AUSTRALIA: NO ALL’ESTRADIZIONE SE MALESIA NON ABOLISCE LA PENA CAPITALE
EGITTO: CORTE DI CASSAZIONE COMMUTA SETTE CONDANNE CAPITALI
INDIA: CONDANNATO A MORTE PER GLI STUPRI E OMICIDI DI UNA DONNA E DI SUA FIGLIA
SIERRA LEONE: 45 PRIGIONIERI NEL BRACCIO DELLA MORTE
KENYA: CONDANNATO A MORTE PER IL FURTO DI 12 PECORE
EGITTO: CONFERMATE CINQUE CONDANNE CAPITALI PER TERRORISMO
MALESIA: NO AL REFERENDUM SULL’ABOLIZIONE DELLA PENA CAPITALE
IRAN: IMPICCATO IN PUBBLICO PER SODOMIA
MAROCCO: GRADUALMENTE VERSO LA FINE DELLA PENA CAPITALE
SOMALIA: MILITARE CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO
EGITTO: CONDANNA A MORTE PER STUPRO E TENTATO OMICIDIO DI UN BAMBINO
NIGERIA: OTTO CONDANNE ALL’IMPICCAGIONE PER RAPINA

1 2 3 [Succ >>]
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  CORTE DI STRASBURGO. NESSUNO TOCCHI CAINO, STORICA SENTENZA DELLA CEDU SUL CASO VIOLA vs ITALIA  
  APPELLO DI NESSUNO TOCCHI CAINO PER NASRIN SOTOUDEH  
  NESSUNO TOCCHI CAINO INVITA ALL’EVENTO IN RICORDO DI ENZO MAZZARELLA ‘NASCONDI LA PIETRA CHE CAINO NON LA TROVI’  
  IRAN. NESSUNO TOCCHI CAINO, RIDUZIONE DELLE ESECUZIONI PER DROGA MA I NUMERI RESTANO PREOCCUPANTI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits