Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

La Corte Suprema Usa
La Corte Suprema Usa
USA: UNA GIUDICE FEDERALE DI WASHINGTON FERMA LE ESECUZIONI FEDERALI

25 novembre 2019:

La Giudice federale Tanya S. Chutkan della Corte distrettuale degli Stati Uniti per il Distretto della Columbia ha emesso un'ingiunzione preliminare che impedisce al governo degli Stati Uniti di compiere le quattro esecuzioni previste per dicembre 2019 e gennaio 2020. Il parere, emesso il 20 novembre 2019 dal giudice Chutkan interrompe temporaneamente le esecuzioni federali in attesa che vengano completati i ricorsi contro il protocollo di esecuzione federale, ed è un duro colpo per il piano dell'amministrazione Trump di riprendere le esecuzioni federali dopo una pausa di sedici anni.
Il giorno dopo, il 21 novembre, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti (DOJ) ha presentato appello contro l'ordinanza, e il Procuratore Generale William P. Barr ha detto all'Associated Press che, se necessario, porterà il caso fino alla Corte Suprema degli Stati Uniti.
Il 25 luglio, il Dipartimento di Giustizia aveva annunciato che il governo federale intendeva riavviare le esecuzioni federali e che Barr aveva ordinato all'Ufficio federale delle carceri (BOP) di adottare un nuovo protocollo che specificava che le esecuzioni federali sarebbero state condotte usando il Pentobarbital. Barr aveva inoltre dato disposizioni affinchè il BOP programmasse cinque esecuzioni in un periodo di cinque settimane, fissando le date di esecuzione per Daniel Lewis Lee (9 dicembre), Lezmond Mitchell (11 dicembre), Wesley Ira Purkey (13 dicembre), Alfred Bourgeois (13 gennaio), e Dustin Lee Honken (15 gennaio). I detenuti hanno cercato di sospendere le esecuzioni avviando una serie di ricorsi costituzionali e sul metodo di esecuzione. La giudice Chutkan al momento ne ha ritenuto valido solo uno: se il Dipartimento di Giustizia avesse l'autorità legale per stabilire unilateralmente un nuovo protocollo di esecuzione. La giudice Chutkan ha stabilito che DOJ e BOP non ce l’hanno. In una motivazione di quindici pagine, ha scritto che la procedura di esecuzione proposta dal governo è in conflitto con le disposizioni del Congresso sulla pena di morte federale approvate nel 1994, e che i detenuti avrebbero probabilmente prevalso nel contenzioso in cui sostengono che il DOJ ha "superato la sua autorità statutaria" nell'adottare il protocollo. Chutkan sta presiedendo una causa avviata 14 anni fa in cui alcuni detenuti del braccio della morte federale contestano le procedure di esecuzione del governo degli Stati Uniti. Un'ingiunzione è stata a lungo in vigore per impedire al governo di giustiziare i detenuti titolari della causa. I cinque detenuti che DOJ ha selezionato per l'esecuzione non erano parti della causa, generando la critica che l'amministrazione Trump li avesse scelti tentando di aggirare la supervisione giudiziaria sul protocollo di esecuzione proposto dalla sua amministrazione. Quattro detenuti hanno chiesto di unirsi alla causa già in corso e fermare così l’imminente esecuzione. Il quinto detenuto, Lezmond Mitchell, non si è unito alla causa perché aveva già un appello federale penente sul suo caso personale, e di fatto il 4 ottobre una corte d'appello federale ha sospeso la sua esecuzione in modo da poter completare la revisione di un appello che era già dinanzi alla corte quando è stato firmato il suo mandato di esecuzione. Nell’emettere l'ingiunzione preliminare, Chutkan ha scritto che, senza di essa, i prigionieri "subiranno il danno irreparabile di essere giustiziati secondo una procedura potenzialmente illegale prima che le loro rivendicazioni possano essere completamente valutate e giudicate". Ha respinto l'argomentazione del governo che sosteneva che sarebbe stato (il governo) danneggiato da ulteriori rinvii delle esecuzioni, affermando che "non si fornsce un servizio al pubblico tentando di cortocircuitare il regolare processo, mentre il pubblico è ampiamente servito dal tentativo di garantire che la punizione più grave sia imposta legalmente".

(Fonti: New York Times, Washington Post, Associated Press, Bloomberg Law, Politico, Indiana Lawyer, 21/11/2019)

Altre news:
SOMALIA: DUE AL SHABAAB CONDANNATI A MORTE PER TENTATA STRAGE
COREA DEL SUD: IMPUTATO SCHIZOFRENICO CONDANNATO A MORTE PER INCENDIO DOLOSO E OMICIDI
ASSOCIAZIONI DEGLI AVVOCATI EUROPEI: PREMIO PER I DIRITTI UMANI 2019 A QUATTRO AVVOCATI IRANIANI
SRI LANKA: CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO
AFGHANISTAN: SOLDATO CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO
EGITTO: DONNA CONDANNATA A MORTE PER L’OMICIDIO DI UNA BAMBINA
VIETNAM: 11 CONDANNATI A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
PAKISTAN: SEI CONDANNE A MORTE PER OMICIDIO E DROGA
MALESIA: ASSOLTA AUSTRALIANA CHE ERA STATA CONDANNATA A MORTE PER DROGA
BANGLADESH: SETTE CONDANNATI A MORTE PER L’ATTACCO CONTRO IL CAFFE’ A DHAKA
EGITTO: EX MILITARE CONDANNATO A MORTE PER TERRORISMO
CONVOCAZIONE DELL’VIII° CONGRESSO DI NESSUNO TOCCHI CAINO
USA: SONDAGGIO GALLUP, PER LA PRIMA VOLTA LA MAGGIORANZA DEGLI AMERICANI PREFERISCE L’ERGASTOLO ALLA PENA CAPITALE
VIETNAM: QUATTRO CONDANNATI A MORTE PER TRAFFICO DI DROGHE
EGITTO: SETTE CONDANNATI A MORTE PER TERRORISMO
SOMALIA: TRIBUNALE MILITARE CONDANNA A MORTE MEMBRO DI AL SHABAAB
SINGAPORE: MALESE IMPICCATO PER TRAFFICO DI EROINA
PAKISTAN: EX BRIGADIERE IMPICCATO PER SPIONAGGIO
USA: EX GIUDICI STATALI E FEDERALI, PUBBLICI MINISTERI, FUNZIONARI DI POLIZIA E PARENTI DELLE VITTIME ESORTANO IL GOVERNO FEDERALE A SOSPENDERE LE ESECUZIONI
EGITTO: INDIANO CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
MALI: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN IMAM
PAKISTAN: SETTE CONDANNATI A MORTE PER IL SEQUESTRO E OMICIDIO DI UN RAGAZZO
ZAMBIA: TRE CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA NONNA
NIGERIA: NESSUN GOVERNATORE SOSTIENE LA PENA DI MORTE PER I DISCORSI DI ODIO
THAILANDIA: CONFERMATA CONDANNA A MORTE DI CITTADINO SPAGNOLO
PAKISTAN: DUE CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
LA REPRESSIONE IN IRAN NON E’ SOLO DI QUESTI GIORNI, DURA DA 40 ANNI – di E. Zamparutti
SIERRA LEONE: DICIOTTENNE CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO
EGITTO: UNA CONDANNA A MORTE PER TERRORISMO
TEXAS (USA): ESECUZIONE DI RODNEY REED RINVIATA A TEMPO INDETERMINATO

1 2 3 [Succ >>]
2021
gennaio
febbraio
marzo
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits