Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA
DOSSIER GIAPPONE

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

IRAN. NESSUNO TOCCHI CAINO, RIDUZIONE DELLE ESECUZIONI PER DROGA MA I NUMERI RESTANO PREOCCUPANTI

14 febbraio 2019:

Nessuno tocchi Caino, nel quarantennale della rivoluzione komeinista, rende note le cifre della pena di morte in Iran nel 2018.
Sono almeno 277 le esecuzioni compiute del 2018, di cui 89 riportate da fonti ufficiali iraniane e 188 casi segnalati da fonti non ufficiali. Il numero effettivo delle esecuzioni è probabilmente molto superiore ai dati forniti nel dossier di Nessuno tocchi Caino. Dai dati emerge un calo nel numero delle esecuzioni rispetto al 2017 (erano state almeno 544). A incidere su questo calo, la legge di riforma delle norme sul traffico degli stupefacenti, entrata in vigore il 14 novembre del 2017. Nel 2018 le esecuzioni per droga sono infatti scese ad almeno 23 rispetto alle almeno 257 del 2017.
I reati che hanno motivato le condanne a morte sono stati in termini di frequenza: omicidio, 195 esecuzioni (circa 63%); moharebeh (fare guerra a Dio), “corruzione in terra”, rapina ed estorsione: 32 (circa 10%); traffico di droga: 23 esecuzioni (circa 7%); stupro: 23 (circa 7%); reati di natura politica e “terrorismo”: 13 (4%); in almeno 10 altri casi (3%) non sono stati specificati i reati per i quali i detenuti sono stati trovati colpevoli.
L’impiccagione è il metodo preferito con cui è applicata la Sharia in Iran.
Almeno 13 persone sono state impiccate sulla pubblica piazza nel 2018 secondo le notizie ufficiali raccolte da Nessuno tocchi Caino, un numero nettamente inferiore alle 36 del 2017.
Le esecuzioni di donne sono state almeno 5 (rispetto alle 12 del 2017). Due di loro erano minorenni al momento del fatto. Con quelle del 2018, salgono ad 86 le donne giustiziate sotto la presidenza Rouhani.
Le esecuzioni di minorenni sono continuate nel 2018, fatto che pone l’Iran in aperta violazione della Convenzione sui Diritti del Fanciullo che pure ha ratificato. Sono stati giustiziati almeno 6 presunti minorenni al momento del fatto.
Nel 2018, almeno 10 persone sono state impiccate per fatti di natura essenzialmente politica. Ma è probabile che molti altri giustiziati per reati comuni fossero in realtà oppositori politici, in particolare appartenenti alle varie minoranze etniche iraniane, tra cui azeri, curdi, baluci e ahwazi. Accusati di essere mohareb, cioè nemici di Allah, gli arrestati sono di solito sottoposti a un processo rapido e severo che si risolve spesso con la pena di morte. Oltre alla morte, la punizione per Moharebeh è l’amputazione della mano destra e del piede sinistro, secondo il codice penale iraniano.
Non c’è solo la pena di morte, secondo i dettami della Sharia iraniana, ci sono anche torture, amputazioni degli arti, fustigazioni e altre punizioni crudeli, disumane e degradanti. Non si tratta di casi isolati e avvengono in aperto contrasto con il Patto Internazionale sui Diritti Civili e Politici che l’Iran ha ratificato e queste pratiche vieta. Migliaia di ragazzi subiscono ogni anno frustate per aver bevuto alcolici o aver partecipato a feste con maschi e femmine insieme o per oltraggio al pubblico pudore. Le autorità iraniane considerano le frustate una punizione adeguata per combattere comportamenti ritenuti immorali e insistono perché siano eseguite sulla pubblica piazza come “lezione per chi guarda”.
Nel 2018, secondo le informazioni dell’Osservatorio sui diritti umani in Iran, sono state emesse oltre 110 sentenze di flagellazione e 11 sono state eseguite. Inoltre, è stato riportato almeno un caso di amputazione degli arti. Inoltre, si stima che durante la protesta esplosa nel Paese nel gennaio 2018, sarebbero stati effettuati 8.000 arresti arbitrari, sarebbero state uccise almeno 58 persone e 12 tra i manifestanti imprigionati sarebbero stati uccisi sotto tortura.

(Fonti: NtC, 14/02/2019)

Altre news:
DIRITTI UMANI: MANIFESTAZIONE PARTITO RADICALE DAVANTI AMBASCIATA IRANIANA 14 FEBBRAIO ORE 15
BARHAIN: CONFERMATE DUE CONDANNE A MORTE PER TERRORISMO
INDIA: CONDANNATO A MORTE PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UNA BAMBINA
CALANO LE ESECUZIONI PER REATI DI DROGA
EGITTO: EX VICEPRESIDENTE ELBARADEI CHIEDE ABOLIZIONE DELLA PENA CAPITALE
CALIFORNIA (USA): FREDDIE TAYLOR SCARCERATO DOPO 33 ANNI NEL BRACCIO DELLA MORTE
SOMALIA: SOLDATO CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN CIVILE
EGITTO: DUE MONACI CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
PAKISTAN: CONDANNATO A MORTE DUE VOLTE
BANGLADESH: CONDANNA A MORTE PER L’OMICIDIO E STUPRO DI UN BAMBINO A CHATTOGRAM
INDONESIA: NOVE CONDANNATI A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
EGITTO: 15 ESECUZIONI (FINORA) NEL MESE DI FEBBRAIO
GAZA: CONDANNA CAPITALE PER OMICIDIO
TAIWAN: CONDANNA CAPITALE CONFERMATA
INDIA: ALTA CORTE DEL GUJARAT SALVA DUE DAL PATIBOLO
BAHRAIN: CONDANNA CAPITALE CONFERMATA
EGITTO: NOVE GIUSTIZIATI PER L’OMICIDIO DEL PROCURATORE GENERALE
EGITTO: ATTIVISTI PER I DIRITTI UMANI CHIEDONO LA FINE DELLA PENA CAPITALE
UZBEKISTAN: CITTADINO CINESE RISCHIA ESTRADIZIONE
NIGERIA: DUE CONDANNATI A MORTE PER RAPINA
IRAN: TRE IMPICCATI NELLE PRIGIONI DI RAJA'I SHAHR E ARDEBIL
NIGERIA: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO
YEMEN: DUE GIUSTIZIATI IN PUBBLICO PER L’OMICIDIO E STUPRO DI UN BAMBINO
INDIA: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA FIDANZATA
MYANMAR: DUE CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN CONSIGLIERE DI AUNG SAN SUU KYI
WASHINGTON (USA): SENATO APPROVA ABOLIZIONE DELLA PENA CAPITALE
BANGLADESH: QUATTRO CONDANNE A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN BAMBINO
TURCHIA ESTRADA EGIZIANO CHE RISCHIA LA PENA DI MORTE
IRAN: DUE ESECUZIONI SEGRETE NEL CARCERE DI RAJAI SHAHR
KENYA: POLIZIOTTO CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN DETENUTO

1 2 3 [Succ >>]
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  APPELLO DI NESSUNO TOCCHI CAINO PER NASRIN SOTOUDEH  
  NESSUNO TOCCHI CAINO INVITA ALL’EVENTO IN RICORDO DI ENZO MAZZARELLA ‘NASCONDI LA PIETRA CHE CAINO NON LA TROVI’  
  BIELORUSSIA: DUE DETENUTI FUCILATI PER OMICIDIO  
  STRASBURGO: NESSUNO TOCCHI CAINO, BENE CONDANNA DELL’ITALIA PER 41-BIS A PROVENZANO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits