Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

USA - Samuel Little
USA - Samuel Little
USA - California. È morto il serial killer Samuel Little

30 dicembre 2020:

È morto il serial killer Samuel Little, 93 vittime, NON condannato a morte. Smentendo clamorosamente l’assunto che la pena di morte negli Stati Uniti venga usata solo per punire i cosiddetti “peggiori tra i peggiori”, Little è stato in grado di “trattare” con la pubblica accusa, e in cambio della collaborazione per far ritrovare parte dei cadaveri, ha ottenuto di essere condannato “solo” a 4 ergastoli senza condizionale. Little, 80 anni, nero, è morto per malattia in un ospedale nei pressi della prigione statale di Lancaster, a nord di Los Angeles, dove era detenuto da alcuni anni.
Nel 2018 Little aveva confessato 93 omicidi commessi fra il 1970 e il 2012 in almeno 24 Stati americani, con una modalità operativa abbastanza costante: colpiva le sue vittime con un pugno, le violentava o si masturbava davanti a loro prima di strangolarle. Le donne erano quasi sempre prostitute, transessuali o tossicodipendenti, spesso afroamericane, nella convinzione che su quelle morti la polizia non si sarebbe impegnata molto. Si sbarazzava dei corpi gettandoli nei fossati, nelle discariche, nei cassonetti, o da dirupi. Little, figlio di una prostituta, aveva una lunghissima serie di precedenti. Il primo arresto, per tentato furto, risaliva al 1956, quando aveva 16 anni. Nel 1975 i suoi arresti erano saliti a 26, in 11 diversi stati. Nel 1982 venne arrestato in Mississippi per l’omicidio di una prostituta, ma venne prosciolto. Venne arrestato di nuovo il 5 settembre 2012 in Kentucky, dopo che analisti dei casi irrisolti avevano collegato il suo Dna a tre omicidi in California (Carol Elford, 13/07/1987; Audrey Nelson, 14/08/1989; e Guadalupe Apodaca, 03/09/1987). Estradato verso la California, nel 2014 venne condannato a tre ergastoli senza condizionale da scontare consecutivamente. Anche dopo queste 3 condanne, Little ha continuato a dichiararsi innocente. Trasferito in Texas e interrogato a più riprese dal FBI, nel maggio 2018 aveva iniziato a confessare una lunga serie di omicidi, sembra 93, in almeno 24 Stati americani. Solo 60 vittime sono state identificate chiaramente dagli investigatori. Sembra che la maggior parte degli omicidi sia stata commessa in California. Per i restanti casi all’uomo è stato chiesto di tracciare degli identikit. Con questi disegni, insieme ad altre informazioni collegate a una lunga serie di 'cold case', casi irrisolti di omicidio, che vanno dal 1970 al 2005, gli investigatori sperano di arrivare all'identificazione delle altre vittime. Rispondendo alle polemiche sul ritardo con cui si è arrivati a bloccare Little, e al sospetto che considerata la natura delle vittime le indagini non siano mai state molto attente, in un comunicato l'FBI ha dato la sua versione: Little prendeva di mira "donne emarginate e vulnerabili, spesso coinvolte nella prostituzione e tossicodipendenti". Ex pugile semiprofessionista, Little avrebbe preso a pugni le sue vittime prima di strangolarle. Questo modus operandi confondeva le acque per gli inquirenti, spesso infatti non c'erano "segni evidenti" come ferite o segni di arma da fuoco che la persona fosse stata uccisa, e la morte era attribuita a cause naturali, accidentali o a overdose. Non è mai stato ammesso esplicitamente, ma molti osservatori ritengono che, in cambio della collaborazione, Little abbia ottenuto di non essere condannato a morte. Questo ha riaperto una polemica sempre presente sul fronte della pena di morte: come successo in altri casi di serial killer, la “trattativa” per ritrovare i cadaveri fa sì che assassini seriali riescano ad evitare la pena di morte, cosa che invece non riesce ad assassini “occasionali”, smentendo l’assunto costituzionale che la pena di morte debba essere riservata solo “ai peggiori tra i peggiori”.
Intervistato nell'ottobre 2019 dal programma televisivo "60 Minutes", alla domanda perché avesse confessato gli omicidi, Little aveva risposto: "Probabilmente ci saranno molte persone che sono state condannate e mandate in un penitenziario per conto mio… Dico, se posso aiutare a far uscire qualcuno di prigione, sai, Dio potrebbe sorridermi un po' di più."
Little aveva spiegato la scelta delle vittime: "Erano al verde e senzatetto, prostitute, tossicodipendenti e altre donne ai margini, quasi sempre afroamericane, e sono cadute dritte dritte nella mia ragnatela… la polizia non ci avrebbe lavorato su troppo". "A volte tornavo nella stessa città e coglievo un altro grappolo d’uva… quanti grappoli avete qui nella vigna di periferia? Certo non avevo intenzione di andare laggiù, nel quartiere bianco, e scegliere una ragazzina. Lì avrebbero indagato". Nell’intervista del 2019 aveva concluso: “Non credo che ci sia stata un'altra persona che ha fatto quello che mi piaceva fare. Penso di essere l'unico al mondo. Non è un onore. È una maledizione."
Oltre a Little, i principali serial killer statunitensi (Gary Leon Ridgway (48 omicidi), Ronald Dominique (23 omicidi), Juan Corona (25 omicidi), Donald Harvey (37 omicidi), Darren Vann (7 omicidi), sono stati tutti condannati all’ergastolo.
(Sul caso Little, vedi anche NtC 13/02/2019)

https://www.cbsnews.com/news/samuel-little-serial-killer-dies-age-80-prison/

https://www.theguardian.com/us-news/2020/dec/31/samuel-little-deadliest-us-serial-killer-dies-at-80-with-many-victims-unknown

 

(Fonte: cbsnews.com, 30/12/2020)

Altre news:
IRAN - Fereydoun Tavakoli giustiziato il 31 dicembre nella prigione di Rasht.
KUWAIT: DONNA CONDANNATA A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA DOMESTICA FILIPPINA
IRAN - Le Nazioni Unite condannano l’esecuzione di Mohammad Hassan Rezaiee.
EGITTO: DUE CONDANNE A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA ‘RAGAZZA DI MAADI’
INDIA: CONDANNATO A MORTE DUE VOLTE PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UNA BAMBINA
IRAN - Mustafa Seifi giustiziato il 30 dicembre nella prigione di Sanandaj.
IRAN - Un uomo, identificato solo come Rostam, impiccato il 30 dicembre nella prigione di Rajaee Shahr.
KAZAKISTAN: PARLAMENTO RATIFICA IL SECONDO PROTOCOLLO OPZIONALE
GIAPPONE: NESSUNA ESECUZIONE NEL 2020
USA - Ohio. Romell Broom, vittima di una esecuzione abortita nel 2009, muore di Covid.
CINA: RIPRISTINATA CONDANNA A MORTE PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UNA BAMBINA
KUWAIT: EGIZIANO CONDANNATO A MORTE PER GLI OMICIDI DI DUE DONNE
INDIA: CONDANNATO A MORTE NELL’ASSAM PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UNA BAMBINA
TANZANIA: QUATTRO CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
PAKISTAN: CONDANNATO A MORTE PER LO STUPRO DI UNA RAGAZZA DISABILE
IRAN - Seyed Paki è stato giustiziato nella prigione centrale di Qom il 26 dicembre.
IRAN - Mehraban Barahouei e Khodadad Nohatani giustiziati il 26 dicembre nella prigione di Zahedan.
IRAN - Abdulhamid Mir-Balouchzehi impiccato il 26 dicembre nella prigione di Zahedan.
TRUMP HA FATTO DELL’AMERICA UNO STATO-CAINO: MAI COSÌ TANTE ESECUZIONI IN DUE SECOLI
NIGERIA: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER RAPINA A MANO ARMATA
USA - Federale. Sospensione dell'esecuzione di Lisa Montgomery.
USA - Pubblicata l’ultima edizione di "Death Row USA" aggiornata al 1° ottobre 2020
IRAN - 4 uomini impiccati nella prigione di Ahvaz il 24 dicembre.
SOMALIA: AL SHABAAB GIUSTIZIANO UN UOMO ACCUSATO DI OMICIDIO
GIAPPONE: NUOVO PROCESSO PER IL PRIGIONIERO DA PIÙ TEMPO AL MONDO NEL BRACCIO DELLA MORTE
KAZAKISTAN: VERSO LA RATIFICA DEL SECONDO PROTOCOLLO OPZIONALE
SOMALIA: AL SHABAAB TAGLIANO LA MANO DI UN UOMO ACCUSATO DI FURTO
EGITTO: TRIBUNALE INVIA TRE CONDANNE A MORTE AL GRAN MUFTI PER L’APPROVAZIONE
APPELLO DI REPRIEVE, IHR E NTC: IL GOVERNO ITALIANO NON FORNISCA SUPPORTO ALLA PENA DI MORTE IN IRAN
BANGLADESH: DUE CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN BAMBINO

1 2 3 4 [Succ >>]
2021
gennaio
febbraio
marzo
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits