Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

AZIENDA DISSEQUESTRATA, FAMIGLIA IN OSTAGGIO

29 maggio 2022:

Pietro Cavallotti su Il Riformista del 27 maggio 2022

Due anni e mezzo di carcere preventivo, altri due di sorveglianza speciale, tre assoluzioni, un dissequestro confermato anche in secondo grado, 24 anni di calvario giudiziario. Ho perso il conto delle udienze, dei rinvii, degli articoli di giornale che ci sono stati inferti come coltellate. Sono questi i numeri della storia della mia famiglia, una storia lontana dal vedere la sua fine.
Nei giorni scorsi la Corte di Appello di Palermo ha dissequestrato la nostra azienda, bocciando gli appelli del Pubblico Ministero e del Procuratore Generale. Per meglio dire, è stato confermato il dissequestro del nulla perché quell’azienda, frutto del nostro lavoro e dei nostri sacrifici, durante l’amministrazione giudiziaria era stata messa in liquidazione per poi essere dichiarata fallita subito dopo la restituzione.
Siamo passati dalla sezione misure di prevenzione alla sezione fallimentare, dall’amministratore giudiziario al curatore fallimentare. Così, potremo sperimentare l’“efficienza” di altri settori della giustizia italiana. Ricordo il giorno del sequestro, emesso dalla sezione misure di prevenzione del Tribunale di Palermo, presidente Silvana Saguto. Era stato pubblicizzato dai giornali asserviti a quella sezione come l’esempio più fulgido di come si colpiscono le infiltrazioni della mafia nel tessuto economico. Tradotto: era l’esempio più ignobile di come giudici irresponsabili, grazie a una legge che conferisce loro il libero arbitrio, possono colpire persone colpevoli di nulla. Una legge fascista che, piuttosto che essere cancellata dal nostro ordinamento, è diventata uno dei totem dell’antimafia belligerante, con buona pace del compianto giudice Falcone che nel 1991 ammoniva su quanto fosse «gravemente distonica, rispetto ai principi dello "Stato dei diritti", oltre che inefficace, la pretesa di ricorrere massicciamente alle misure di prevenzione contro il crimine organizzato, trascurando il rigoroso accertamento delle responsabilità attraverso il processo penale». È successo, invece, che, tradendo Falcone, si è andati alla caccia dei patrimoni dimenticandosi di individuare i reati. Risultato? Un esproprio di dimensioni gigantesche che ha distrutto intere economie e la vita di tantissimi imprenditori incensurati, mai rinviati a giudizio o assolti definitivamente.
Poi ricordo il giorno del dissequestro e del silenzio tombale di quella stampa che dieci anni prima aveva distrutto la mia famiglia, elogiando i “paladini” che sarebbero stati condannati dal Tribunale di Caltanissetta per fatti gravissimi. Ci fu riconsegnata una società con debiti per milioni di euro nei confronti delle banche, dei dipendenti, dei fornitori e dell’erario. Abbiamo chiesto a diversi istituti di credito l’apertura di un conto per potere vendere ciò che era rimasto della nostra azienda e pagare i debiti dell’amministratore giudiziario. Nessuno ci ha voluto aprire un conto. È davvero assurdo: prima lo Stato ti sequestra la società senza un motivo, te la mette in liquidazione riempendola di debiti e dopo non ti consente di provare a pagare quei debiti.
Ma tutto questo non è bastato. Contro il Tribunale prima e la Corte di Appello poi, un magistrato ha deciso di fare ricorso in Cassazione: la nostra azienda deve essere confiscata. È convinto che i nostri padri, assolti con sentenza definitiva, siano mafiosi e che noi figli siamo colpevoli di avere imparato il loro mestiere. Si è avuto il coraggio di contestare persino l’inedito reato di “trasferimento fraudolento di esperienza lavorativa”! Solo in Italia può succedere che un magistrato possa tenere in ostaggio un’intera famiglia. A un magistrato fare ricorso non costa nulla, mentre per noi significa altri anni di vita persi tra avvocati, giudici e tribunali. Si ricorre a oltranza, forti di una totale irresponsabilità civile e professionale. Come si fa a non capire che la responsabilità civile servirebbe a salvaguardare i cittadini innocenti dall’arbitrio di magistrati che operano male e non a impedire a quelli che lavorano bene di colpire chi commette reati? Com’è possibile che lo Stato sia totalmente indifferente nei confronti delle sue vittime?
Forse lo Stato non interviene perché non vuole riconoscere i propri errori e, ancor più, il fallimento di un sistema di cui l’Italia si è fatta vanto nei più alti consessi internazionali. Eppure, è così semplice capire che chi sbaglia deve pagare e che le vittime degli errori giudiziari devono essere risarcite. Per farlo, basterebbe approvare le proposte di legge ferme al Senato e alla Camera dei Deputati a firma di
Gabriella Giammanco e Matilde Siracusano. Da molto tempo mi chiedo quale sia il senso della difesa in un processo di prevenzione. Noi abbiamo lottato con la consapevolezza di essere nel giusto. E con questa consapevolezza e con una speranza invincibile continueremo a difenderci dalla persecuzione giudiziaria ed extragiudiziaria, perché in fondo… la gente come noi non molla mai.

Altre news:
IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa
IRAN - Mehdi Faraji giustiziato a Isfahan il 31 maggio
IRAQ: MEMBRO DELL’ISIS CONDANNATO A MORTE PER LA PIANIFICAZIONE DI UN ATTENTATO
IRAN - Ayoub Latifi giustiziato a Kermanshah il 31 maggio
IRAN - Mehdi Amiri-Margavi giustiziato a Sari il 31 maggio
IRAN - Allah Nazar Esmailzehi giustiziato a Damghan il 31 maggio
NIGERIA: DUE CONDANNATI A MORTE PER RAPINA
IRAN - Un uomo, non identificato, giustiziato in una prigione non identificata nella zona di Saveh
NIGERIA: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA MOGLIE INCINTA
IRAN - Mehdi Sarhadi giustiziato a Isfahan il 29 maggio
IRAN - Un uomo, identificato solo come Shahab, giustiziato il 29 maggio a Mashhad
IRAN - Uomo, non identificato, giustiziato a Karaj il 29 maggio
IRAN - Akbar Hassanlou giustiziato a Zanjan il 29 maggio
L’’ALTRA’ GIUSTIZIA CHE SERVE PER COSTRUIRE LA PACE IN UCRAINA
RD CONGO: MILITARI E CIVILI CONDANNATI A MORTE PER VENDITA DI ARMI AI RIBELLI
IRAN - Hamidollah Sahrai giustiziato nella prigione di Chabahar il 28 maggio
IRAN - Nader Gorgij giustiziato nella prigione di Zabol il 28 maggio
KUWAIT: DOMESTICA ETIOPE CONDANNATA A MORTE PER L’OMICIDIO DI UN COLLEGA
GIAMAICA: ‘ERGASTOLO PIU’ EFFICACE DELLA PENA CAPITALE’, DICE IL MINISTRO DELLA SICUREZZA NAZIONALE
INDIA: TRE CONDANNE A MORTE PER OMICIDIO
INDIA: UN’ALTRA CONDANNA A MORTE PER SURINDER KOLI
USA - Oklahoma. Referti autoptici: i detenuti recentemente giustiziati avevano tutti liquido nei polmoni
IRAN - 8 uomini giustiziati nella prigione di Rajai Shahr il 25 maggio
USA - Texas. La condanna di Steven Butler commutata in ergastolo
IRAN - Uomo, identificato solo come R.A., giustiziato il 25 maggio
IRAN - Ladan Molasaeedi, una donna, giustiziata a Qarchak il 25 maggio
ZAMBIA: PRESIDENTE PRENDE LA ‘GRANDE DECISIONE’ DI ABOLIRE LA PENA CAPITALE
Caso Djalali: Salvini (il magistrato, non il politico) propone di convocare l'ambasciatore iraniano
INDIA: DUE CONDANNATI A MORTE PER DUPLICE OMICIDIO
AMNESTY INTERNATIONAL: NEL 2021 ENORME AUMENTO DELLE ESECUZIONI IN IRAN E ARABIA SAUDITA

1 2 3 4 [Succ >>]
2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
  NESSUNO TOCCHI CAINO PRESENTA IL VOLUME ‘IL VIAGGIO DELLA SPERANZA’ IL 10 SETTEMBRE A BRINDISI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits