Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

BERLINO: ORSO D’ORO A ‘THERE IS NO EVIL’, FILM DEL REGISTA IRANIANO DISSIDENTE MOHAMMAD RASOULOF

3 marzo 2020:

“There Is No Evil”, un film del regista iraniano dissidente Mohammad Rasoulof, ha vinto il primo premio al Festival internazionale del cinema di Berlino 2020. Il film è composto da 4 episodi che hanno come elemento in comune la pena di morte.
Rasoulof, 48 anni, è uno dei registi più importanti del suo paese, anche se nessuno dei suoi film è stato proiettato in Iran dove sono stati banditi. Nel 2011, l'anno in cui ha vinto due premi a Cannes con il suo "Goodbye" sul tema censura, Rasoulof è stato condannato con il collega regista Jafar Panahi a sei anni di prigione e il divieto di fare film per 20 anni. I due registi erano accusati di “propaganda contro la repubblica islamica”. La sua sentenza è stata successivamente sospesa ed è stato rilasciato su cauzione. Nel 2017 le autorità iraniane hanno confiscato il passaporto di Rasoulof al suo ritorno dal Telluride Film Festival dove era stato proiettato il suo “A Man of Integrity”, sulla corruzione e l'ingiustizia in Iran. Sempre nel 2017 “A Man of Integrity” a Cannes aveva vinto il primo premio nella sezione Un Certain Regard.
Più di recente Rasoulof non è stato autorizzato dalle autorità iraniane a recarsi a Berlino. L’Orso d’Oro è stato ritirato dalla figlia del regista, Baran Rasoulof, che recita nel film. In una intervista telefonica a Variety prima della premiazione Rasoulof ha raccontato di come stia lottando con l'oppressione in corso nel suo paese, e di come le tensioni con Trump stiano peggiorando le cose.
Non solo Rasoulof non ha potuto lasciare l'Iran per ritirare il premio, ma i produttori del film a Berlino hanno sottolineato come tutti coloro coinvolti in questa opera hanno comunque corso un grosso rischio. Tuttavia, "avevamo l'obiettivo comune di inviare un messaggio forte all'attuale situazione nel cinema iraniano. Tutte le persone coinvolte nel progetto avevano precedentemente deciso di non accettare le circostanze esistenti nel Paese e di dire di no a qualcosa che non possono accettare moralmente. Il nostro film è anche una dichiarazione contro la censura". Uno dei produttori ha raccontato alla stampa la genesi del film: "Ha avuto l'idea per questo film quattro mesi fa, ci siamo messi subito al lavoro, perché non sapeva se sarebbe finito in prigione", "Lo sforzo, l'empatia e il rischio corso dal cast e dallo staff ha dato il risultato che avete visto sullo schermo".
A Berlino, durante la conferenza stampa finale, il regista è stato chiamato al cellulare. Comparso in videochiamata, è stato accolto da un caloroso applauso della stampa, ed è riuscito a rilanciare personalmente un messaggio sulla grande questione della responsabilità. Rasoulof ha spiegato che “There Is No Evil” riguarda "le persone che si assumono la responsabilità". "Volevo parlare di persone che allontanano la responsabilità da sé stesse e affermano che la decisione è presa da poteri superiori", ha detto. "Ma possono effettivamente dire di no, e questa è la loro forza."
Il presidente della giuria Jeremy Irons ha affermato che il film mostra "la rete che un regime autoritario tesse tra la gente comune, attirandola verso la disumanità".
There is no evil, che uscirà in Italia distribuito da Satine Film, racconta quattro storie piene di poesia con tanto di Bella ciao cantata in italiano per far capire che questo film sa dove vuole andare. Quattro storie che parlano di pena di morte, repressione, colpa e la capacità di schierarsi. Tutto parte con Heshmat (Ehsan Mirhosseini), marito e padre esemplare, un uomo che ogni moglie e figlia vorrebbero, uno che addirittura fa la tintura ai capelli della sua compagna. Ma alle tre di notte ha la sveglia, e va a fare un orribile lavoro, quello del boia. Anche per Pouya (Kaveh Ahangar) non è diverso. Non può immaginare, lui che è un soldato alle prime armi, di dover dare morte a un altro uomo, ma gli viene detto che deve farlo. Javad (Mohammad Valizadegan) invece è stato militare e ha ucciso. E ha anche ucciso l'uomo sbagliato. Così quando sta per chiedere alla sua amata se vuole sposarlo avrà una triste sorpresa. Protagonista dell'ultima storia Bahram (Mohammad Seddighimehr) un singolare medico impossibilitato a fare il suo lavoro. Per lui, che sta male, un ultimo imprescindibile appuntamento: quello di spiegare alla nipote il perché della sua vita da emarginato.
Nella sala della conferenza stampa finale è arrivata anche la notizia che sui social alcuni iraniani sarebbero stati "felici della vittoria", mentre altri invece hanno affermato che il film sia "politico", secondo quanto ha riferito un giornalista parlando in farsi.
Nella già citata intervista a Variety Rasoulof ha detto che dopo essere stato selezionato per il concorso della Berlinale il suo film ha ricevuto solo un paio di piccole menzioni ... Un giornale conservatore ha detto che Berlino non è un festival così grande, quindi non è un grosso problema. Questo è tutto. Non ho avuto alcuna reazione da parte delle autorità, ma me le aspetto”.
Variety ha insistito su come le tensioni con Trump abbiano un impatto sui registi in Iran. Rasoulof "C'è un contraccolpo conservatore, e il suo impatto sul cinema è molto evidente. Molto recentemente al Fajr Film Festival di Teheran metà dei film presentati sono stati interamente finanziati dal potere, dal governo. Più specificamente, dall'investimento militare che sta dietro questo fondo ... Quindi la comunità cinematografica indipendente sta diventando sempre più piccola. E la pressione che sentono indica che esiste un piano specifico da parte delle forze di sicurezza e militari in Iran per usare il cinema come strumento”.

(Fonti: Radio Farda, Repubblica, Variety, BBC, TimesofIsrael)

Altre news:
BANGLADESH: DUE CONDANNATI A MORTE PER GLI OMICIDI DI DUE BAMBINE
ZAMBIA: RAGAZZA CONDANNATA ALL’IMPICCAGIONE PER L’OMICIDIO DELLA MADRE
EGITTO: GIUSTIZIATO IL NOTO MILITANTE ISLAMISTA HISHAM AL-ASHMAWY
IRAN: RILASCIATI TEMPORANEAMENTE 54.000 DETENUTI NEL TENTATIVO DI COMBATTERE LA DIFFUSIONE DEL CORONAVIRUS
CORONAVIRUS. NESSUNO TOCCHI CAINO, SERVE UNA MORATORIA DELL'ESECUZIONE PENALE
CINA: CONDANNATO A MORTE PER OMICIDI AL CHECKPOINT ANTI-CORONAVIRUS
NIGERIA: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE NELL’EKITI PER RAPINA A MANO ARMATA
ARABIA SAUDITA: CORTE SUPREMA CONDANNA ALL’ERGASTOLO DISSIDENTE SCIITA
INDIA: CONDANNATO A MORTE NEL GUJARAT PER L’OMICIDIO E STUPRO DI UNA BAMBINA
EGITTO: 37 CONDANNATI A MORTE PER TERRORISMO

[<< Prec] 1 2 3
2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits