Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA
DOSSIER GIAPPONE

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Catherine Nettleton (sin) e Saul Lehrfreund (des)
Catherine Nettleton (sin) e Saul Lehrfreund (des)
TAIWAN: IL BRITISH OFFICE TAIPEI CHIEDE DI ABOLIRE LA PENA CAPITALE

20 marzo 2019:

Il British Office Taipei, che mantiene e sviluppa le relazioni tra il Regno Unito e Taiwan, il 18 marzo 2019 ha invitato Taiwan ad abolire la pena di morte sulla base del rispetto dei diritti umani.
La pena di morte non dovrebbe esistere in una società democratica in cui i diritti umani siano rispettati, secondo il Rappresentante del Regno Unito a Taiwan, Catherine Nettleton.
Intervenendo in una conferenza stampa a Taipei sui Rapporti "Pro o Contro l'abolizione della pena di morte: evidenze da Taiwan" e "Condanne non sicure nei casi capitali a Taiwan", presentati il 17 marzo, Nettleton ha detto che nella mente degli inglesi, "la pena di morte "non è più un'opzione.”
I Rapporti sono stati redatti congiuntamente dal Death Penalty Project (DPP) con sede a Londra e dall'Alleanza di Taiwan per la Fine della Pena di Morte (TAEDP), che hanno espresso preoccupazioni sull'amministrazione della giustizia penale a Taiwan.
I Rapporti hanno inoltre evidenziato che la pena di morte può essere applicata in modo improprio, con il conseguente rischio di condanne non sicure o ingiuste.
Saul Lehrfreund, direttore esecutivo del DPP, ha dichiarato che i Rapporti sono stati redatti per "stimolare una discussione più informata sfidando le precedenti percezioni sull'opinione pubblica taiwanese riguardo questo argomento, e si spera che rimuovano uno dei principali ostacoli al progresso verso l'obiettivo dell’abolizione."
Il Rapporto sul favore o contrerietà dei taiwanesi alla pena di morte si basa su un sondaggio con 2.039 interviste faccia a faccia, secondo cui oltre l'80% degli intervistati rimane contrario all'abolizione della pena di morte, in linea con le indagini precedenti a Taiwan.
Sulla questione dell'abolizione della pena capitale e della sua sostituzione con l'ergastolo senza condizionale, c'è stato più sostegno, anche se i risultati dipendono dal momento in cui è stata posta la domanda nella lunga indagine di oltre 100 domande.
Tra gli intervistati che hanno risposto alla domanda all'inizio dell'indagine, solo il 34% ha sostenuto la sostituzione della pena di morte con l'ergastolo senza condizionale, contro il 63% di contrari.
Ma quando la domanda è stata posta alla fine del sondaggio dopo che molte altre domande hanno portato gli intervistati a riflettere sulla questione e a valutarne le complessità, l'opposizione all'abolizione della pena di morte è leggermente diminuita.
In quel caso, quasi la metà (il 48% contro il 49%) sosteneva l'idea dell'ergastolo senza condizionale al posto della pena di morte.

(Fonti: CNA, 18/03/2019)

Altre news:
APPELLO DI NESSUNO TOCCHI CAINO PER NASRIN SOTOUDEH
NESSUNO TOCCHI CAINO INVITA ALL’EVENTO IN RICORDO DI ENZO MAZZARELLA ‘NASCONDI LA PIETRA CHE CAINO NON LA TROVI’
BANGLADESH: CINQUE CONDANNATI A MORTE PER CRIMINI DI GUERRA
BRUNEI: OMOSESSUALITA’ E ADULTERIO PUNITI CON LA LAPIDAZIONE
TAIWAN: PENA DI MORTE PER CHI GUIDA UBRIACO E UCCIDE
IRAN: PADRE E FIGLIO GIUSTIZIATI PER DROGA
PAKISTAN: DUE CONDANNE CAPITALI ANNULLATE
SINGAPORE: MALESE GIUSTIZIATO PER OMICIDIO
SVIZZERA: ESTRADABILI I TERRORISTI CHE RISCHIANO LA PENA DI MORTE
EMIRATI ARABI UNITI: ASIATICO CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA MOGLIE
NIGERIA: CONDANNA A MORTE PER OMICIDIO
IRAQ: YAZIDA CONDANNATO A MORTE PER TERRORISMO
IRAN: GIUSTIZIATO A SHIRVAN PER OMICIDIO
NIGERIA: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER L’OMICIDIO DELLA FIDANZATA
ZAMBIA: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA MOGLIE E DEL SUO AMANTE
IRAQ: CONDANNA A MORTE PER TERRORISMO
L’ARABIA SAUDITA ESTRADA UN EGIZIANO CONDANNATO A MORTE
CAMBOGIA: PRIMO MINISTRO VUOLE LA PENA DI MORTE PER GLI STUPRATORI DI BAMBINI
SOMALIA: DUE MILIZIANI AL-SHABAB CONDANNATI A MORTE PER TERRORISMO
ZAMBIA: 14 DONNE NEL BRACCIO DELLA MORTE
BANGLADESH: QUATTRO CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
TRINIDAD E TOBAGO: UN CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO DEL 2006
EGITTO: CONDANNA A MORTE DEFERITA AL GRAND MUFTI
BANGLADESH: 15 CONDANNE A MORTE PER OMICIDIO NEL 2008
IRAN: IMPICCATO NEL CARCERE DI ZAHEDAN
NIGERIA: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER RAPINA A MANO ARMATA
VIETNAM: TRE CONDANNE A MORTE PER DROGA
IRAN: GIUSTIZIATO A TABRIZ PER OMICIDIO
IRAQ: BELGA CONDANNATO A MORTE PER TERRORISMO
INDIA: SERGENTE DELL' AEREONAUTICA CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO

1 2 3 [Succ >>]
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  CORTE DI STRASBURGO. NESSUNO TOCCHI CAINO, STORICA SENTENZA DELLA CEDU SUL CASO VIOLA vs ITALIA  
  IRAN. NESSUNO TOCCHI CAINO, RIDUZIONE DELLE ESECUZIONI PER DROGA MA I NUMERI RESTANO PREOCCUPANTI  
  DIRITTI UMANI: MANIFESTAZIONE PARTITO RADICALE DAVANTI AMBASCIATA IRANIANA 14 FEBBRAIO ORE 15  
  BIELORUSSIA: DUE DETENUTI FUCILATI PER OMICIDIO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits