Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali
DOSSIER GIAPPONE

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Organi Dirigenti
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

EGITTO: 10 CONDANNATI A MORTE NEL CASO DELLE BRIGATE HELWAN

30 giugno 2022:

Un tribunale del Cairo il 28 giugno 2022 ha condannato a morte 10 persone e altre 56 all'ergastolo nel processo di massa relativo al caso delle Brigate Helwan, i cui membri sono accusati in Egitto di aver commesso violenze.
Il Primo Circuito antiterrorismo del Tribunale Penale del Cairo ha tenuto un'udienza presso l'Istituto di Polizia di Tora, in cui ha emesso le sentenze per un totale di 215 imputati nel caso.
Il processo di massa è legato agli eventi accaduti tra l'agosto 2013 e il febbraio 2015, un periodo che ha visto un aumento degli attacchi, in particolare contro le forze di sicurezza, a seguito del colpo di stato militare contro il presidente egiziano Mohamed Morsi, eletto democraticamente.
Il tribunale ha condannato a morte sette degli imputati presenti. Tuttavia, questi fascicoli devono ora essere approvati dal Gran Mufti prima che le condanne diventino definitive.
Gli imputati presenti erano Magdy Mohamed Ibrahim, Mahmoud Attia Ahmed Abdel Ghani, Abdel Wahab Mustafa, Musab Abdel Hamid Khalifa, Abdullah Nader, Abdel Rahman Issa e Mahmoud Al Sayed Amin.
Gli altri tre imputati, Yahya al-Sayyid Ibrahim Musa, Mahmoud Abu Hasiba e Muhammad Ibrahim Hamid, sono stati condannati a morte in contumacia.
Nell'estate del 2014, un gruppo noto come Brigate Helwan pubblicò un video sui social media esprimendo il proprio sgomento per la "tranquillità dei Fratelli musulmani" nel trattare con il Ministero dell'Interno egiziano, proprio mentre i militari avevano estromesso Morsi.
Il gruppo avvertì le autorità dichiarando: “non vogliamo prendere le armi, ma siete voi che ci avete obbligato a ricorrervi per difenderci, per difendere le nostre donne, per difendere questa terra”.
Le accuse includevano la partecipazione ad atti terroristici, atti vandalici contro veicoli presso la stazione di polizia di Helwan, sabotaggio dell'edificio dell'Unità per il Traffico di Helwan, l'uccisione di diversi agenti di polizia, possesso di esplosivi e la detonazione di una bomba nell'al-Basha Cafe a Helwan.
In una dichiarazione, il gruppo per i diritti umani Comitato per la Giustizia (CFJ) ha affermato che alcuni degli imputati nel caso delle Brigate Helwan sono stati "sottoposti a torture psicologiche e fisiche".
Ha aggiunto che "66 imputati hanno dimostrato di essere stati sottoposti a sparizione forzata e detenzione segreta dal momento del loro arresto fino alla data della loro presentazione in Procura".
Il 28 giugno, i giudici hanno anche condannato cinque imputati a pagare 1,76 milioni di dollari di multa come risarcimento per "aver sabotato proprietà e strutture pubbliche, in particolare torri e trasformatori elettrici".
Altre 63 persone sono state condannate a 15 anni di carcere ciascuna, compresi i fotoreporter Khaled Mohamed Sahloub e Alia Nasreddin Awad.
Il tribunale ha anche condannato altri 35 imputati a 10 anni di carcere e ne ha assolti 43. Otto fascicoli sono stati chiusi a causa della morte degli imputati.
CFJ ha affermato che 35 imputati sono stati perseguiti senza disporre di un avvocato.
CFJ ha precisato che il tribunale ha incriminato gli imputati per aver fondato e guidato un gruppo illegale tra il 14 agosto 2013 e il 2 febbraio 2015 nei governatorati del Cairo e di Giza.
Per il tribunale, l'obiettivo delle Brigate Helwan era "la sospensione della Costituzione e delle leggi, per impedire alle istituzioni statali e alle autorità pubbliche di esercitare le loro funzioni, per attaccare la libertà personale dei cittadini e le libertà pubbliche e i diritti garantiti da Costituzione e legge, e di nuocere all'unità nazionale e alla pace sociale».
Dopo la pubblicazione del video del gruppo nel 2014, le forze di sicurezza hanno lanciato una campagna di arresti di massa, arrestando quasi 150 persone.

(Fonti: MEE, 29/06/2022)

Altre news:
EMIRATI ARABI UNITI: ANNULLATA IN APPELLO LA CONDANNA A MORTE DI ISRAELIANA
USA - Ketanji Brown Jackson ha giurato
IRAN - Omid Ebrahimi e Salar Nasiri giustiziati a Urmia il 30 giugno
IRAN - 10 detenuti giustiziati a Rajai Shahr il 29 giugno
IRAN - Jilan Nourzehi giustiziato a Kerman il 23 giugno
INDIA: CONDANNATO A MORTE PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UNA BAMBINA
NIGERIA: QUATTRO CONDANNATI ALL’IMPICCAGIONE A EKITI PER RAPINA A MANO ARMATA E OMICIDIO
UZBEKISTAN: LA NUOVA COSTITUZIONE VIETA LA PENA DI MORTE
USA - Biden deve mantenere la promessa di porre fine della pena di morte federale
IRAN - Nasrollah Iliad e un uomo non identificato giustiziati a Karaj il 27 giugno
GIORDANIA: SONO 239 I PRIGIONIERI DEL BRACCIO DELLA MORTE
ARABIA SAUDITA: LIBERATO GIOVANE PRIGIONIERO POLITICO CHE AVEVA RISCHIATO LA PENA CAPITALE
IRAN - Yousef Sanjari giustiziato a Jiroft il 26 giugno
LAMEZIA TERME: 27 GIUGNO PRESENTAZIONE DEL VOLUME ‘GIUSTIZIA E’ FATTA! Ma niente sarà più come prima’
BANGLADESH: SEI ISLAMISTI CONDANNATI A MORTE PER OMICIDIO
IRAN: FORCA A TUTTA VELOCITA’, QUANTI NE AMMAZZA NON SI SA
PRIMA, DURANTE E DOPO IL CARCERE: LE TRE VITE DI ROBERTO
COREA DEL SUD: CONDANNA A MORTE PER DUPLICE OMICIDIO
NIGERIA: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELL’AMANTE DELLA MOGLIE
MALESIA: COPPIA SI SALVA DAL PATIBOLO
NIGERIA: DOMESTICA CONDANNATA A MORTE PER OMICIDIO
IRAN - Per l'Iran il rapporto ONU sui diritti umani è "ingiusto e parziale"
IRAN - Rapporto del Segretario Generale delle Nazioni Unite sui diritti umani in Iran
MALESIA: SONO 1.341 I PRIGIONIERI NEL BRACCIO DELLA MORTE
NIGERIA: CONDANNATO A MORTE PER RAPINA A MANO ARMATA
IRAN - Abdulrashid Sahneh giustiziato a Gorgan il 20 giugno
IRAN - Abdol Latif Moradi giustiziato a Mashhad il 20 giugno
IRAN - Firuz Musalou giustiziato segretamente nella prigione di Urmia il 20 giugno
KENYA: OPINIONE PUBBLICA E PENA DI MORTE
IRAN - Rasoul Khosravi-Baboli e Gholam Eslami giustiziati a Shiraz il 19 giugno

1 2 3 4 [Succ >>]
2022
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
  2021
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2020
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
IRAN - La moglie di Djalali sollecita più impegno dall’Europa
  LA VETRINA E IL RETROBOTTEGA DEL NEGOZIO DELL’#ANTIMAFIA  
  ITALIA: DA ‘CULLA’ A ‘TOMBA’ DEL DIRITTO?  
  APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS  
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  ELISABETTA ZAMPARUTTI CONFERMATA AL CPT PER SECONDO MANDATO  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits