Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

Navid Afkari
Navid Afkari
IRAN: NAVID AFKARI GIUSTIZIATO NELLA PRIGIONE DI ADELABAD A SHIRAZ

13 settembre 2020:

Navid Afkari è stato giustiziato la mattina del 12 settembre 2020 nella prigione di Adelabad a Shiraz.
Il direttore di Iran Human Rights, Mahmood Amiry-Moghaddam, ha dichiarato: "Navid Afkari è stato condannato a morte dopo un processo gravemente iniquo e sulla base di confessioni estorte sotto tortura. La sua esecuzione è considerata un crimine sia dal diritto internazionale che dalle leggi del Repubblica islamica. Il leader supremo Ali Khamenei, il capo della magistratura Ebrahim Raeisi e chiunque sia coinvolto in questo crimine, inclusa la televisione statale che ha mandato in onda le confessioni di Navid, devono essere ritenuti responsabili".
Ha aggiunto: "Chiediamo forti condanne internazionali. Senza forti reazioni internazionali, la vita di molti giovani manifestanti iraniani sarà in pericolo".
Navid Afkari aveva solo 27 anni. Era single, classe 1993, operaio edile e atleta professionista. Secondo la sua famiglia, aveva vinto diverse medaglie nelle competizioni nazionali di lotta.
Navid era stato condannato per l'omicidio di Hassan Turkman, una guardia di sicurezza in un edificio governativo che, secondo i documenti del tribunale, durante i disordini dell’agosto 2018 era stato inviato in borghese tra i manifestanti per identificarli.
Come Nessuno tocchi Caino ha riportato il 29 agosto e il 7 settembre 2010, Navid Afkari, assieme ai suoi fratelli Vahid e Habib, era stato arrestato il 17 settembre 2018. Nell’agosto di quell’anno in diverse zone dell’Iran, soprattutto nelle città di Shiraz, Rasht, Teheran, Mashhad, Ahwaz e Kermanshah, erano scoppiati focolai di protesta, dopo che il governo aveva disposto una pesante svalutazione della valuta iraniana, il rial. Nel corso degli scontri, secondo fonti ufficiali, furono uccisi uno dei manifestanti, e tre agenti di polizia. Vennero arrestate centinaia di persone. I tre fratelli sono stati arrestati con l’accusa di aver avuto ruoli diversi nell’uccisione di un agente in borghese. In seguito, l’accusa è stata meglio precisata: la vittima sarebbe stata Hassan Turkman, un agente di sorveglianza di una società per la distribuzione dell’acqua. I tre fratelli sono stati processati, e le loro condanne sono state confermate dalla Corte Suprema. Navid è stato condannato a morte, Vahid a 54 anni e 74 frustate, e Habib a 27 anni e 74 frustate. Nei giorni scorsi sul social media Twitter il caso aveva ricevuto moltissima attenzione, e probabilmente in reazione alla campagna iraniana e mondiale di solidarietà nei confronti dei fratelli Afkari, il 5 settembre la televisione statale IRIB aveva trasmesso brani videoregistrati dell’interrogatorio in cui i tre fratelli sembrano ammettere gli addebiti. In seguito, con un audio inviato in maniera clandestina dall’interno del carcere, Navid ha smentito le confessioni, attribuendole a torture e forti pressioni. IRIB sostiene che contro i tre imputati ci sarebbero immagini di alcune telecamere di sorveglianza, ma i fratelli sostengono che queste immagini non esistano, e di fatto non sono state mostrate durante i processi. Il 3 settembre Navid Afkari era stato trasferito nel reparto "Ebrat" (deterrenza) della prigione di Adelabad a Shiraz, considerato un reparto “punitivo” in un carcere di massima sicurezza. Si è appreso in seguito che due giorni dopo, il 5 settembre, anche i fratelli erano stati trasferiti.
Iran Human Rights aveva precedentemente pubblicato alcuni dei fascicoli che documentavano la tortura e aveva invitato la comunità internazionale a contribuire a fermare la sua esecuzione. Tutti i documenti sono stati messi a disposizione della comunità internazionale.

(Fonte: IHR, 12/09/2020)

Altre news:
COREA DEL NORD: CINQUE FUNZIONARI GIUSTIZIATI PER AVER CRITICATO LA POLITICA ECONOMICA DEL REGIME
NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 14 SETTEMBRE A SANT’ONOFRIO (VV)
IRAN: NESSUNO TOCCHI CAINO, ESECUZIONE DI NAVID AFKARI È ESPRESSIONE DELLA NATURA SANGUINARIA DEL REGIME
MALESIA: CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
IL VIAGGIO DELLA SPERANZA IN CALABRIA - DAGLI STATI DI EMERGENZA ALLO STATO DI DIRITTO
IRAN - Navid Afkari è stato giustiziato il 12 settembre, nella prigione di di Adelabad a Shiraz.
THAILANDIA: TRE CONDANNE CAPITALI ANNULLATE
NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ L’11 SETTEMBRE PRESSO IL CARCERE DI LECCE
IRAN - Khezr Ghavidel impiccato nella prigione di Urmia il 10 settembre.
PAKISTAN: CRISTIANO CONDANNATO A MORTE PER BLASFEMIA
ARABIA SAUDITA: DUE CONDANNATI A MORTE PER TERRORISMO
THAILANDIA: IL RE COMMUTA IN ERGASTOLO LA CONDANNA CAPITALE DI UNO SPAGNOLO
NIGERIA: CINQUE CONDANNATI ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO NELLO STATO DI RIVERS
NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 9 SETTEMBRE A TAVIANO (LECCE)
VIETNAM: CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
IRAN - Shahbaz Haddadi impiccato nella prigione di Borujerd il 9 settembre.
NIGERIA: CONDANNA ALL’IMPICCAGIONE PER OMICIDIO
BANGLADESH: TRE CONDANNATI A MORTE PER STUPRO
ARABIA SAUDITA: CONDANNE A MORTE COMMUTATE NEL CASO DELL’OMICIDIO KHASHOGGI
IRAN - Aggiornamenti sul caso Navid Afkari.
MALESIA: NEPALESE CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN CONNAZIONALE
ARABIA SAUDITA: TRE CONDANNATI A MORTE PER TERRORISMO
BAHRAIN: TRE CONDANNATI A MORTE PERDONO APPELLO FINALE
NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ L’8 SETTEMBRE A TARANTO
IL VIAGGIO DELLA SPERANZA IN PUGLIA - Dagli stati di emergenza allo Stato di Diritto
NIGERIA: MUSICISTA CONDANNATO A MORTE PER BLASFEMIA NELLO STATO DI KANO
VIETNAM: QUATTRO CONDANNATI A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
TANZANIA: CONDANNATA ALL’IMPICCAGIONE PER GLI OMICIDI DI SEI MEMBRI DI UNA FAMIGLIA
USA - Mississippi. Formalizzato il proscioglimento di Curtis Flowers, che viene iscritto con il n° 171 nella lista degli “esonerati” del DPIC.
ARABIA SAUDITA: SETTE MILITANTI DELLO STATO ISLAMICO CONDANNATI A MORTE PER OMICIDI DI SCIITI

[<< Prec] 1 2 3 4 [Succ >>]
2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  IRAN: NESSUNO TOCCHI CAINO, IMPICCAGIONE DEL MANIFESTANTE MOSTAFA SALEHI È UNA VERGOGNA PER IL MONDO COSIDDETTO DEMOCRATICO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits