Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

NON CHIAMATELA PREVENZIONE, QUESTA E’ UNA PERSECUZIONE

28 maggio 2021:

Pietro Cavallotti su Il Riformista del 28 maggio 2021

La chiamano “prevenzione” della mafia. Ci dicono che in Italia abbiamo il più efficace sistema normativo per contrastare la criminalità organizzata. Un sistema così bello che ce lo invidia tutto il mondo. Mi chiedo su quali basi poggino affermazioni così lontane dalla realtà. Da molti anni mi chiedo se sia efficienza o criminalità togliere il lavoro a un uomo assolto, confiscare l’azienda a chi non è mafioso o sciogliere un comune dove non ci sono mafiosi. Mi chiedo che cosa si “prevenga” perseguitando uomini incensurati, i loro figli e intere comunità. Ma soprattutto mi chiedo come si possa pensare di fare “antimafia” senza considerare gli effetti distruttivi che certe misure provocano sulla vita delle persone.
Qualche giorno fa ho ricevuto la chiamata di un uomo che ha l’età di mio padre. Il suo nome è Filippo Vasta. Un uomo distrutto, caduto in una profonda depressione che, da alcuni giorni, non vuole uscire di casa. Mi ha detto che non riesce a parlare con nessuno di quello che gli è successo e che ci riesce solo con me. Filippo è una persona semplice che ha sempre lavorato con umiltà e dedizione. Per un errore giudiziario è stato arrestato, si è fatto la galera da innocente, poi è stato assolto definitivamente ed è stato riconosciuto vittima di mafia. Nonostante tutto questo, a sua figlia è stata negata l’iscrizione nella white list: in poche parole non può lavorare nel settore pubblico e, per un’impresa come quella della famiglia Vasta che opera nel settore del gas e dell’acqua, significa morte certa. Il diniego viene fatto semplicemente perché è sua figlia, cioè figlia di un uomo innocente!
Mi ha fatto gelare il sangue nelle vene quando mi ha detto che ha pensato di farla finita. Mi si è letteralmente attorcigliato il cuore nel petto. Non si dà pace, crede di essere la causa della rovina dei suoi figli e che, togliendosi la vita, potrebbe salvare le loro di vite. Non parliamo di una persona fragile. Parliamo di una persona che è sopravvissuta alla mafia e al carcere. Eppure, di fronte alla follia di un’interdittiva, è caduto nella disperazione più profonda. Ci si sente così quando gli avvocati non sono in grado di dare risposte, quando i giornali e i politici se ne fregano, quando nessuno ti capisce fino in fondo. Sei assalito da un senso di colpa pari solo all’umiliazione che devi sopportare giorno dopo giorno. Lo Stato ti toglie il lavoro e perseguita le persone a te più care. Questa non è lotta alla mafia. Questa è istigazione al suicidio! Lo Stato Caino che se la prende contro chi ha il diritto di vivere una vita dignitosa.
Recentemente sono stato contatto da altre persone che stanno attraversando lo stesso dramma di Filippo. Hanno tutti paura di subire ritorsioni. Vi rendente conto? Quando un cittadino arriva a non gridare la propria innocenza e rinuncia a difendere i propri diritti per paura dello Stato, non siamo più in democrazia. Siamo in un regime!
È a tutte queste persone che mi voglio rivolgere nella speranza che le mie parole possano essere di conforto e infondere speranza nei loro cuori. Non si può mollare. La paura di rassegnarsi, di lasciarsi morire senza lottare è più forte della paura delle ritorsioni. Il suicidio non è la soluzione! Agli uomini e alle donne cui lo Stato sta togliendo la speranza, il futuro e la voglia di vivere io dico di resistere. Vi dirò una cosa: io, da figlio, rinuncerei per sempre a fare attività d’impresa piuttosto che privarmi di un solo giorno dell’affetto di mio padre. La colpa non è vostra. La colpa è dello Stato che usa strumenti barbari per perseguitare i suoi cittadini. La migliore risposta che possiamo dare è continuare a vivere e a lottare in maniera nonviolenta e, vivendo, troveremo una soluzione. Lo stiamo già facendo.
Non vi potete lasciare sopraffare, dovete reagire e reagire ancora, fino alla fine. Non ci possiamo permettere altri Rocco Greco! Costruiremo insieme la strada per uscire da questo vortice mortale delle misure di prevenzione. Andremo fino alla Corte Europea, scenderemo in piazza se sarà necessario. Ma, per fare tutto questo, bisogna essere in forze e non lasciarsi abbattere. I padri devono lottare per i figli e non lasciarsi morire per loro. E i figli la devono smettere di nascondersi o di piangersi addosso, devono uscire le palle a stare a fianco dei padri.
La battaglia per la revisione del sistema delle misure di prevenzione non è una semplice battaglia per la difesa dei diritti o del Diritto. È molto di più: è una battaglia per la salvezza della vita. Non c’è battaglia più nobile di quella per la vita. Io sono sicuro che la vinceremo con Nessuno tocchi Caino. Nel frattempo resistiamo! Nel frattempo viviamo!

Altre news:
ARABIA SAUDITA: OMICIDA PERDONATO DAL PADRE DELLA VITTIMA A POCHI MINUTI DALL’ESECUZIONE
IRAN - Abusi e molestie sessuali sistematiche contro le donne detenute
COREA DEL NORD: GIUSTIZIATO PER AVER VENDUTO ILLEGALMENTE FILM E VIDEO SUDCOREANI
IRAN - Yousef e Shamsi Pirostovan (Pir-Ostovan) giustiziati nella prigione di Qazvin il 30 maggio
IRAN - Incriminato per spionaggio il turista francese Benjamin Berier
IRAN - Identificati i 6 uomini di etnia baluca giustiziati nella prigione di Birjand
ZIMBABWE: UNA STATUA PER L’EROINA ANTI-COLONIALISTA IMPICCATA DAI BIANCHI
IRAN, PER IL DOPO-ROUHANI PRONTO IL ‘RE DELLA FORCA’
USA - Arizona. Ripristinata la camera a gas
VIETNAM: NIGERIANO CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
EGITTO: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DEL FRATELLO
TAIWAN: CONDANNA A MORTE PER OMICIDIO
CORTE SUPREMA: PENA DI MORTE CONFERMATA PER LA ‘RAPITRICE DI DAMMAM’
INDIA: CONDANNATI A MORTE 12 MEMBRI DI UNA BANDA DI RAPINATORI
USA - California. Commissione raccomanda l'abrogazione della pena di morte
SUDAN: PARAMILITARE CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN MANIFESTANTE
IRAN - Saba Kord Afshari in sciopero della fame
INDIA: 13 ASSOLTI NEL CASO DEL MASSACRO DI SENARI
ZAMBIA: CONDANNATO ALL’IMPICCAGIONE PER LO STUPRO E OMICIDIO DELLA FIGLIA DI TRE GIORNI
IRAN - Kianoosh Ali-Moradi e Ahmad Qodrati giustiziati nella prigione di Isfahan il 24 maggio
IRAN - Nuova sentenza nel caso artificioso contro Narges Mohammadi
IRAN - Il Belucistan non è meno della Palestina
IRAN - Una donna, Kobra Fatemi, impiccata nella prigione di Yazd il 23 maggio
IRAN - Saleh Shariati, minorenne condannato a morte, assolto in appello.
L’EREDITÀ SECONDO PANNELLA: ‘FATE DELLA MANCANZA UNA PRESENZA’
MALESIA: COPPIA CONDANNATA A MORTE PER L’OMICIDIO DEL FIGLIO
LA CONOSCENZA COME DIRITTO UMANO. IL CONSIGLIO D’EUROPA DICE SI’
VIETNAM: TRE CONDANNATI A MORTE A HO CHI MINH CITY PER REATI DI DROGA
USA - L’ergastolo senza condizionale è una condanna a morte, ma con meno protezioni legali
IRAN - Secondo PMOI/MEK alla data del 21 maggio le vittime del Coronavirus sarebbero 294.800

1 2 3 4 [Succ >>]
2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits