Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Il governatore della California Gavin Newsom
Il governatore della California Gavin Newsom
CALIFORNIA (USA): GOVERNATORE FORMALIZZA MORATORIA DELLE ESECUZIONI

13 marzo 2019:

Il governatore Gavin Newsom il 13 marzo formalizzerà una moratoria delle esecuzioni “almeno fino alla scadenza del mandato”. Newsom, 51 anni, bianco, Democratico, entrato in carica il 7 gennaio di quest’anno, in un comunicato ha reso noto che domani farà notificare a ognuno dei 737 detenuti del braccio della morte di San Quentin una sospensione a tempo indeterminato delle esecuzioni che lui terrà valida fino alla fine del suo mandato, nel gennaio 2023.
Inoltre, con i poteri che ha il Governatore, revocherà la legge che creava un nuovo protocollo di esecuzione basato su un singolo farmaco, e chiuderà la camera della morte a San Quintino, interrompendo anche i corsi di formazione del personale.
La legge sul nuovo protocollo di esecuzione non era ancora entrata in vigore, sia perché la California non effettua esecuzioni dal 2006, sia perché una serie di ricorsi la teneva ferma sia nelle corti statali che nelle corti federali.
Newson ha fornito alla stampa le sue motivazioni personali. "Non credo che una società civile possa rivendicare la propria leadership nel mondo finché il suo governo continua a esercitare il potere di morte, premeditato e discriminatorio, sul popolo". "In breve, la pena di morte è incoerente con i nostri valori fondativi, e confligge con ciò che è al centro di ciò che significa essere un californiano". Ha definito la pena di morte "un fallimento" che "ha discriminato gli imputati che sono malati di mente, di colore, o che non possono permettersi costose assistenze legali".
Sostiene inoltre che non funziona come deterrente, spreca denaro dei contribuenti ed ha l’insormontabile difetto di essere irreversibile e irreparabile in caso di errore umano".
La California dal 1978 ad oggi ha speso 5 miliardi di dollari per il suo braccio della morte”. "L'omicidio intenzionale di un'altra persona è sbagliato", ha detto, "e come governatore, non supervisionerò l'esecuzione di nessuno".Fonti del suo ufficio hanno fornito ulteriori motivazioni: il 60% delle persone condannate nello stato appartengono a minoranze razziali, ed è ormai appurato che nei confronti delle minoranze la giustizia è più severa. Le stesse fonti hanno inoltre ricordato che dal 1973 ad oggi 5 persone sono state completamente scagionate dopo aver subito una condanna a morte.
La California è il 6° stato in cui un governatore ha messo in atto una moratoria.
Il primo fu il governatore repubblicano dell’Illinois, George Ryan, che nel 2000 istituì una moratoria, e nel 2003 commutò tutte le condanne a morte. L’Illinois abolì la pena di morte nel 2011. In anni più recenti i governatori di Pennsylvania (2015), Washington (2014), Oregon (2011) e Colorado (2013) hanno messo in moratoria le esecuzioni che sono tuttora in corso, tranne che nello stato di Washington dove nel 2018 la pena di morte è stata dichiarata incostituzionale dalla Corte Suprema di stato e quindi, in un certo senso, abolita.
In California nel novembre 2016 un referendum che chiedeva l’abolizione della pena di morte risultò perdente 53-47%. Newsom, che allora era vicegovernatore dello stato, si era molto speso a favore dell’abolizione, citando le sue motivazioni morali, etiche ed economiche. Oggi ha detto ai giornalisti che ultimamente sta leggendo molti fascicoli di detenuti che chiedono provvedimenti di clemenza, e gli sembra più evidente che mai che le disparità siano molto reali e molto forti.
Ha citato ad esempio una persona condannata a 57 anni per aver ferito tre persone, mentre un’altra è stata condannata a 17 anni per averne uccise due. “Semplicemente è successo che uno fosse di una razza, e l’altro di un’altra. Ed ho visto persone venir messe letteralmente a morte per reati ancora minori, e questo mi preoccupa”.
Da quando la California ha reintrodotto la pena di morte nel 1978, 79 detenuti del braccio della morte sono morti per cause naturali, 26 per suicidio, e 13 sono stati giustiziati. Allo stato attuale, ha detto Newsom, sono 25 i detenuti che hanno completamente terminato l’iter di ricorsi disponibili, e per i quali avrebbe potuto essere fissata una data di esecuzione una volta terminati i ricorsi contro il nuovo protocollo di esecuzione.

(Fonti: Associated Press, 12/03/2019)

Altre news:
INDIA: SERGENTE DELL' AEREONAUTICA CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO
GIAPPONE: CONDANNATO A MORTE PER TRE OMICIDI
BIELORUSSIA: ORDINE DI ESPULSIONE PER IRANIANO CHE RISCHIA CONDANNA A MORTE
IRAN: TRE GIUSTIZIATI NEL SUD KHORASAN
MALESIA: CONDANNA A MORTE PER OMICIDIO
IRAQ: DUE CONDANNE A MORTE PER L’OMICIDIO DELL’AMBASCIATORE EGIZIANO
IRAN, NESSUNO TOCCHI CAINO LANCIA L’APPELLO PER LA LIBERAZIONE DI NASRIN SOTOUDEH
BANGLADESH: TRE CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN AUTISTA DI AUTO-RISCIÒ
ZIMBABWE: SERIAL KILLER CONDANNATO A MORTE
KENYA: LIBERATI DUE PRIGIONIERI DAL BRACCIO DELLA MORTE
NIGERIA: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER RAPINA A MANO ARMATA
IRAN: TRE IMPICCATI A URMIA
IRAQ: TRE CONDANNATI A MORTE PER ATTENTATO CONTRO SANTUARIO SCIITA
SUD SUDAN: TRE SOLDATI CONDANNATI ALLA FUCILAZIONE
NIGERIA: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER L’OMICIDIO DELLA MOGLIE
DELICETO (FG): 16-26 MARZO MOSTRA D’ARTE CONTEMPORANEA IN MEMORIA DI VINCENZO MAZZARELLA
IRAQ: DUE CONDANNATI ALL’IMPICCAGIONE PER TERRORISMO
THAILANDIA: CONDANNATO A MORTE PER ATTACCO ARMATO DEL 2017
EGITTO: A GENNAIO 56 CONDANNE A MORTE DEFINITIVE
BANGLADESH: UN IMPICCATO PER OMICIDIO
IRAN - Ebrahim Karkije impiccato nella prigione di Zahedan il 10 marzo
CALIFORNIA (USA): MORTO DI CAUSE NATURALI IL SERIAL KILLER JUAN CORONA
EGITTO: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UNA LAVORATRICE UCRAINA
TUNISIA: 31 CONDANNATI A MORTE PER TERRORISMO
INDIA: CORTE SUPREMA CONFERMA CONDANNA CAPITALE
TANZANIA: INSEGNANTE CONDANNATO A MORTE PER AVER UCCISO UN ALUNNO
INDIA: CORTE SUPREMA ASSOLVE DUE CONDANNATI A MORTE
MALESIA: GLI AVVOCATI CHIEDONO AL GOVERNO DI ABOLIRE LA PENA DI MORTE
INDIA: DECIMA CONDANNA A MORTE PER SURENDRA KOLI
TEXAS (USA): ALFRED DEWAYNE BROWN DICHIARATO INNOCENTE

[<< Prec] 1 2 3 [Succ >>]
2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  IRAN. NESSUNO TOCCHI CAINO, L’UE AGGIORNI LA LISTA DEGLI ESPONENTI DEL REGIME CHE VIOLANO I DIRITTI UMANI  
  CIAD: PARLAMENTO ABOLISCE LA PENA DI MORTE ANCHE PER IL TERRORISMO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits