Anno
Ultime notizie
Archivio notizie
Guida all'uso della Banca Dati
MOZIONE GENERALE DEL VI° CONGRESSO DI NTC
La pena di morte nel mondo (al 30 giugno 2016)
DISCORSO di Papa Francesco
SINTESI DEI FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2015 (e dei primi sei mesi del 2016)
Analisi dati Rapporto 2015 e Obiettivi di NtC
Esecuzioni nel 2014
Esecuzioni nel 2015 (al 30 giugno)
Reportage Comore Sergio D'Elia
Reportage Niger Marco Perduca
Premio l'Abolizionista dell'Anno 2015
Messaggio di Sergio Mattarella al VI° Congresso di NtC
Relazione di Sergio D'Elia al VI° Congresso di NtC
Relazione di Elisabetta Zamparutti al VI° Congresso di NtC
Rapporto IL VOLTO SORRIDENTE DEI MULLAH
DOSSIER IRAN APRILE 2016
Dossier su Pena di Morte e Omosessualità
Reportage di Elisabetta Zamparutti
Protocollo di intesa tra NtC e CNF
Dichiarazione finale del seminario del Cairo 15/16 maggio 2017
Azioni in corso
Archivio azioni
Campagne in corso
Archivio campagne

FIRMATARI APPELLO ALLE NAZIONI UNITE

RISOLUZIONE ONU 2012
RISOLUZIONE ONU 2010

DICHIARAZIONE DI LIBREVILLE

Organi Dirigenti
Dossier Iraq 2003

Le sedi
DICHIARAZIONE DI COTONOU 2014

I video
RISOLUZIONE ONU 2014

Adesioni Comuni, Province, Regioni

BILANCI DI NESSUNO TOCCHI CAINO

La campagna per la moratoria ONU delle esecuzioni capitali

DONA IL 5x1000 A NESSUNO TOCCHI CAINO
DOSSIER IRAN

RAPPORTO DEL SECONDO FORUM ANNUALE DELL'UE SULLA PENA DI MORTE IN ZAMBIA

DEDUCIBILITA' FISCALE


Appello dei PREMI NOBEL
RISOLUZIONE ONU 2007
DOSSIER LIBIA
DOSSIER USA 2011
Abbiamo fatto
RISOLUZIONE ONU 2008
DOSSIER PENA DI MORTE 2008
VIDEO MISSIONE IN CIAD
Le pubblicazioni
RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI KIGALI 2011

DOSSIER MORATORIA
DOSSIER COMMERCIO LETALE
DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA DI FREETOWN 2014
Gli obiettivi

L'AUTENTICA STORIA DEL 'TERRORISTA' SERGIO D'ELIA
DOSSIER GIAPPONE

Acquista il rapporto di Nessuno tocchi Caino

Contributi artistici

Contattaci
Newsletter
Iscriviti a NTC
Acquista le pubblicazioni
Forum utenti
Scarica l'appello per la moratoria

TEXAS (USA): AZIONE DISCIPLINARE CONTRO L’EX VICEPROCURATORE DANIEL RIZZO

12 giugno 2019:

La richiesta è stata formulata il 5 giugno 2019 da John Raley, che nei mesi scorsi era stato nominato “Special Prosecutor” nella Harris County, ed aveva ricevuto l’incarico di riesaminare il caso di Alfred Dewayne Brown. Il 3 maggio 2019 il giudice George Powell della Harris County aveva ratificato la “Dichiarazione di Effettiva Innocenza” per Brown. Powell aveva formalizzato la dichiarazione che era stata presentata il 1° marzo dalla procuratrice distrettuale della Harris County Kim Ogg.
Brown, oggi 37 anni, nero, era stato condannato a morte nella Harris County il 25 ottobre 2005 con l’accusa di aver partecipato ad una rapina nel corso della quale, il 3 aprile 2003, erano rimaste uccise 2 persone, il poliziotto Charles R. Clark, 45 anni, e la commessa di un negozio, Alfredia Jones, 27 anni. All’epoca del processo Brown sosteneva di essere stato a casa con la fidanzata, e di aver fatto una telefonata. Il tabulato di questa telefonata è stato ritrovato solo nel 2013, a casa di un detective della squadra omicidi che si preparava a traslocare. Dopo il ritrovamento del tabulato lo stesso giudice che aveva condannato Brown aveva sollecitato la corte d’appello a rivedere rapidamente il caso, e l’allora procuratrice della Harris County, Devon Anderson, aveva dato parere favorevole. Il 5 novembre 2014 la Corte d’appello di stato aveva annullato il verdetto di colpevolezza di Brown, riconoscendo che si trattava di quello che in gergo si chiama “Brady case”, ossia il comportamento omissivo da parte della pubblica accusa che secondo la legge dovrebbe passare alla difesa anche le eventuali notizie positive riscontrate durante l’indagine. La procuratrice distrettuale Anderson, attenuando le responsabilità del suo predecessore Dan Rizzo, e definendone il comportamento omissivo “un errore, non un atto intenzionale, l’8 giugno 2015 aveva formalizzato la sua decisione di non tentare di riprocessare Brown. In quell’occasione aveva dichiarato: “Abbiamo reinterrogato tutti i testimoni, abbiamo ricontrollato tutte le prove, e siamo giunti alla conclusione che non abbiamo elementi sufficienti per sostenere la colpevolezza di Brown oltre il ragionevole dubbio. Quindi, come prevede la legge, ritiro le accuse contro il signor Brown e ne chiedo la scarcerazione”. Poche ore dopo, dopo 12 anni di carcere, 10 dei quali nel braccio della morte, Brown era stato scarcerato. Il ritiro delle imputazioni però, per la legge del Texas, equivale in un certo senso ad una assoluzione per insufficienza di prove, e non dà diritto al risarcimento da parte dello stato, che in questo caso viene valutato in quasi 2 milioni di dollari. Con la dichiarazione di “actual innocence” Brown, che nel 2015 era stato aggiunto con il n° 154, alla sua lista degli “esonerati” dal braccio della morte del Death Penalty Information Center, ha potuto avviare la causa di risarcimento. Nel 2018, dopo che era stata accertata l’esistenza del tabulato telefonico che scagionava Brown, era stata la procuratrice Distrettuale della Harris County attualmente in carica, Kim Ogg, ad avviare l’azione disciplinare, oggi confermata dal procuratore speciale Raley. Come è noto negli Usa i rappresentati della pubblica accusa appartengono all’ordine degli avvocati, e per tanto una azione disciplinare viene intentata davanti alla Texas State Bar, l’associazione professionale degli avvocati. Rizzo, che si è difeso dicendosi all’oscuro di tutto, e facendo notare che all’epoca aveva solo 27 anni, rischia di perdere la licenza professionale di avvocato. Per quanto il Texas sia uno degli stati con la più dura politica penale, non è la prima volta che un pubblico ministero viene sanzionato per non aver rispettato i diritti della difesa.

 

(Fonti: Houston Chronicle, 05/06/2019)

Altre news:
SIRIA: AMNISTIA CONCESSA DAL PRESIDENTE BASHAR AL-ASSAD
EGITTO: SEI CONDANNATI A MORTE PER TERRORISMO
OHIO (USA): FIGLIO DI UNA VITTIMA CONTRARIO ALLA PENA DI MORTE
CINA: NUOVE LINEE GUIDA SULLA PENA DI MORTE
THAILANDIA: CONDANNATO A MORTE PER GLI OMICIDI DI CINQUE FAMILIARI
SOMALIA: UN CONDANNATO A MORTE E UN’ALTRO ALL’ERGASTOLO PER TERRORISMO
EGITTO: SEI CONDANNATI A MORTE NEL CASO DEL COMITATO DI RESISTENZA PUBBLICA DI KERDASA
NIGERIA: DUE CONDANNE A MORTE PER RAPINA A MANO ARMATA
INDIA: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO E STUPRO DI UNA BAMBINA
VIETNAM: LAOTIANO CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI DROGA
SINGAPORE: CONDANNA A MORTE PER TRAFFICO DI EROINA
GIAPPONE: PADRE DI UN BAMBINO UCCISO E ATTIVISTA CONTRO LA PENA DI MORTE
NIGERIA: 2.742 DETENUTI NEL BRACCIO DELLA MORTE
SUDAN: LA GIUNTA MILITARE ANNULLA LE CONDANNE A MORTE DEI RIBELLI
SIRIA: DUE CONDANNATI A MORTE PER L’OMICIDIO DI UNA DOMESTICA FILIPPINA
VIETNAM: DUE CONDANNE A MORTE E QUATTRO ALL’ERGASTOLO PER TRAFFICO DI DROGA
SOMALIA: SOLDATO CONDANNATO A MORTE PER OMICIDIO DI CIVILI
NIGERIA: NELLO ZAMFARA GRAZIATI 150 DETENUTI INCLUSI 5 NEL BRACCIO DELLA MORTE
TEXAS (USA): GIUSTIZIATO BILLY JACK CRUTSINGER
UGANDA: PARLAMENTO ABOLISCE PENA DI MORTE OBBLIGATORIA
CINA: 19 CONDANNATI AL CARCERE PER TRAFFICO DI DROGA
SOMALIA: TRE CONDANNE A MORTE CONFERMATE NEL PUNTLAND
IRAQ: 100 IMPICCATI DA GENNAIO
NIGERIA: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA FIDANZATA
SRI LANKA: CONDANNATO A MORTE PER TRAFFICO DI EROINA
INDIA: COMMUTAZIONE DI CONDANNA A MORTE NEL KERALA
BANGLADESH: CONDANNA A MORTE PER CRIMINI CONTRO L’UMANITÀ
CINA: AUTISTA GIUSTIZIATO PER LO STUPRO E OMICIDIO DI UNA PASSEGGERA
SRI LANKA: TRE CONDANNE CAPITALI PER OMICIDIO
THAILANDIA: CONDANNA A MORTE CONFERMATA PER DUE CITTADINI DEL MYANMAR

1 2 [Succ >>]
2019
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
  2018
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2017
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2016
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2015
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2014
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2013
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2012
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2011
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2010
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2009
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
2008
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2007
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2006
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2005
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
  2004
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 
APPELLO AL GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA PER JARVIS JAY MASTERS
  MOZIONE GENERALE DEL 40ESIMO CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PARTITO RADICALE NONVIOLENTO, TRANSNAZIONALE E TRANSPARTITO  
  CORTE DI STRASBURGO. NESSUNO TOCCHI CAINO, STORICA SENTENZA DELLA CEDU SUL CASO VIOLA vs ITALIA  
  APPELLO DI NESSUNO TOCCHI CAINO PER NASRIN SOTOUDEH  
  NESSUNO TOCCHI CAINO INVITA ALL’EVENTO IN RICORDO DI ENZO MAZZARELLA ‘NASCONDI LA PIETRA CHE CAINO NON LA TROVI’  
  IRAN. NESSUNO TOCCHI CAINO, RIDUZIONE DELLE ESECUZIONI PER DROGA MA I NUMERI RESTANO PREOCCUPANTI  
news
-
azioni urgenti
-
banca dati
-
campagne
-
chi siamo
-
area utenti
-
privacy e cookies
-
credits