Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

USA - Guantanamo
USA: IL NEW YORK TIMES DESCRIVE LA SITUAZIONE ATTUALE NEL CAMPO DI DETENZIONE DI GUANTANAMO

18 marzo 2020:

Il New York Times descrive la situazione attuale nel campo di detenzione di Guantanamo.
“All'interno del posto più segreto nella baia di Guantánamo - Al Campo 7, i militari trattengono prigionieri che erano stati precedentemente detenuti e interrogati dalla C.I.A. Ma negli ultimi anni, le condizioni sono leggermente migliorate.[Questo articolo è stato prodotto in collaborazione con il Pulitzer Center on Crisis Reporting.]
Per anni, a partire dal momento in cui furono catturati e interrogati dalla C.I.A. dopo gli attacchi dell'11 settembre 2001, i prigionieri trascorrevano i loro giorni e le loro notti in isolamento, ogni uomo rinchiuso da solo in una cella, a volte avvolto nell'oscurità e nel rumore bianco.
Durante il periodo in cui sono stati chiusi nella rete di prigioni segrete della C.I.A., avrebbero ottenuto cibo solido se avessero soddisfatto i loro rapitori americani, liquidi se non lo facevano e una finta procedura medica chiamata "alimentazione rettale" se avessero rifiutato le loro razioni.
Più tardi, una volta arrivati nella baia di Guantanamo e collocati nel più segreto dei blocchi, chiamato Campo 7, sono stati tenuti in isolamento per gran parte della giornata. Quando gli fosse stato permesso di uscire dalle celle, le guardie li avrebbero portati in catene, e catene così brevi che potevano solo camminare a passettini.
I tempi sono cambiati. Ora i militari consentono ai 14 prigionieri di camminare senza catene quando si spostano dalle loro celle nei blocchi denominati Alpha e Bravo, fino ai cortili recintati per “l’aria”. Nei cortili possono pregare e condividere i pasti insieme, in gruppi di 6 o 8. Alcuni prigionieri del blocco Bravo hanno creato un tavolo da ping-pong.
Ogni blocco ha una cella che i militari hanno convertito in una dispensa comune con frigorifero, forno a microonde e spezie per la preparazione dei pasti. Con il permesso della prigione l'anno scorso, un avvocato della Marina ha donato una coscia di agnello da 50 dollari ai prigionieri, che in qualche modo sono riusciti ad arrostirla usando il microonde.
Il campo 7, che ospita Khalid Shaikh Mohammed e altri 4 uomini accusati di aver organizzato gli attacchi dell'11 settembre, è di gran lunga la prigione più misteriosa di Guantanamo. Sia la sua posizione all’interno della base, sia i costi di gestione sono classificati. Gli avvocati che hanno ottenuto dal tribunale militare il permesso di verificare le condizioni di detenzione sono stati portati in loco in furgoni senza finestre.
Una serie di comandanti che si sono susseguiti ha chiesto finanziamenti al Congresso per una ristrutturazione, descrivendo la struttura come deteriorata e potenzialmente pericolosa per il personale di guardia.
Consultando atti allegati alle fasi preliminari del processo contro Shaikh Mohammed, e intervistando persone che a vario titolo conoscono la struttura detentiva, i militari hanno alleggerito le condizioni di confinamento dei detenuti di Guantanamo, 6 dei quali attendono processi capitali. Il miglioramento della qualità della vita per i prigionieri ha anche ridotto il carico di lavoro delle guardie in un momento in cui i militari stanno riducendo il numero di truppe assegnate a Guantanamo.
Ora i militari, per 20 ore al giorno, controllano i prigionieri attraverso telecamere e altri sistemi di sorveglianza che il direttore della struttura, il colonnello Steven G. Yamashita, ha descritto come "un accordo di vita comune" che è nettamente diverso dagli anni di isolamento in condizioni umilianti nelle strutture della CIA.
Testimoniando l’anno scorso davanti al tribunale militare, il colonnello Yamashita ha spiegato di aver attuato i cambiamenti quando, nel giugno 2018, è subentrato al comando, ma che la decisione era stata presa in precedenza.
Il prigioniero rimane chiuso in cella 4 ore al giorno, di solito dalle 2 alle 4 di notte, e dalle 14 alle 16. Durante queste 4 ore i prigionieri devono rientrare nelle loro celle di 8 metri quadrati, con una porta e un cancello che vengono chiusi a distanza. I soldati entrano nel reparto solo dopo che i prigionieri sono rinchiusi. I militari, quando lo ritengono necessario, effettuano perquisizioni sui prigionieri, nelle celle e negli altri locali, come la dispensa alimentare, un'altra cella comune con libri e video approvati dalla prigione e il cortile all'aperto.
"Le condizioni di prigionia sono state effettivamente attenuate, eliminando una serie di inutili e assurde restrizioni applicate negli ultimi 10 anni”, ha affermato il maggiore James D. Valentine, avvocato della Marina. Rappresenta due ex prigionieri C.I.A. che sono detenuti come “detenuti ai sensi della legge di guerra”, il che significa che nessuno dei due è stato formalmente rinviato a giudizio davanti al tribunale militare.
Anche chi aveva comandato in precedenza la struttura detentiva aveva insistito per concedere ai prigionieri che rispettano il regolamento l’accesso a delle forme di socializzazione, misure che avrebbero migliorato la salute e la sicurezza sia dei militari di guardia sia dei detenuti. Anche per le guardie infatti il contatto continuo può essere pericoloso, così come l’isolamento può ottundere la mente dei prigionieri.
"L'isolamento è troppo personale e dispendioso in termini di risorse", ha affermato Stephen N. Xenakis, psichiatra, ex generale di brigata dell'esercito che cura i veterani di guerra degli Stati Uniti che soffrono di disturbo post traumatico da stress. "È meno oneroso per il personale se si prendono cura l'uno dell'altro. La tua community sarà più sana, più facile da gestire e più sicura."
I comandanti hanno affermato che ai prigionieri del Campo 7 non vengono applicati i protocolli previsti per chi ha subito torture. Secondo i loro avvocati i prigionieri soffrono di insonnia, lesioni cerebrali, dolori alla schiena, alle articolazioni e altri disturbi di cui attribuiscono la colpa ai brutali interrogatori della C.I.A..
Ma il dott. Xenakis ha affermato che uno dei vantaggi del “confinamento in comune” è che i prigionieri possono prendersi cura gli uni degli altri. Lo ha paragonato a "un vecchio concetto di medicina militare" che è stato adottato per la prima volta nelle cliniche psichiatriche del Walter Reed Medical Center nel 1971, durante la guerra del Vietnam, chiamato "terapia contestuale" (milieu therapy).
Dopo che il prigioniero Abd al Hadi al Iraqi ha subito cinque interventi chirurgici alla colonna vertebrale in nove mesi a Guantanamo a partire da settembre 2017, altri detenuti lo hanno aiutato con i pasti, l'igiene personale e altri aspetti della vita quotidiana. Per spostarsi usa un deambulatore a quattro ruote, e quando gli altri prigionieri del Blocco Alpha si inginocchiano in preghiera lui si siede su una sedia.
Nell'estate del 2018, l’allora portavoce della prigione descrisse l'approccio “comunitario” come componente di una strategia che deve tener conto che i prigionieri, che attualmente hanno tra i 32 e i 59 anni, potrebbero rimanere a Guantanamo tanto a lungo da morirvi.
"Bisogna immaginare detenuti ormai anziani, fratelli che si prendono cura l'uno dell'altro", disse allora la Comandante. Anne E. Leanos, della Marina. "Questa è la strada umana da percorrere." Gli spostamenti dalla prigione al tribunale, gli incontri con gli avvocati e con la Croce Rossa Internazionale - richiedono ancora misure di sicurezza che erano una volta di routine all'interno del campo 7: il prigioniero viene ammanettato con i polsi alla vita, e alle caviglie, e viene tenuto per le braccia da 2 soldati, e per la schiena da un altro.
Ma le guardie dell'esercito e della Marina che in precedenza passavano i pasti, le medicine e le provviste a ciascun detenuto attraverso una fessura nella porta della cella, e pattugliavano il corridoio fuori dalla doppia porta d'acciaio di ogni cella non sono più fissi dentro i reparti.
Ora, sono i detenuti che vanno alle guardie, in una zona intermedia, a ritirare le loro cose, a rispondere alle domande e a scambiare rifornimenti, tranne durante le quattro ore al giorno che sono confinati nelle celle. È uno stile di detenzione che una volta messo in pratica in altre parti della prigione anni fa aveva ridotto l'attrito tra i prigionieri e la custodia.
L'attuale dirigenza carceraria non ha risposto alle nostre domande su come l'attenuazione delle condizioni abbia influito sulla gestione militare che, come dicono fonti ufficiali, sta subendo una riduzione graduale delle truppe impegnate.
L'anno scorso sono stati circa 1.800 i militari che, in turni di 9 mesi, sono stati assegnati alle operazioni di custodia. La maggior parte provenivano dalla Guardia Nazionale e dalla Riserva. A Guantánamo attualmente sono detenuti 40 uomini, sono distribuiti in tre o quattro siti diversi, incluso il Campo 7.
Ora, secondo fonti militari, il Comando Meridionale ha disposto una graduale diminuzione degli effettivi, inizialmente del 12-14%. Questo dovrebbe ridurre il costo, che attualmente è i oltre 13 milioni di dollari l'anno per detenuto.
Ma l'idea di allentare le condizioni al Campo 7 risale al gennaio 2009, quando l'ammiraglio Patrick Walsh, vice capo delle operazioni navali, su incarico dell'amministrazione Obama, aveva valutato la conformità di Guantánamo alle convenzioni di Ginevra. L'ammiraglio aveva raccomandato di fare in modo che ai prigionieri fosse consentito di "comunicare tra loro dall'interno delle loro celle" e "massimizzare la vita in comune e le interazioni ricreative, seppure in linea con ragionevoli criteri di sicurezza".
Il miglioramento delle condizioni di detenzione può sembrare irrilevante ad un occhio esterno, ma è considerato significativo per uomini sottoposti per anni a forti privazioni.
I prigionieri ora possono indossare orologi - modelli non digitali, che non hanno la possibilità di interfacciarsi neppure casualmente con i ripetitori cellulari installati nella base nel 2016.
I prigionieri possono riceverli dagli avvocati o dalla Croce Rossa, così come possono ricevere scarpe ortopediche o altre scarpe, purché senza lacci.
L'abbigliamento non è più uguale per tutti. Ad esempio, Abu Zubaydah, un palestinese che all’epoca fu il primo prigioniero a subire il waterboarding dalla CIA, ora ha un cambio di vestiti, una specie di camice da ospedale, che mette quando si allena in cortile.
I pasti sono diventati un grande passatempo. I detenuti riadattano i pasti militari nella loro dispensa usando lo "spork", la tipica monoposata di plastica usata nelle prigioni che fa sia da forchetta che da cucchiaio. Coltelli e altri utensili da cucina “basici” sono vietati in carcere.
Subito dopo il Ramadan, il maggiore Valentine aveva acquistato una coscia di agnello congelata - etichettata halal per i musulmani in servizio nelle forze armate - presso lo spaccio della base, e l’aveva regalata a uno dei suoi clienti. Intera non entrava nel microonde. Sembra che la soluzione ideata dai prigionieri sia stata di appoggiarla sullo spigolo di uno dei cancelli aperti, e poi sbatterlo forte, fino a spezzarlo nella giusta misura. È ovvio che le guardie devono essersi accorti, dalle telecamere, di quello che stavano facendo. Ma non è stato possibile ottenere un commento ufficiale. Infatti, quello che succede a Camp 7 è “classificato”.
(Nota del traduttore: è stato mantenuto il termine “prigionieri” invece che detenuti perché questi uomini non solo non sono mai stati condannati, ma quasi tutti non sono mai stati nemmeno rinviati a giudizio. Tra l’altro è proprio questo il motivo per cui i sospetti terroristi islamici vengono tenuti in una base militare al di fuori del territorio Usa, per non dover applicare loro le normali leggi federali Usa che ovviamente vietano un comportamento del genere, ossia tenere una persona in perenne stato di “sospettato”).

(Fonti: New York Times, 15/03/2020)

Altre news:
INDIA: CONDANNATO A MORTE PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UNA BAMBINA
GIAPPONE: DIVENTA DEFINITIVA LA CONDANNA A MORTE DELL’OMICIDA DEI DISABILI MENTALI
SOMALILAND: 800 DETENUTI SARANNO LIBERATI CONTRO LA DIFFUSIONE DEL CORONAVIRUS IN CARCERE
BOTSWANA: DUE UOMINI GIUSTIZIATI PER OMICIDIO
ZIMBABWE: 5.000 DETENUTI LIBERATI CONTRO LA DIFFUSIONE DEL COVID-19 NELLE CARCERI
EGITTO: CINQUE CONDANNATI A MORTE PER INCIDENTE ALL’OLEODOTTO CHE CAUSO’ NOVE MORTI
YEMEN: GLI HOUTHI GRAZIANO MEMBRO DELLA MINORANZA BAHA’I CHE ERA STATO CONDANNATO A MORTE
LA GRAN BRETAGNA NON PUÒ FORNIRE AGLI STATI UNITI PROVE DA USARE IN CASI CAPITALI
SRI LANKA: IL PRESIDENTE CONCEDE LA GRAZIA A MILITARE CHE UCCISE DEI CIVILI TAMIL
GIAPPONE: PRIMA DI ESSERE IMPICCATO, MEMBRO SETTA AUM SHINRIKYO HA ESORTATO ASPIRANTI TERRORISTI A NON ESEGUIRE ATTENTATI
IRAN: 70 PRIGIONIERI POLITICI A TEHERAN E KARAJ PROTESTANO PER LA DIFFUSIONE DEL CORONAVIRUS
LE NAZIONI UNITE CHIEDONO DI INTERROMPERE L’USO DELLA PENA DI MORTE
NIGERIA: SEI CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
EMIRATI ARABI UNITI: CONDANNA A MORTE CONFERMATA PER PADRE CHE ABUSAVA DELLA FIGLIA
CINA: CONDANNATO A MORTE STUPRATORE CHE HA SEQUESTRATO LA VITTIMA PER 24 GIORNI
COLORADO (USA): ABOLITA LA PENA DI MORTE NELLO STATO
COREA DEL NORD: CONTRABBANDIERE GIUSTIZIATO PER AVER NASCONTO INFEZIONE DA COVID-19
YEMEN: CORTE HOUTHI CONFERMA CONDANNA A MORTE DI BAHA’I
ZIMBABWE: CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO E STUPRO
CARCERI. NESSUNO TOCCHI CAINO, BENE MATTARELLA SU DETENUTI COME PARTE DELLA COLLETTIVITA’
IRAN: CONDANNATO A MORTE UN ALTRO PARTECIPANTE ALLE ‘PROTESTE DI NOVEMBRE’
SIRIA: IL PRESIDENTE ASSAD CONCEDE L’AMNISTIA
INDIA: QUATTRO IMPICCATI PER L’OMICIDIO E STUPRO DI UNA RAGAZZA SUL BUS NEL 2012
IRAN: 10.000 DETENUTI GRAZIATI IN OCCASIONE DEL CAPODANNO PERSIANO E DELL’EPIDEMIA COVID-19
PAKISTAN: CONDANNATO A MORTE A SARGODHA PER OMICIDIO
PAKISTAN: CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO
NIGERIA: CONDANNATO A MORTE PER RAPINA A MANO ARMATA
GIAPPONE: NON VUOLE PRESENTARE APPELLO IL CONDANNATO A MORTE PER GLI OMICIDI DEI DISABILI
YEMEN: TRIBUNALE HOUTHI CONDANNA A MORTE 19 UFFICIALI DELL’ESERCITO
BANGLADESH: PADRE E ZIO CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN BAMBINO

1 2 3 [Succ >>]
2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits