Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

USA - Year end report
USA - Year end report
USA - “Rapporto di fine anno” del Death Penalty Information Center.

16 dicembre 2020:

“Rapporto di fine anno” del Death Penalty Information Center. Le esecuzioni e le condanne a morte scendono ai minimi storici nel 2020, anche se il governo federale aumenta le esecuzioni.

In un anno diverso da qualsiasi altro che ha caratterizzato dalla chiusura di molti tribunali a causa dalla peggiore pandemia in più di un secolo, da un risveglio nazionale sulle questioni di giustizia razziale, e un comportamento storicamente aberrante da parte del governo federale, le esecuzioni e le condanne a morte negli Stati Uniti sono cadute ai minimi storici. Il profondo calo delle condanne a morte e delle esecuzioni statali è stato senza dubbio un sottoprodotto della pandemia, ma anche prima che la pandemia colpisse, la nazione era in linea, per il sesto anno consecutivo, con il calo di condanne ed esecuzioni.

Il Colorado è diventato il 22° stato ad abolire la pena di morte e 2 stati, Louisiana e Utah, hanno raggiunto i 10 anni senza esecuzioni.

Di conseguenza, più di due terzi del paese, 34 stati, hanno abolito la pena capitale o non hanno compiuto un'esecuzione da più di un decennio. L'Oklahoma, lo stato che ha effettuato il terzo maggior numero di esecuzioni nell'era moderna, ha segnato cinque anni dalla sua ultima esecuzione. In contee che rappresentano il 12% del braccio della morte della nazione sono stati eletti, a novembre, nuovi procuratori riformisti che si sono impegnati a non usare mai la pena di morte o a perseguirla con parsimonia. La ripresa delle esecuzioni federali dopo 17 anni con una frenesia di esecuzioni senza precedenti ha segnato un valore anomalo nel 2020, poiché per la prima volta nella storia della nazione, il governo federale ha eseguito più esecuzioni di tutti gli stati dell'Unione insieme.

"A fine anno, più stati e contee si erano mossi per porre fine o ridurre l'uso della pena di morte, sono state inflitte meno nuove condanne a morte rispetto a qualsiasi anno precedente da quando la pena capitale è ripresa negli Stati Uniti negli anni '70 e gli stati hanno eseguito meno esecuzioni che in qualsiasi momento negli ultimi 37 anni", ha affermato Robert Dunham, direttore esecutivo del DPIC e autore principale di" The Death Penalty in 2020: Year End Report". "Quello che stava accadendo nel resto del paese ha dimostrato che le politiche dell'amministrazione non erano solo fuori passo con le pratiche storiche dei presidenti precedenti, ma erano anche completamente fuori passo con le pratiche statali odierne".

17 persone sono state giustiziate nel 2020, rispetto alle 22 del 2019. Solo cinque stati - Alabama, Georgia, Missouri, Tennessee e Texas - hanno compiuto esecuzioni quest'anno e solo 1, Texas, ne ha condotte più di 1. Il numero totale di esecuzioni è stato il più basso dal 1991 e, a livello statale, si è raggiunto il numero minore di esecuzioni dal 1983.

Le esecuzioni si sono interrotte completamente a livello statale a luglio per preoccupazioni di salute pubblica legate al COVID-19. Tuttavia, nel mezzo di una pandemia sempre più grave, il governo federale è andato avanti con le esecuzioni che hanno contribuito a un'epidemia nella Prigione Federale di Terre Haute, infettando almeno nove membri delle squadre di esecuzione federali, e diversi avvocati e almeno un religioso. Entro la fine del 2020, il governo federale aveva condotto più esecuzioni civili in cinque mesi rispetto a qualsiasi altra presidenza nel 20° o 21° secolo, compiuto le prime esecuzioni da un presidente uscente in 130 anni, e programmato più esecuzioni di quante ne siano mai avvenute in un periodo di transizione presidenziale nella storia degli Stati Uniti.

Il DPIC prevede che, per fine anno, ci sarà un record minimo di 18 nuove condanne a morte, un calo del 45% rispetto al precedente record minimo di 31 nel 2016. A causa della pandemia, questi numeri non sono significativi per valutare le tendenze a lungo termine. Tuttavia, la maggior parte delle condanne sono state inflitte nei primi 3 mesi del 2020, davanti ai tribunali di tutto il paese che hanno ritardato i processi a causa della pandemia, ed era già evidente in quel momento che il 2020 era sul ritmo per essere il sesto anno consecutivo con meno di 50 nuove condanne a morte. (Per “nuove” condanne si intende che non siano condanne emesse anni prima, annullate, e poi riemesse).

Solo 7 stati hanno emesso condanne a morte quest'anno: Florida (7), California (5), Texas (2), e 1 in Arizona, Mississippi, Ohio e Oklahoma.

Gli Stati Uniti, oltre che in Stati, sono divisi in 3.141 Contee. Le 18 condanne a morte del 2000 sono state emesse il 15 contee. Questo significa che praticamente quest’anno la pena di morte è stata applicata solo nel 14% degli stati, e nello 0,48% delle contee statunitensi.

Le disparità razziali manifestate nelle esecuzioni di quest'anno rimangono coerenti con le tendenze decennali, con quasi la metà degli imputati giustiziati che sono persone di colore e il 76% delle esecuzioni per la morte di vittime bianche.

“Il razzismo ha sempre inquinato l'uso della pena di morte e quest'anno non fa eccezione. La pena di morte - in quanto punizione più severa - deve far parte degli sforzi per affrontare il razzismo nel sistema giudiziario penale nel suo complesso", ha affermato Ngozi Ndulue, Direttore senior della ricerca e dei progetti speciali del DPIC e autore principale di "Injustice: the Persistence of Racial Discrimination in the US Death Penalty", che il DPIC ha pubblicato a settembre.

L'anno ha portato importanti sviluppi nella legislazione sulla giustizia razziale. La Corte Suprema della Carolina del Nord ha annullato la retroattività dell’abrogazione della legge sulla giustizia razziale, e quindi gli imputati che ne avevano fatto richiesta prima dell’abrogazione dovranno avere i loro casi rivalutati. Questa sentenza della Corte Suprema di Stato ha già ripristinato le condanne all'ergastolo concesse a 4 imputati, e lascia aperte le posizioni di più di 140 detenuti nel braccio della morte. In California, il legislatore ha approvato un ampio atto di giustizia razziale e una legislazione che rafforza il divieto di selezione discriminatoria della giuria.

Altri dati contenuti nel rapporto:

- Ogni detenuto giustiziato quest'anno aveva 21 anni o meno al momento del reato, o aveva almeno una delle seguenti menomazioni: prove significative di malattia mentale (8); evidenza di lesione cerebrale, danno cerebrale dello sviluppo o un QI nella gamma della disabilità intellettiva (6); traumi cronici gravi, negligenza e/o abuso infantile (14).

- 5 persone sono state esonerate dal braccio della morte nel 2020, portando il numero di persone esonerate dal braccio della morte a 172 dal 1973. In ciascuno dei cinque casi, comportamenti impropri del pubblico ministero hanno contribuito all’errore giudiziario.

- Con il Colorado che ha abolito la pena capitale quest'anno, più di 2/3 degli stati (34) hanno abolito la pena di morte o non hanno eseguito un'esecuzione in 10 anni. Secondo il sondaggio che Gallup effettua ogni anno, il 43% delle persone che si sono dichiarate contrarie alla pena di morte nel 2020 è il più alto livello di contrarietà dal 1966.

- 4 detenuti in 2 stati hanno ricevuto “clemenza” nel 2020.

A gennaio, il Georgia Board of Pardons and Paroles ha concesso la grazia a Jimmy Meders, appena sei ore prima della sua esecuzione programmata, commutando la sua condanna a morte in ergastolo senza condizionale. Il Board ha emesso la sua decisione dopo aver ricevuto dichiarazioni giurate da ogni membro vivente della giuria dal processo di Meders del 1989, tutti affermando che avrebbero inflitto una condanna all’ergastolo senza condizionale invece della pena di morte se fosse stata fornita tale opzione di condanna al momento del processo. Meders è il decimo detenuto del braccio della morte a cui è stata concessa clemenza in Georgia e il 291° negli Stati Uniti dal 1976.

Dopo l'abolizione della pena di morte in Colorado a marzo, il governatore Jared Polis ha commutato in ergastolo senza condizionale le condanne dei tre detenuti nel braccio della morte. In una dichiarazione rilasciata al momento delle commutazioni, Polis ha affermato di aver rimosso Nathan Dunlap, Sir Mario Owens e Robert Ray dal braccio della morte per riflettere la realtà che "la pena di morte non può essere, e non è mai stata, amministrata equamente nello Stato del Colorado."

- I candidati che hanno promesso riforme sistemiche, compreso l'uso ridotto o l'abbandono della pena di morte, hanno vinto le elezioni di procuratore in diverse giurisdizioni che hanno storicamente prodotto un gran numero di condanne a morte: Contea di Los Angeles (CA), di Travis (Austin, TX), di Orange-Osceola (Orlando, FL) e Franklin (Columbus, OH). In tutte le contee, i procuratori riformisti hanno preso il timone nelle contee che comprendono oltre il 12 per cento della popolazione del braccio della morte della nazione.

- Quasi tutte le esecuzioni federali hanno presentato importanti aspetti problematici, tra cui la prima esecuzione federale in assoluto di un nativo americano per un crimine commesso su terra tribale, in violazione della sovranità dei nativi; le prime esecuzioni federali di teenager (al momento del reato) in 78 anni; esecuzioni di persone con disabilità intellettiva o gravi malattie mentali; e la prima esecuzione federale in 57 anni per un crimine commesso in uno stato che aveva abolito la pena di morte.

https://deathpenaltyinfo.org/facts-and-research/dpic-reports/dpic-year-end-reports/the-death-penalty-in-2020-year-end-report

(Fonte: Death Penalty Information Center, 16/12/2020)

Altre news:
BANGLADESH: DUE CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN BAMBINO
PAKISTAN: CONDANNATO A MORTE PER UN OMICIDIO A SCOPO DI RAPINA
EGITTO: UNA CONDANNA A MORTE PER OMICIDIO
COREA DEL NORD: CAPITANO DI PESCHERECCIO GIUSTIZIATO PERCHE’ ASCOLTAVA RADIO FREE ASIA
PENA DI MORTE, ALL’ONU CRESCE IL FRONTE DEL NO
ONU: PER LA PRIMA VOLTA IL LIBANO VOTA A FAVORE DELLA MORATORIA SULLA PENA DI MORTE
‘MAMMA PERCHÉ NON POSSO PIÙ ABBRACCIARE PAPÀ?’ LA DOMANDA INNOCENTE DELLA FIGLIA DI UN DETENUTO
IRAN - Rasoul Ferdows è stato giustiziato nella prigione di Boroujerd il 18 dicembre.
MALESIA: GUARDIA DEL CORPO CONDANNATA A MORTE PER GLI OMICIDI DEL DATORE DI LAVORO E ALTRI DUE
IRAN - Agenti del ministero dell'Intelligence hanno distrutto la tomba di Navid Afkari
SRI LANKA: CINQUE CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
BANGLADESH: OTTO CONDANNATI ALL’IMPICCAGIONE PER L’OMICIDIO E STUPRO DI UNA BAMBINA
IRAN - Mohammad Moradi è stato impiccato il 17 dicembre nella prigione di Saqqez
IRAN - Shahab Javid è stato giustiziato il 17 dicembre nella prigione centrale di Qom.
SINGAPORE: CITTADINO DEL BANGLADESH CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA FIDANZATA
PENA DI MORTE. NESSUNO TOCCHI CAINO: ALTRO SUCCESSO DELLA MORATORIA ALL’ONU
BANGLADESH: CINQUE ASSOLTI IN UN CASO DI STUPRO DI GRUPPO
ZAMBIA: CONDANNATA A MORTE PER L’OMICIDIO DEL FIDANZATO
GIAPPONE: CONDANNATO A MORTE PER GLI OMICIDI DI NOVE PERSONE CONTATTATE TRAMITE TWITTER
BANGLADESH: 10 CONDANNE A MORTE E 5 ALL’ERGASTOLO PER OMICIDIO
IRAN - Francia, Germania e Austria reagiscono all'esecuzione del giornalista Zam
IRAN - L’Iran convoca gli ambasciatori di Francia e Germania e considera “intromissioni” le critiche per l’esecuzione di Zam.
IRAN - Il forum commerciale UE-Iran subito dopo l'esecuzione di un giornalista manda un segnale sbagliato
GIORDANIA: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER L’OMICIDIO DI UN AGENTE ANTI-DROGA
GIAPPONE: CONDANNATO A MORTE PER GLI OMICIDI DI CINQUE PERSONE
RITA NON SI FERMA: GIÀ UN MESE DI DIGIUNO PER SALVARE L’UMANITÀ DOLENTE IN CARCERE
‘PIANGIAMO NOSTRO FRATELLO, PERDONIAMO CHI L’HA UCCISO. È NOSTRO FRATELLO ANCHE LUI’
USA - Federale. Brandon Bernard, 40 anni, nero, è stato giustiziato.
USA - 9 persone che hanno partecipato all'esecuzione di Hall positivi al COVID-19
TANZANIA: CONDANNE A MORTE COMMUTATE PER 256 PRIGIONIERI DEL BRACCIO DELLA MORTE

[<< Prec] 1 2 3 4 [Succ >>]
2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits